Binotto: "La parte meno bella del weekend è la prestazione"

Il team principal della Ferrari è soddisfatto per il terzo posto di Charles Leclerc e per i progressi mostrati a Silverstone dal monegasco, anche se la concorrenza è ancora distante. Inoltre spera di "recuperare" Vettel per la settimana prossima.

Binotto: "La parte meno bella del weekend è la prestazione"

La pazza domenica di Silverstone ha regalato un podio insperato alla Ferrari. Charles Leclerc è stato quarto praticamente per tutto il Gran Premio di Gran Bretagna, ma poi alla fine ha artigliato il terzo posto grazi alle forature delle Mercedes ed in particolare quella di Valtteri Bottas.

Un risultato che secondo il team principal Mattia Binotto ripaga il monegasco del grande lavoro fatto nel fine settimana di Silverstone, nel quale ha saputo sfruttare l'assetto scarico pensato dagli uomini del Cavallino, gestendo alla grande anche il degrado delle gomme in gara.

"Charles è stato molto bravo sia ieri in qualifica che oggi in gara nel gestire le gomme. Sapevamo che con questa configurazione alare avremmo avuto un vantaggio in qualifica, ma poi avremmo dovuto gestire l'usura. Ha fatto un ottimo lavoro con i nostri ingegneri, dando indicazioni molto precise e non prendendosi rischi. Diciamo che ha applicato il concetto di andare piano per arrivare in fondo. Questa è stata un po' la sua gara, ma l'ha gestita molto bene ed è stato premiato alla fine" ha detto Binotto ai microfoni di Sky Sport F1 HD.

Per un grande Leclerc, c'è un Vettel che invece rappresenta la parte meno bella del weekend Rosso, non essendo mai riuscito a trovare il feeling con la SF1000. Il tedesco alla fine, quindi, non è riuscito ad andare oltre il decimo posto nonostante i tanti colpi di scena.

"La parte meno bella del weekend è ancora la prestazione della vettura, perché il terzo posto è il massimo a cui si possa aspirare. E' chiaro che i piloti possono anche non trovarsi a proprio agio. Questo è stato il caso di Sebastian, che ha perso una sessione e non ha mai trovato quella confidenza per spingere. Ora abbiamo qualche giorno per analizzare tutto con lui e provare qualcosa di diverso, che lo possa mettere in condizione di lottare".

Leggi anche:

Quando gli è stato domandato se ritiene che la Ferrari proseguirà su questa strada dell'ala scarica, ha proseguito: "Dovremmo guardare anche le condizioni meteo e le temperature, ma questa è un'ala che abbiamo portato facendo le simulazioni a priori. E' stata una scommessa, ma anche frutto di analisi. Per noi era l'ala ideale per questa pista, anche considerate le caratteristiche della nostra vettura. Poi magari con Sebastian potremmo anche fare delle valutazioni diverse, ma è ancora presto per dirlo".

Mercoledì, a cavallo tra le due gare, ci sarà anche un filming day sul tracciato britannico, ma Binotto ha assicurato che non ci saranno in pista novità radicali sulla SF1000.

"Non c'è un lavoro particolare, perché faremo un filming day vero e proprio per esigenze commerciali. Non sono previste novità radicali sulla macchina. Sono chilometri molto limitati e dedicati proprio a fare delle riprese. Piuttosto ci concentriamo in questi tre giorni a guardare i dati e a lavorare a casa al simulatore per farci trovare pronti per le prove libere di venerdì".

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari on the podium

Charles Leclerc, Ferrari on the podium
3/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme
4/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

L'auto di Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000 nel Parc Ferme

L'auto di Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000 nel Parc Ferme
5/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme guarda l'auto danneggiata di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11

Charles Leclerc, Ferrari nel Parc Ferme guarda l'auto danneggiata di Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11
6/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
7/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Lando Norris, McLaren MCL35

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Lando Norris, McLaren MCL35
8/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Lando Norris, McLaren MCL35

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Lando Norris, McLaren MCL35
9/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne

Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne
10/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo posto, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, primo posto, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne

Max Verstappen, Red Bull Racing, secondo posto, Lewis Hamilton, Mercedes-AMG F1, primo posto, e Charles Leclerc, Ferrari, terzo posto, festeggia sul podio con lo champagne
11/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

L'arrivo di Charles Leclerc, Ferrari

L'arrivo di Charles Leclerc, Ferrari
12/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
13/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

 Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
14/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari

Sebastian Vettel, Ferrari
16/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
18/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01
19/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Pierre Gasly, AlphaTauri AT01, e Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C39
20/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen: "Ho cambiato le gomme per non rischiare, peccato"

Articolo precedente

Verstappen: "Ho cambiato le gomme per non rischiare, peccato"

Prossimo Articolo

Mercedes: Verstappen è stato la spina nelle... gomme

Mercedes: Verstappen è stato la spina nelle... gomme
Carica commenti
Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021