Binotto: "Peccato per Charles. Il bicchiere è mezzo pieno"

Il team principal della Ferrari ha esaltato la gara di Sainz e ha spiegato come nel risultato finale di Leclerc abbia influito un difetto di comunicazione che ha influito notevolmente facendolo precipitare fuori dai punti.

Binotto: "Peccato per Charles. Il bicchiere è mezzo pieno"

Terzo Carlos Sainz, tredicesimo Charles Leclerc. La Ferrari lascia Sochi con sentimenti contrastanti. Da un lato c’è la felicità per il podio conquistato dallo spagnolo, grazie anche ad una chiamata perfetta per montare le intermedie che ha consentito a Sainz di ottenere un piazzamento ormai insperato. Dall’altro, invece, c’è l’amarezza per aver completamente sbagliato i tempi di ingresso ai box per Leclerc.

Il monegasco ha provato a chiudere la gara con gomme slick, ma è stato costretto a montare le intermedie all’ultimo giro, quando le condizioni meteo erano ormai proibitive, vanificando così una gara condotta tutta all’attacco.

Mattia Binotto, intervenuto a fine gran premio ai microfoni di Sky Sport F1 HD, ha tracciato un bilancio di questa trasferta russa cercando di guardare il bicchiere mezzo pieno.

“Guardiamo agli aspetti positivi del weekend. Carlos ha disputato fine settimana senza errori. Ha avuto una buona qualifica ed oggi è partito molto bene. Ha gestito molto bene le gomme e la scelta di montare le intermedie è stata tempestiva. Sono molto contento per il suo podio”.

“Peccato per Charles, ma dobbiamo guardare il bicchiere mezzo pieno. Ha fatto una ottima partenza, una grande rimonta, ed ha avuto un buon ritmo gara. Si è trovato lì con Verstappen per capire quanto sia stata buona la sua gara sino a quel momento”.

“Il tempismo per il passaggio alle intermedie nel suo caso, purtroppo, non è stato ideale. È un peccato perché il risultato finale poteva essere migliore. Impareremo anche da questo”.

Il team principal della Ferrari ha poi spiegato nel dettaglio cosa non abbia funzionato nel finale di gara di Leclerc.

 “Solitamente in condizioni di pista che passa da bagnato ad asciutto è il muretto che indica al pilota quando cambiare gomme sulla scorta dell’analisi dei dati, mentre nel caso contrario ci si affida al pilota per capire quanto può continuare. Charles nel giro prima della sosta ha realizzato un tempo discreto, ma noi ci saremmo dovuti rendere conto che in alcune parti del tracciato stava diluviando e non poteva più restare fuori con le slick. In quel frangente, forse, c’è stato un difetto di comunicazione”.

In questo Gran Premio di Russia sono stati molti i team che hanno faticato in occasione della prima sosta perdendo secondi preziosi. Anche la Ferrari non è stata impeccabile, ma Binotto ha voluto fare chiarezza affermando come le problematiche odierne, almeno per quel che riguarda il team di Maranello, siano dipese esclusivamente da errori umani.

“Non è stata la direttiva della FIA ad incidere sui tempi del cambio gomme. Semplicemente non siamo stati abbastanza bravi. Per i meccanici è una stagione molto intensa e c’è anche una stanchezza fisica da considerare. Questa non vuole essere una scusa, ma un punto su cui riflettere per migliorare”.

Il weekend di Charles Leclerc è stato senza dubbio condizionato dall’adozione della quarta power unit che ha costretto il monegasco a prendere il via dal fondo della griglia. La scelta della Ferrari, però, è stata effettuata anche in ottica 2022 perché sulla vettura del monegasco è stato installato un nuovo sistema ibrido che sarà presente anche sul motore del prossimo anno.

Binotto si è detto soddisfatto dei riscontri ottenuti in gara ed ha sottolineato come anche sulla monoposto di Sainz al più presto verrà montata la quarta unità.

“La power unit del 2022 sarà molto diversa da quella attuale, mentre la parte ibrida, e la batteria, utilizza la tecnologia che abbiamo introdotto in gara. Per noi era importante provarla questo weekend perché rappresenta un salto tecnologico notevole ed era necessario fare esperienza in vista del progetto del prossimo anno. Ha funzionato bene e credo che oggi abbia contribuito alla rimonta di Charles. È un fattore positivo per il resto della stagione”.

“Vogliamo montare al più presto anche la quarta power unit sulla vettura di Carlos. Sicuramente ci concederà un vantaggio, ma dobbiamo valutare anche la pista dove fare questa scelta”.

condivisioni
commenti
Norris, il volto della delusione: "Errore mio e del team"

Articolo precedente

Norris, il volto della delusione: "Errore mio e del team"

Prossimo Articolo

Stroll penalizzato di 10" per il contatto con Gasly

Stroll penalizzato di 10" per il contatto con Gasly
Carica commenti
F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali Prime

F1 | Mercedes: la paura che fa perdere i Mondiali

La Mercedes è protagonista di questa nuova puntata de Il Primo degli Ultimi. Al team di Brackley viene imputata la mancanza di coraggio e di voglia di osare, figlia di chi è abituato ad anni di dominio incontrastato e ora che vede un mondiale scivolargli tra le dita, non vuole andare oltre ciò che dicono i dati per paura di rischiare troppo

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse" Prime

Minardi: "Verstappen ha anche la maturità del fuoriclasse"

Il Gran Premio degli Stati Uniti ha regalato tante sorprese e delusioni. In questo nuovo video di Motorsport.com, ecco i voti ai piloti stilati e commentati da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Max ha gestito il posteriore meglio di Lewis"

Max Verstappen ha saputo gestire meglio un posteriore instabile per tutti, in occasione del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1. L'olandese allunga in classifica su Hamilton, che lascia Austin con una vera e propria mazzata a livello morale

Formula 1
25 ott 2021
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Formula 1
24 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021