Bottas soffre il nero Mercedes: "Mi ha fatto perdere 3 chili!"

Valtteri ha perso ben 3 chili durante il GP di Spagna. Lui punta il dito contro il nero adottato dalla Mercedes in questa stagione: "Fa troppo caldo. Io sono in forma, ma così la situazione non è comoda".

Bottas soffre il nero Mercedes: "Mi ha fatto perdere 3 chili!"

"Queste tute nere sono fottutamente bollenti!". No, non è un'affermazione sconcertante e sessista, bensì un insolito team radio che Valtteri Bottas ha regalato durante il Gran Premio di Spagna svolto ieri sulla pista del Montmelo, a pochi chilometri da Barcellona.

Il finnico, ora terzo nel Mondiale Piloti, si riferiva alla livrea tutta nera che le W11 e le tute dei piloti hanno adottato poco prima dell'avvio del Mondiale 2020 e che ha sostituito la classica colorazione argentata per lanciare un messaggio anti razzista.

Un'iniziativa lodevole, promossa da Lewis Hamilton e accolta a braccia aperte dai vertici del team e della Casa di Stoccarda. Le W11, diventate ancora più eleganti e intimorenti in quel nero minaccioso (per gli avversari) sono però diventate ancora più... bollenti. Tute comprese.

Il nero, si sa, è un colore che innalza le temperature e le W11 non fanno eccezione. Ecco spiegato il team radio di Valtteri, ma anche ciò che ha detto al termine della gara: "In macchina faceva davvero caldo. Quest'anno è stato anche più caldo. Abbiamo cambiato il colore della livrea e delle tute ed è noto come il nero faccia aumentare il caldo, specialmente quando sei esposto al sole".

"Non conosco i numeri, non so quanti gradi porti in più avere una livrea nera rispetto a una bianca, ma quest'anno in macchina fa davvero caldo. Inoltre c'è anche una nuova omologazione per le tute, quindi sono più spesse e la biancheria intima è più spessa, quindi non so che effetto abbia".

"Faceva così caldo che ho detto: 'Ragazzi, sapete che queste tute sono troppo calde'. E di sicuro il bianco sarebbe più fresco in termini di temperature. Oggi, per esempio, ho perso 3 chili in gara, che è davvero tanto!".

"In questo modo, il caldo può anche iniziare a influire sulle prestazioni. So che tra tutti i piloti sono uno dei più in forma, se non il più in forma, quindi posso sopportarlo, ma non è mai una cosa comoda e ci sono sempre cose che possiamo migliorare".

Già prima dell'avvio della stagione si ipotizzava che il colore nero avrebbe avuto un impatto sul raffreddamento della vettura. Non a caso Toto Wolff aveva affermato che il team aveva tenuto in considerazione anche questo problema.

"Alla fine, i messaggi e il marketing sono importanti, ma se le prestazioni vengono danneggiate non è una gran soluzione", aveva detto.

James Vowles, direttore delle strategie, ha poi affermato dopo l'Austria che il nero non ha rappresentato un problema per le monoposto di Brackley: "All'interno del cofano motore c'è un rivestimento argentato che resiste al calore. E' stato messo indipendentemente dal colore della livrea esterna".

"Non abbiamo riscontrato alcuna differenza sulle temperature dei radiatori o si altre temperature dei sistemi centrali all'interno della monoposto. Parlo sempre pensando al colore nero della nostra livrea".

condivisioni
commenti
Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!
Articolo precedente

Leclerc aveva le cinture slacciate: si è dovuto fermare!

Prossimo Articolo

Report F1: Perché la crisi Ferrari non trova risposte?

Report F1: Perché la crisi Ferrari non trova risposte?
Carica commenti
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021