Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Intervista
WEC Portimão

WEC | Peugeot viva: consistenza da Top5, ma brivido col sensore

Le 9X8 mostrano segnali incoraggianti a Portimão e per la prima volta l'unico reale problema in gara si è manifestato per colpa di un sensore FIA. Ora bisognerà cercare le prestazioni per giocarsela coi rivali, che al momento sono ancora lontani.

#93 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Paul Di Resta, Mikkel Jensen, Jean-Éric Vergne

La Peugeot è viva e batte un colpo alla 6h di Portimão, secondo round della stagione 2023 del FIA World Endurance Championship che ha visto finalmente le LMH del Leone compiere passi avanti.

A Sebring non ci si poteva aspettare gran che in termini di risultati, ma la cosa che aveva lasciato molto amaro in bocca e ulteriore perplessità sul progetto 9X8 erano i continui problemi tecnici che saltavano in qualche modo fuori.

Sull'Algarve, invece, per una volta è filato tutto liscio o quasi; l'unica noia l'ha riportata Paul Di Resta, che mentre andava a schierarsi in griglia si è accorto di un malfunzionamento del servosterzo sulla sua #93, prontamente rimesso in sesto pur dovendo poi partire dai box.

#93 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Paul Di Resta, Mikkel Jensen, Jean-Éric Vergne

#93 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Paul Di Resta, Mikkel Jensen, Jean-Éric Vergne

Photo by: JEP / Motorsport Images

La gara per lo scozzese e i suoi compagni Jean-Eric Vergne e Mikkel Jensen è stata di rincorsa, mentre la #94 di Nico Müller/Gustavo Menezes/Loïc Duval ha combattuto a ritmo di Top5, centrata alla bandiera a scacchi senza guai.

L'unico sudore freddo è avvenuto quando il sensore di coppia installato per raccogliere e inviare dati alla FIA su potenze, temperature, velocità e via dicendo ha cominciato a singhiozzare. Qui la squadra è riuscita a risolvere il tutto impostando la modalità 'default' che ha evitato lo stop ai box per la sostituzione, cosa che invece ha dovuto fare la Toyota #7.

Per il resto, è chiaro che ancora il ritmo non è ai livelli delle giapponesi, Ferrari, Cadillac e Porsche nel complesso, ma finalmente la Peugeot raccoglie i frutti del lavoro svolto a casa, mostrato in Portogallo con il nuovo sistema di trasmissione che ha funzionato benissimo.

Dal team però si vuole - giustamente - ottenere di più, anche perché Spa-Francorchamps sarà già la prossima settimana e poi c'è da preparare bene la tanto attesa 24h di Le Mans di giugno. Quindi bene la consistenza e l'affidabilità, ma ora bisogna trovare anche le prestazioni per infilarsi nella battaglia coi rivali.

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Muller

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Muller

Photo by: Paul Foster

"Da un punto di vista sportivo, non è stata una gara fantastica, visto che siamo arrivati solo quinti. Tuttavia, abbiamo fatto un buon passo avanti, visto che le due vetture hanno raggiunto la bandiera a scacchi, e siamo riusciti a non avere i problemi di affidabilità che avevamo accusato in precedenza, quindi questa è una prima soddisfazione", sottolinea il Direttore Tecnico, Olivier Jansonnie.

"Poi, in diversi punti della gara abbiamo avuto un ritmo sostenuto, ora dobbiamo lavorare per mantenerlo per tutta la durata. Per quanto riguarda il problema sulla #93, posso dire che ha reso complicata la partenza mettendoci in una posizione in cui non potevamo nemmeno lottare con gli altri concorrenti, il che è piuttosto frustrante".

"In generale, sono molto orgoglioso del team, del suo impegno e del modo in cui ha lavorato per migliorare così tanto da Sebring. Sono soddisfatto anche dei pit-stop, dove si è visto un enorme crescita e questo punto sarà importante per il futuro".

Riguardo il problema al sensore, Jansonnie ha tirato un sospiro di sollievo visto quello che invece è accaduto alla Toyota.

“Siamo ricorsi alla modalità 'default' per fare sì che la vettura potesse terminare la gara e mantenere il livello di prestazioni imposto dal BoP. Per riuscirci, purtroppo, la potenza va gestita diversamente e quindi alla fine l'abbiamo dovuta ridurre. Ma almeno siamo giunti alla conclusione senza doverci fermare".

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Müller

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Müller

Photo by: JEP / Motorsport Images

Anche Duval sorride al pensiero che le buone cose che stava raccogliendo in pista sarebbero potute sfumare in un battito di ciglia: "Nel complesso dobbiamo dire che è stata una gara positiva. Penso che in termini di strategia abbiamo fatto il meglio con la #94. Nico ha fatto un ottimo lavoro all'inizio, così come Gustavo che ha iniziato ad avere qualche problema durante il suo secondo stint con il sensore di coppia FIA".

"Non potevamo avere la potenza che volevamo e abbiamo dovuto girare con modalità diverse. Poi è andata sempre peggio, ho dovuto fare due stint in quel modo e quindi è stato molto difficile mentalmente, quando sai che non c'è niente da fare. Abbiamo continuato a lottare e alla fine siamo arrivati quinti, quindi è una bella ricompensa per la squadra, un enorme passo avanti rispetto a Sebring. Tutti devono essere orgogliosi di questo risultato e dobbiamo solo andare avanti".

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Müller

#94 Peugeot Totalenergies Peugeot 9X8: Loic Duval, Gustavo Menezes, Nico Müller

Photo by: JEP / Motorsport Images

A Jensen resta invece il rammarico di non aver potuto combattere fin da subito con i rivali, dovendo rimontare dalle retrovie: "La gara non è iniziata bene perché siamo dovuti partire dalla pit-lane e quindi abbiamo perso tempo prima ancora di partire. Penso che abbiamo fatto una gara decente, concluso 6 ore senza problemi ed è la prima volta per noi".

"Abbiamo raccolto tanti dati, il ritmo era molto migliore di quello di Sebring, quindi penso che possiamo essere molto soddisfatti della gara di oggi. Dobbiamo sfruttarla assieme a quella di Spa per passare poi a Le Mans, che è l'evento più importante dell'anno".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente WEC | Porsche: un podio-vittoria, ma la 963 non è ancora al top
Prossimo Articolo WEC | Ferrari, podio agrodolce: "Affidabilità problema per tutti"

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia