Dovizioso: "Sono caduto alla prima uscita con il set-up nuovo"

Il rammarico del ducatista non è tanto per il 15esimo posto, quanto per non aver avuto modo di provare il set-up pensato per la nuova gomma posteriore, che in questo momento è la cosa più importante.

Dovizioso: "Sono caduto alla prima uscita con il set-up nuovo"

I test di Sepang sembrano essere iniziati un pochino in salita per Andrea Dovizioso, ma per il momento il pilota della Ducati non ne vuole saperne di fasciarsi la testa. Dopo l'11esimo tempo di ieri, oggi il forlivese si è ritrovato addirittura 15esimo a fine giornata, con un ritardo di oltre sette decimi nei confronti del miglior tempo della Yamaha di Fabio Quartararo.

Più che la posizione, il neo odierno per il vice-campione del mondo è quello di non essere riuscito a completare il suo programma a causa di una scivolata alla curva 16, dalla quale fortunatamente è uscito solo leggermente acciaccato.

Tuttavia, questa caduta ha avuto un certo peso sulla sua giornata, perché gli ha impedito di lavorare sul set-up. E secondo lui questo è un aspetto fondamentale in questo momento, perché la cosa più importante da fare è adattarsi alla nuova gomma posteriore della Michelin, che sembra avere delle esigenze differenti rispetto al passato.

Leggi anche:

"Abbiamo fatto solo la metà del lavoro che avremmo voluto fare, perché stamattina ci siamo concentrati solo sulla carena ed altri pezzi, ed è andata bene. Al pomeriggio volevamo concentrarci solo sul set-up, ma alla prima uscita con quello nuovo sono caduto. E' stata una piccola caduta, ma purtroppo sono arrivato alla ghiaia e non era piatta, quindi ho perso un po' il respiro ed ho sbattuto la testa. E' un po' di anni che mi trascino dietro anche un problema al collo, quindi spero che stanotte la situazione non peggiori" ha detto Dovizioso.

"Questo poi ci ha impedito di lavorare sul set-up e mi dispiace, perché in questo momento è una priorità. Le gomme sono abbastanza diverse e bisogna adattarsi. Hanno un buon grip e siamo tutti veloci, ma non conta niente questa cosa. Per fare la differenza, bisogna adattarsi sia a livello di guida che di set-up. E' così per tutti. Non abbiamo ancora scoperto quanto margine c'è e quanto possiamo migliorare, perché abbiamo delle idee, ma dobbiamo ancora provarle" ha aggiunto.

Come detto, per il momento però non pensa che sia il momento di preoccuparsi troppo, perché a livello di passo la sua Ducati non sarà la migliore del lotto, ma non è messa affatto male. Però resta il fatto che domani sarà fondamentale lavorare su questo aspetto.

"Non sono preoccupato, perché non ha senso dare importanza a quello che sta succedendo in questo momento. Se dovessimo correre domani, non saremmo messi male. Se andate a guarda il passo con la gomma usata, quindi nel secondo e nel terzo run, giravamo 1'59"6-1'59"7, che non è male. Però non siamo i più veloci e soprattutto dobbiamo scoprire quanto margine c'è e se c'è con la nuova gomma posteriore. Speriamo domani di avere il tempo per lavorare su queste cose, perché è la cosa più importante".

Riguardo alla nuova gomma posteriore, la sua sensazione è che sul giro secco possa favorire moto come Yamaha e Suzuki che hanno il loro punto forte nella percorrenza, ma che in gara la situazione possa essere differente.

"Sulla carta, in base alle sensazioni che ho, mi verrebbe da dire che le moto che scorrono di più, tipo Suzuki e Yamaha, possono avere un vantaggio. Però questa è una supposizione che posso scoprire solo in gara. Sul giro secco può dargli un vantaggio, ma poi la gara è un'altra cosa e nei test non riesci a capire questi aspetti. Diciamo che i giorni a disposizioni sono pochi, quindi potrebbe essere difficile arrivare con un bilanciamento ottimale alla prima gara in Qatar. Ma ora dobbiamo rimanere tranquilli e lavorare, sfruttando il tempo a disposizione per cercare di capire".

Infine, Andrea ha dedicato un pensiero anche alla crescita della KTM, evidenziata dalla grande prestazione del collaudatore Dani Pedrosa, capace oggi di staccare il terzo tempo.

"Sono sorpreso fino ad un certo punto, ma vuol dire che la KTM sta migliorando, perché Pol è molto forte anche di passo. In realtà, del tempo a fine giornata di Dani non sono particolarmente sorpreso, perché so quando è forte lui e quanto sia veloce su questa pista, quindi se la KTM ha fatto un passo avanti, ci sta che sia lì davanti".

Informazioni aggiuntive di Oriol Puigdemont

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
1/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
2/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
3/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
4/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Moto di Andrea Dovizioso, Ducati Team
Moto di Andrea Dovizioso, Ducati Team
5/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
6/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
7/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
8/15

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
9/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
10/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
11/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
12/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
13/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
14/15

Foto di: Ducati Corse

Andrea Dovizioso, Ducati Team
Andrea Dovizioso, Ducati Team
15/15

Foto di: Ducati Corse

condivisioni
commenti
Márquez: “Sembra che Yamaha e Suzuki siano le più forti”
Articolo precedente

Márquez: “Sembra che Yamaha e Suzuki siano le più forti”

Prossimo Articolo

Vinales: "Solo in gara capiremo se la Yamaha è un passo avanti"

Vinales: "Solo in gara capiremo se la Yamaha è un passo avanti"
Carica commenti
MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022 Prime

MotoGP | Ducati tenta già il sorpasso nella corsa al titolo 2022

La stagione 2021 della MotoGP è appena terminata, ma i preparativi per il 2022 hanno già preso il via con due giorni di test a Jerez la scorsa settimana. La Ducati sembra aver colpito nel segno, mentre la mancanza di progressi della Yamaha ha creato qualche perplessità nel campione del mondo Fabio Quartararo. C'è già aria di sorpasso?

MotoGP
26 nov 2021
Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha Prime

Pagelle MotoGP | Mondiale più di Quartararo che della Yamaha

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Motomondiale 2021 ed iniziamo con il team che ha portato al trionfo Fabio Quartararo. In Yamaha, però, non è tutto rose e fiori perché, a giudicare dal rendimento degli altri piloti dei tre diapason, il lavoro da fare è ancora tanto per stare al passo della concorrenza.

MotoGP
25 nov 2021
Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento” Prime

Ceccarelli: “Vale senza motivazione, non con meno talento”

Con il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine andiamo ad analizzare lìultimo week end da pilota MotoGP di Valentino Rossi. Il pilota di Tavullia ha messo sul piatto a Valencia una gara valida: non ha avuto importanza la decima posizione finale, ma la sua costanza nel fine settimana è stata encomiabile. Costanza mancata durante il 2021.

MotoGP
17 nov 2021
Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati Prime

Pagelle MotoGP | È un dominio Ducati

In questo nuovo video di Motorsport.com, Lorenza D'Adderio e Matteo Nugnes commentano il Gran Premio di Valencia, ultimo appuntamento del Motomondiale che ha regalato tanti promossi e tanti bocciati...

MotoGP
16 nov 2021
Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori? Prime

Cosa c'è dietro all'aggressività dei piloti nelle categorie minori?

Le pressioni psicologiche cui sono sottoposti i ragazzini che ambiscono ad un posto nel campionato del mondo sono alla base delle manovre spesso aggressive viste in questa stagione. Imporre il divieto di ingresso nel mondiale prima dei 18 anni sarà la soluzione giusta?

MotoGP
10 nov 2021
MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia” Prime

MotoGP | Ceccarelli: “Stoner coach? Sarà lo specchio di Bagnaia”

Riccardo Ceccarelli e Franco Nugnes ci parlano della volontà di piloti affermati e campioni che si circondano di coach dal palmarés mondiale per andare a migliorare ulteriormente le proprie performance, come nel caso della diretta richiesta di Pecco Bagnaia a Ducati per avere al proprio fianco Casey Stoner

MotoGP
10 nov 2021
Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia Prime

Pagelle MotoGP | Un brutto tonfo per Aprilia

Il Gran Premio dell'Algarve di MotoGP si chiude con sorprese, conferme e delusioni. Ecco le pagelle dell'appuntamento portoghese stilate e commentate in questo nuovo video di Motorsport.com da Matteo Nugnes e Lorenza D'Adderio.

MotoGP
9 nov 2021
MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia Prime

MotoGP | Misano, un weekend che resterà nella storia

Il fine settimana di Misano è stato un concentrato di emozioni, dal saluto del pubblico italiano a Valentino Rossi alla conquista del primo titolo di Fabio Quartararo, quasi una sorta di passaggio di consegne in casa Yamaha. Ma anche i tributi a Marco Simoncelli e Fausto Gresini hanno aggiunto qualcosa di speciale.

MotoGP
4 nov 2021