Morbidelli: "Non mi devo sentire favorito, devo esserlo!"

Il vice-campione del mondo non si nasconde e non fa giochi mentali con i suoi avversari. Gli piace essere indicato tra i favoriti, ma ne comprende anche le responsabilità. Dopo un grande 2020, punta a confermarsi nel 2021, ed è convinto che dividere il box non intaccherà la sua grande amicizia con Valentino Rossi, anzi...

Morbidelli: "Non mi devo sentire favorito, devo esserlo!"

Il 2020 è stato l'anno dell'esplosione per Franco Morbidelli in MotoGP. Proprio quando la Yamaha sembrava averlo messo un po' da parte, dando solo a lui una M1 di vecchia generazione, il pilota italiano ha reagito alla grande ed ha sfoderato una stagione che è andata al di là di ogni più rosea aspettativa.

L'ex iridato della Moto2 si è portato a casa la bellezza di tre vittorie (solamente il compagno di squadra Fabio Quartararo è stato capace di fare altrettanto), ma soprattutto ha chiuso al secondo posto nel Mondiale, staccato di appena 13 lunghezze dal campione Joan Mir.

Numeri che ne fanno inevitabilmente uno dei candidati al titolo nella stagione che sta per cominciare, anche se ancora una volta dovrà fare i conti con una M1 che avrà qualcosa in meno rispetto alle tre moto factory, perché la Yamaha aveva già programmato i suoi piani per il 2021 quando Franco ha fatto vedere il meglio di sé nella seconda parte del campionato.

Lui però non si nasconde ed è convinto di poter fare bene con il pacchetto che avrà a disposizione, ma anche che dividere il box non finirà per intaccare la grande amicizia che lo lega al nuovo compagno Valentino Rossi. Di questo, ma anche di tante altre cose, ha parlato oggi, nell'incontro virtuale con i media che ha fatto seguito alla presentazione della Petronas Yamaha SRT di ieri.

Questo è il primo anno in cui non sarai più un outsider. Tu come lo stai vivendo? Essendo vice-campione del mondo, ti senti uno dei favoriti?
"Più che sentirmi un favorito per il Mondiale, devo esserlo. Non ci si può nascondere dietro a delle risposte preimpostate. Cercherò di fare il mio lavoro, perché so quello che ho fatto l'anno scorso. Sono sempre io, quindi cercherò di replicarlo. Dovrò essere bravo a farlo e a migliorarmi".

Quando chiedi agli altri piloti chi sia il favorito, non dicono tutti Mir. In molti fanno il tuo nome: che emozione ti provoca?
"E' bello che i tuoi colleghi riconoscano il tuo valore ed è una cosa che mi inorgoglisce. Allo stesso tempo, da questo orgoglio deriva una responsabilità".

La Yamaha ha capito il tuo valore e forse si sono un po' pentiti di non essere riusciti a darti la moto ufficiale...
"L'approccio di Yamaha nei miei confronti è sempre stato molto buono. Io mi sono sempre trovato bene con tutte le persone al suo interno, specialmente con Maio (Meregalli) e con Lin (Jarvis). Conosco Lin da quando sono uno sbarbatello, ho sempre avuto un ottimo rapporto con loro, sono persone che stimo e ho capito le loro scelte. Non li biasimo. Più che altro, se c'è qualcosa da biasimare è l'andamento contrattuale della MotoGP di oggi. C'è molto anticipo nelle scelte contrattuali, ma è la moda o il trend di adesso. Purtroppo possono capitare anche queste sorprese, che un pilota che pensavi non essere all'altezza, l'anno dopo faccia quello che ho fatto io e possa diventare un favorito per il Mondiale. Purtroppo ci sono delle catene contrattuali da rispettare, quindi non si può biasimare nessuna persona o nessuna scelta, quanto invece si dovrebbe biasimare la moda generale".

Leggi anche:

Tu e Valentino siete molto amici, ma vi conoscete molto bene anche come piloti. C'è qualcosa su cui potete fare fronte comune in questa stagione per darvi una mano a vicenda?
"Quello che ci aiuterà un po' di più sarà lo scambio non di informazioni tecniche, ma personali. Feedback personali riguardo alle gare, riguardo alla moto e più generali. Trascorrendo così tanto tempo insieme, questo potrebbe essere un vantaggio".

Pensi che dividere il box possa cambiare i rapporti tra te e Valentino?
"Con Vale spero di essere giusto nel modo in cui lo tratto, non solo nelle corse. Vale è mio amico o anche di più. Per essere onesto con lui, devo correre contro di lui come ho sempre fatto in tutta la mia vita. Naturalmente lottiamo per cose importanti, ma non c'è niente di così grande come l'amore e l'amicizia. Questo, alla fine della giornata, è solo un gioco. Sarà importante tenerlo a mente quando combatteremo. Quando tornerò al box e vedrò Rossi, vedrò il mio amico e il mio primo rivale. Dipenderà dal momento. Quando saremo in pista, penso che lo vedrò più come mio rivale, perché questa è una cosa difficile da spegnere. Anche perché penso che quando vede noi piloti dell'Academy fare così bene, la prima cosa che prova è l'orgoglio per l'eredità che sta lasciando".

Il tuo contratto è con Petronas e non con la Yamaha. Sei un po' preoccupato del fatto che la squadra ancora non abbia ancora un accordo con la Yamaha?
"Questo è un argomento al quale cerco di non pensare, perché non mi aiuta a fare il mio lavoro meglio. So che il mio team è in contatto con Yamaha e so che il contratto scadrà alla fine di quest'anno. Cerco di non pensare a cose che non posso controllare. Queste sono cose che controllerà molto bene il nostro boss Razlan Razali. So che farà un ottimo lavoro e che farà la scelta migliore per il team, che alla fine sarà la scelta migliore anche per me".

Fare due test in Qatar e poi anche due gare sulla stessa pista, potrebbe alterare un po' i valori?
"Sicuramente sì. Girare così tanto sulla stessa pista, facendo due test e due gare, avvicinerà tutti. Sarà molto interessante vedere in che modo si modificherà la classifica o in che modo si muoverà. Di sicuro saranno due gare molto interessanti, come sempre in MotoGP, ma saranno ancora più particolari, perché venendo da due test sarà molto difficile fare la differenza. Dipenderà da tantissime cose e sarà molto importante fare bene, perché il margine di lavoro sarà molto piccolo".

Possiamo dire quindi che Jerez sarà la prima vera gara dell'anno?
"Non mi sento di dire una cosa così. Mi sento di dire che Qatar 1 e Qatar 2 sono già due gare molto particolari. Quello sì".

Ieri la squadra ha detto che forse le aspettative sono più alte per te che per Valentino, vuol dire che sei la prima guida anche se hai una moto più vecchia?
"Sono sicuro al 100% che nel nostro team non ci sia una gerachia. Non c'è pilota numero uno e pilota numero due. Tutti e due i piloti sono trattati alla stessa maniera, devo dire molto bene. E' vero che io ho fatto risultati migliori di Vale l'anno scorso, ma è vero che lui ha fatto risultati molto migliori di me per tutta la sua carriera, quindi è difficile dire cosa è meglio e cosa è peggio. Il nostro team sarà molto bravo, come ha già fatto con me e Fabio (Quartararo), a trattarci nello stesso modo".

Nelle ultime foto degli allenamenti al Ranch ti abbiamo visto meno, come mai?
"Ultimamente non ho fatto le americane, le gare finali che si fanno al Ranch, perché due settimane fa sono caduto in una di queste e mi sono fatto un po' male alla caviglia. L'ultima volta al Ranch quindi ho saltato l'americana finale, giusto per evitare di avere un'altra caduta e di farmi ancora più male alla caviglia".

Ieri sei stato definito un'artista. Come te lo immagini lo spartito di questo 2021? Pensi che possa rendere felice anche Valentino?
"Spero che possa essere una bella canzone scritta lungo tutto l'anno. Dovremo fare ognuno il proprio lavoro in maniera seria e professionale. E dovremo cercare di scrivere la storia migliore o la canzone migliore per ognuno di noi".

Cosa pensi della situazione di Marc Marquez?
"E' uno degli infortunio più gravi che abbiamo visto di recente. Non abbiamo mai visto un atleta di punta perdere un anno o un anno e mezzo del suo sport. Sarà difficile per lui tornare al livello di sempre, ma non impossibile. Se mi metto nei panni di Marc, non posso giudicare il dolore che ha provato, ma posso giudicare quello che passato dal punto di vista mentale. E un infortunio così lungo ha ripercussioni nella testa, perché la gente ricorda i momenti brutti, cercando di combatterli affinché non si ripetano".

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
1/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
2/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Le moto di Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Le moto di Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
3/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
4/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
5/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
6/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Le moto di Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Le moto di Valentino Rossi, Petronas Yamaha SRT, Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
7/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
8/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
9/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
10/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
11/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
12/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
13/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
14/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
15/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT

Franco Morbidelli, Petronas Yamaha SRT
16/16

Foto di: Petronas Yamaha SRT

condivisioni
commenti
Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Articolo precedente

Valentino Rossi, quella voglia di stupire ancora a 42 anni

Prossimo Articolo

La MotoGP inizia lo sbarco in Qatar: "Veloce e ben organizzato"

La MotoGP inizia lo sbarco in Qatar: "Veloce e ben organizzato"
Carica commenti
Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti" Prime

Petrucci: "Stiamo prendendo strade inesplorate per gli assetti"

Intervista esclusiva con Danilo Petrucci, pilota KTM del team Tech3, alla vigilia del GP del Portogallo di MotoGP. Il ternano fa il punto della situazione circa il feeling con la moto austriaca e parla della necessità di percorrere nuove vie per andare a modificare il set-up complessivo, data la sua fisicità totalmente diversa dagli altri piloti KTM

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello Prime

Dovizioso incrocia ancora il suo destino con il Mugello

Dopo la prima presa di contatto a Jerez, Andrea Dovizioso tornerà in sella all'Aprilia al Mugello per approfondire la conoscenza della RS-GP e ancora una volta il tracciato toscano potrebbe essere teatro di una svolta per la sua carriera.

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa Prime

KTM: Portimao deve essere la gara della riscossa

L'avvio della stagione 2021 è stato al di sotto delle aspettative per la KTM, anche se Losail non è mai stata una pista amica. A Portimao però è la Casa austriaca è chiamata alla riscossa, perché a novembre aveva dominato con Miguel Oliveira.

MotoGP
13 apr 2021
Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton” Prime

Vergani: “Capelli per Ferrari ha detto no a Benetton”

Intervista esclusiva ad Alberto Vergani, Manager di piloti impegnati nel Motomondiale ed in Formula 1 e profondo conoscitore del motorsport. Tra i tanti e ricchi retroscena emersi in questa chiaccherata con il Direttore Franco Nugnes, Vergani parla di una sliding doors che avrebbe potuto mutare la carriera in F1 di Ivan Capelli

Formula 1
13 apr 2021
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021