Ricciardo: "I progressi Red Bull si vedono: ora possiamo lottare"

condivisioni
commenti
Ricciardo:
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
12 giu 2016, 07:49

Daniel Ricciardo si lamenta della gomma Ultrasoft che crea poca differenza con la Supersoft, per cui la vorrebbe più morbida. L'australiano è convinto di poter lottare con la Ferrari ora che il gap di motore pare drasticamente ridotto.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Dettaglio del casco e della monoposto di Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12

In casa Mercedes temono molto Daniel Ricciardo. Con le basse temperature la Red Bull si è mostrata molto a suo agio sul circuito Gilles Villeneuve, e soprattutto in caso di gara bagnata l’australiano sembra molto fiducioso sulla possibilità di disputare una corsa da protagonista come due settimane fa a Montecarlo.

“Se la corsa sarà bagnata per me non sarà una cattiva notizia – ha commentato Ricciardo – ma in qualifica abbiamo dimostrato di essere comunque vicini, soprattutto se le temperature saranno basse. Se si confermeranno le condizioni che abbiamo avuto ieri credo che saremo li con Mercedes e Ferrari. Non siamo noi i favoriti, ma soprattutto Mercedes ha sempre qualcosa in più in modalità qualifica. In gara potremmo confermarci più vicini, penso che sarò molto vicino”.

“Essere stati in qualifica a quattro decimi dalla pole position per noi non è male – ha proseguito Ricciardo – sia Mercedes che Ferrari hanno dato il massimo, quindi il nostro gap credo sia quello reale in queste condizioni”.

L’unico rammarico del pilot della Red Bull è legato alle gomme ultrasoft, che avrebbe preferito più vicine agli pneumatici da qualifica:
“Sarebbe stato bello avere una differenza con le supersoft di otto decimi, che poi è quello che mi aspettavo. Non è facile usare questa mescola perché se non è nella finestra di utilizzo ideale non senti il grip. Quando riesci a trovare la giusta combinazione riesci a guadagnare un paio di decimi rispetto alla supersoft, ma non è così scontato. Non è un grande problema, ma potrebbe essere una gomma più morbida ed aggressiva, e la troverei più divertente”.

Ricciardo è invece molto ottimista pensando ai progressi fatti dalla Red Bull e dalla Renault. Un miglioramento importante, che permette all’australiano di guardare con fiducia al proseguimento del campionato:
“Guardando avanti sono convinto che su alcune piste potremo dire la nostra, ma già nella gara di oggi spero di avere la possibilità di combattere almeno con la Ferrari. Lo scorso anno eravamo ad un secondo e mezzo dalla pole position, ma oggi la situazione è molto migliorata. I progressi fatti nelle ultime gare sono stati evidenti, e altre novità arriveranno nel corso della stagione. Sono molto ottimista su quello che ci attende”.

Prossimo articolo Formula 1
Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Articolo precedente

Analisi FIA: Alonso aveva sbattuto a Melbourne a 305 km/h con 46G

Prossimo Articolo

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente

La Ferrari ha perso perché non ha pensato da vincente
Carica commenti