Marquez: "Ho vinto due gare facendo fatica"

Il pilota della Honda è conscio di essere ancora distante dal 100% della forma fisica, ma inizia a vedere dei piccoli progressi. La settima vittoria in otto anni ad Austin ne è la riprova, anche se sa che ci vorrà ancora tempo (ma non un'altra operazione) per tornare ad essere il Marquez di prima.

Marquez: "Ho vinto due gare facendo fatica"

Marc Marquez è tornato? Probabilmente è ancora presto per dirlo, ma sicuramente il pilota della Honda è riuscito a dare una bella prova di forza oggi ad Austin, andando a conquistare la sua seconda vittoria stagionale, nonostante sia ancora lontano dal 100% della forma fisica. Che il circuito texano sia uno dei suoi principali terreni di caccia non lo scopriamo di certo oggi, visto che per lui si trattava del settimo successo in otto edizioni del Gran Premio delle Americhe. Probabilmente, però, nessuno si sarebbe aspettato di vederlo trionfare in maniera così dominante.

E' vero che magari non aveva più il margine sulla concorrenza che ha avuto in passato al COTA, però si è comunque costruito un cuscinetto di oltre quattro secondi sugli inseguitori, che nella MotoGP è rappresentano un gap veramente importante. Per riuscirci, ha dovuto dovuto amministrare molto le sue energie nel corso del weekend, ma alla fine era chiaramente molto soddisfatto del lavoro che ha portato a casa.

"Il Sachsenring è stato un po' un regalo, perché è successo quel che è successo", ha detto ai microfoni di Sky Sport MotoGP HD riguardo all'aiuto ricevuto dalla pioggia nel suo primo successo stagionale in Germania. "Ad Aragon ho fatto più fatica, ma dopo Misano e dopo il test mi sono detto che dovevo venire qui con la mentalità giusta e spingere. Sono entrato in pista cattivo fin da venerdì ed ho visto che andavo forte, però poi sapevo che mi sarei dovuto gestire sabato per non arrivare alla gara distrutto".

Leggi anche:

"Ieri, per esempio, facevo il T1 abbastanza piano per non stancarmi troppo. Stamattina nel Warm-Up ho spinto un po' di più ed il feeling è stato quello che mi aspettavo. In gara sono riuscito a mettermi primo fin dall'inizio, sono stato calmo per i primi tre o quattro giri, poi ho cambiato ritmo. Non mi aspettavo di poter creare un gap così grande, ma volevo aprirlo perché sapevo che negli ultimi cinque giri non sarei stato ancora pronto per un duello corpo a corpo", ha aggiunto.

Dal punto di vista fisico ha poi ammesso di avere ancora bisogno di recuperare e di essersene reso conto questo fine settimana. Ma sa che è solo questione di essere paziente per ritrovare la forma migliore.

"Qui al T1 ero molto forte in passato, ma questo weekend ho fatto più fatica, perché nei cambi di direzione ero sempre in ritardo e non potevo farli come mi sarebbe piaciuto. Qui ho fatto fatica, ma l'hanno fatta anche gli altri, perché questa è una pista molto fisica. Il problema è che io a Misano ho fatto la stessa fatica che ho fatto qui, perché devo lavorare il doppio nelle curve a destra. Sto facendo tutto quello che mi dice il dottore, che mi chiede anche di provare a non cadere troppo. Stiamo lavorando e sto facendo fatica, ma facendo fatica ho vinto due gare quest'anno e ho fatto un altro podio. Ma non sono ancora nelle condizioni che vorrei, per lottare per il campionato il prossimo anno".

Quando poi gli è stato chiesto se quindi non si vede in corsa per il titolo neppure nel 2022, ha aggiunto: "Adesso non sono pronto per lottare per un campionato e per vincere tutte le gare. Devo lavorare per essere pronto per il prossimo anno, questa è la mia mentalità. Mancano tre gare: Misano sarà difficile, ma poi voglio vedere cosa sarò in grado di fare nelle ultime due".

Nelle ultime settimane si è vociferato tanto anche di un'ulteriore operazione in vista. Rumors che Marc ha smentito in maniera piuttosto decisa, ribadendo appunto che è solo questione di tempo per la sua completa guarigione.

"Ci sono tante persone che parlano, ma se dovessi fare un'altra operazione sarei qui con un'altra faccia. Devo solo lavorare: questo braccio è stato fermo un anno e dopo tre operazione sono cambiate la meccanica del braccio e della spalla. Comunque ci vuole tempo, perché ho fatto un controllo prima di Misano e l'osso non è ancora del tutto saldato. E' passato già un anno, ma il dottore mi dice che devo continuare ad avere calma".

Infine, ovviamente spera che Austin possa fare parte del calendario anche il prossimo anno, ma ha sottolineato che è fondamentale che vengano fatti i lavori di riasfaltatura affinchè continui ad esserlo.

"A me piace molto questo circuito, ma la sicurezza deve venire sempre prima di tutto il resto. Dalla curva 2 alla curva 10 si deve fare qualcosa. Così siamo ancora al limite, ma se per caso ritorniamo e la situazione è peggiore, poi sarebbe troppo rischioso. Ma è anche vero che venerdì abbiamo fatto tanta fatica, ma poi nel corso del weekend siamo riusciti ad adattarci sia a livello di set-up che di guida, quindi era diventato accettabile ed anche divertente, perché sapevi che per andare più forte dovevi rischiare qualcosa", ha concluso.

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Marc Marquez, Repsol Honda Team

Photo by: Gold and Goose / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Fotogallery MotoGP: Marquez domina il GP delle Americhe

Articolo precedente

Fotogallery MotoGP: Marquez domina il GP delle Americhe

Prossimo Articolo

Rossi: "Una gara di Moto3 di 5 giri è una roulette russa!"

Rossi: "Una gara di Moto3 di 5 giri è una roulette russa!"
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021