F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa

Hamilton è stato il più veloce della seconda sessione di libere del GP d'Austria davanti a Bottas di un paio di decimi. Dietro alle Mercedes nere è spuntata la Racing Point di Perez e la Ferrari di Vettel a sei decimi. Male la Red Bull.

F1, GP Austria, Libere 2: due Mercedes più quella Rosa

La Mercedes non cerca compromessi. Lewis Hamilton è stato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere del GP d'Austria: il campione del mondo con le gomme Soft è arrivato a 1'04"304, un tempo di sette decimi più basso del migliore dello scorso che testimonia quale sia stato l'incremento prestazionale delle frecce nere. Lewis, che sfrutta il DAS nel giro di lancio per portare più facilmente le gomme in temperatura, ha lasciato a 197 millesimi Valtteri Bottas, autore di un traverso alla curva 3 e poi attardato da un problema al cambio.

La squadra di Toto Wolff se voleva dare una dimostrazione di superiorità ha ottenuto il suo effetto, visto che gli avversari sono rimasti annichiliti dalle W11, le monoposto più evolute rispetto a quelle che avevamo visto in Australia nel GP non disputato di Melbourne. Se la supremazia della Mercedes era prevedibile, la sorpresa è rappresentata dalla Racing Point che ha piazzato Sergio Perez al terzo posto con 1'04"945, vale a dire a 641 millesimi dalla pole. Il messicano con la Mercedes rosa ha rivelato qual è il potenziale della RP20 che altro non è se non il clone della W10 campione del mondo.

Un serio problema per la Ferrari, visto che Perez si è messo dietro la SF1000 di Sebastian Vettel anche se appena di 16 millesimi di secondo. La Racing Point non stupisce solo sul giro secco, visto che è molto veloce e costante anche nei long run con un passo vicino a quello delle Mercedes!

Non ha brillato Lance Stroll con l'altra RP20: il canadese ha commesso un errore nella simulazione da qualifica e si deve accontentare del settimo posto a due decimi dal compagno, ma in qualifica può ambire a qualcosa di meglio vista la qualità della sua vettura.

La Ferrari cerca di difendersi come può con la macchina che per lo più è la stessa di quella vista nei test di Barcellona: Vettel ha arpionato un quarto posto che forse va oltre le negative previsioni che il team di Maranello aveva fatto alla vigilia, ma la Rossa è la terza forza e quello che deve preoccupare è il distacco di sei decimi dalle W11 si una pista corta dove si gira in poco più di un minuto!

La SF1000 non brilla anche nei long run e nelle velocità pagando 8 km/h dalle Mercedes. Binotto gioca in difesa finché in pista non si vedrà la Rossa evoluta da Simone Resta. Questa è l'analisi che emerge dalle prestazioni di Sebastian, perché Charles Leclerc è andato anche peggio beccandosi quasi un secondo dalla pole e risultando due decimi più lento dello scorso anno. Sorge un dubbio la SF90 più veloce della SF1000?

Se la Ferrari si lecca le ferite, chi piange dopo i proclami è la Red Bull: Max Verstappen non ha messo insieme un giro buono con una RB16 molto nervosa che lo ha portato a commettere diversi errori, tant'è che ha rotto l'ala anteriore nel giro buono. L'olandese si è dovuto accontentare dell'ottavo tempo con Alexander Albon addirittura quindicesimo.

La macchina di Newey dovrebbe essere la sfidante delle Mercedes, ma oggi è stata la grande delusione. E' evidente che c'è qualcosa che non quadra e non può essere quello visto il potenziale di Milton Keynes sulla pista dove ha vinto negli ultimi due anni. Aspettiamoci la pronta reazione domani..

Positiva la prestazione di Daniel Ricciardo con la Renault: l'australiano è a soli 11 millesimi dalla Ferrari di Vettel con una R.S.20 ricca di novità aerodinamiche ma con un motore identico a quello dello scorso anno.

Bene anche Lando Norris settimo con la McLaren: l'inglese ha fatto meglio di Carlos Sainz con la seconda MCL35 relegata in decima piazza.

Esteban Ocon al suo rientro in F1 è arrivato a ridosso della top 10, piazzandosi davanti alla migliore AlphaTauri, quella di Daniil Kvyat. Il russo e Pierre Gasly, 17esimo, soffrono molto con la copia della RB15: hanno collezionato una serie di testacoda, un paio da brivido.

Antonio Giovinazzi è 14esimo con l'Alfa Romeo: l'italiano ha distanziato Kimi Raikkonen di sei decimi facendo al meglio il suo lavoro. Kimi non ha brillato (ha fatto un lungo nella sabbia) ed è finito nella morsa delle due Williams con Nicolas Latifi ultimissimo, a un secoondo da George Russell...

Le Haas sono in difficoltà: Kevin Magnussen 15esimo precede Romain Grosjean con un vantaggio di tre decimi, ma c'è poco da gioire perché la macchina by Maranello non sembra un granché anche quest'anno.

Cla Pilota Telaio Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes 42 1'04.304     241.739
2 Finland Valtteri Bottas Mercedes 37 1'04.501 0.197 0.197 241.000
3 Mexico Sergio Perez Racing Point 48 1'04.945 0.641 0.444 239.353
4 Germany Sebastian Vettel Ferrari 48 1'04.961 0.657 0.016 239.294
5 Australia Daniel Ricciardo Renault 36 1'04.972 0.668 0.011 239.253
6 United Kingdom Lando Norris McLaren 38 1'05.087 0.783 0.115 238.831
7 Canada Lance Stroll Racing Point 49 1'05.135 0.831 0.048 238.655
8 Netherlands Max Verstappen Red Bull 41 1'05.215 0.911 0.080 238.362
9 Monaco Charles Leclerc Ferrari 46 1'05.298 0.994 0.083 238.059
10 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren 37 1'05.352 1.048 0.054 237.862
11 France Esteban Ocon Renault 42 1'05.415 1.111 0.063 237.633
12 Russian Federation Daniil Kvyat AlphaTauri 34 1'05.443 1.139 0.028 237.531
13 Thailand Alexander Albon Red Bull 47 1'05.453 1.149 0.010 237.495
14 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo 49 1'05.608 1.304 0.155 236.934
15 Denmark Kevin Magnussen Haas 44 1'05.678 1.374 0.070 236.681
16 France Romain Grosjean Haas 50 1'05.908 1.604 0.230 235.856
17 France Pierre Gasly AlphaTauri 51 1'06.016 1.712 0.108 235.470
18 United Kingdom George Russell Williams 40 1'06.125 1.821 0.109 235.082
19 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo 44 1'06.278 1.974 0.153 234.539
20 Canada Nicholas Latifi Williams 45 1'07.124 2.820 0.846 231.583
condivisioni
commenti
Binotto conferma: "Ferrari non ha voluto rinnovare con Vettel"

Articolo precedente

Binotto conferma: "Ferrari non ha voluto rinnovare con Vettel"

Prossimo Articolo

Renault: niente power unit evoluta in Austria e nel 2020

Renault: niente power unit evoluta in Austria e nel 2020
Carica commenti
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021
Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go" Prime

Minardi: "Per Hamilton mi aspettavo uno stop-and-go"

Tanti i fatti da commentare e tanti i promossi e i bocciati regalati dal Gran Premio di Gran Bretagna 2021. Le pagelle stilate e commentate da Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi.

Formula 1
19 lug 2021
Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale" Prime

Bobbi: "Concorso di colpa di Max, doveva ragionare sul mondiale"

Andiamo ad analizzare il Gran Premio di Gran Bretagna in questa puntata di Piloti Top Secret in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu. Focus importante sul momento chd ha deciso la gara, ovvero l'incidente tra Hamilton e Verstappen. E non è Lewis ad avere torto al 100%...

Formula 1
19 lug 2021