Formula 1
07 ago
Prossimo evento tra
22 Ore
:
20 Minuti
:
18 Secondi
G
GP del Messico
30 ott
Canceled
G
GP del Brasile
13 nov
Canceled
G
GP da Abu Dhabi
27 nov
FP1 in
113 giorni

Renault: niente power unit evoluta in Austria e nel 2020

condivisioni
commenti
Renault: niente power unit evoluta in Austria e nel 2020
Di:
, Grand prix editor
Tradotto da: Matteo Nugnes
3 lug 2020, 15:00

La Renault non avrà una versione aggiornata del suo motore nella stagione 2020, dopo aver deciso di non portare una nuova specifica in Austria per ridurre i costi.

Dopo che le prime dieci gare della stagione sono state annullate a causa della pandemia del COVID-19, i team di F1 hanno concordato una serie di misure per ridurre i costi, tra cui il congelamento dello sviluppo del motore dopo la prima gara.

Honda ha confermato di avere un motore aggiornato per la gara di apertura in Austria, ma anche la Mercedes ha una nuova specifica rispetto a quella che avrebbe utilizzato in Australia, pensata con lo scopo di migliorare l'affidabilità.

La Renault invece ha deciso di non portare una power unit aggiornata al Red Bull Ring e questo significa che la sua specifica sarà congelata per il resto della stagione.

Il team principal Cyril Abiteboul ha spiegato che il complicato quadro finanziario generato dalla pandemia ha costretto la Renault a scendere a compromessi, rinunciando all'aggiornamento del motore.

"Ci sono stati compromessi ed alcuni sacrifici che abbiamo dovuto fare di fronte a questa crisi estremamente grave" ha detto Abiteboul.

"Stiamo parlando di una riduzione molto consistente di quello che sarà il fondo premi. Inoltre stiamo discutendo anche con gli sponsor, che sono stati molto leali, ma a loro volta stanno affrontando la crisi".

"Abbiamo dovuto prendere alcune decisioni e una di queste è stata rinunciare allo sviluppo del motore. Questo significa che su questo fronte non avremo aggiornamenti nel corso di quest'anno".

Leggi anche:

La Renault entra nella nuova stagione con la speranza di mettersi alle spalle un 2019 che è stato deludente, vedendola scivolare dal quarto al quinto posto nella classifica costruttori.

Abiteboul comunque si è detto convinto delle possibilità del suo team di risalire la china quest'anno, dopo aver individuato alcuni errori fatti nel passato.

"Se pensiamo al 2018, eravamo quarti nel Mondiale, ma era chiaro che non eravamo in grado di sviluppare la nostra vettura con lo stesso ritmo dei tre top team" ha detto Abiteboul.

"Era già chiaro che la McLaren fosse in risalita e noi abbiamo fatto diversi cambiamenti all'interno delle nostre gerarchie tecniche ad Enstone".

"Penso che il motore abbia fatto dei progressi, che questa cosa sia riconosciuta ed accettata. Ora dobbiamo concentrarci sulla vettura e questo fa parte di ciò che stiamo facendo in termini di compromessi finanziari per il futuro".

"Mi sento sotto pressione, ma allo stesso modo, mi sento anche fiducioso per quest'anno per quelli a venire".

F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa

Articolo precedente

F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa

Prossimo Articolo

Verstappen: "Tempi bugiardi, nel giro veloce ho rotto l'ala"

Verstappen: "Tempi bugiardi, nel giro veloce ho rotto l'ala"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Austria
Team Renault F1 Team
Autore Luke Smith