Red Bull: niente motori Renault evoluzione in Canada sulle RB14?

condivisioni
commenti
Red Bull: niente motori Renault evoluzione in Canada sulle RB14?
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes , Direttore Responsabile
31 mag 2018, 17:29

Il team di Milton Keynes potrebbe non ricevere, a dispetto di Renault e McLaren, la power unit evoluta a Montreal. Abiteboul ammette che la rotazione del motore evo sulle RB14 di Ricciardo e Verstappen potrebbe essere posticipata.

Il Dr. Helmut Marko, Consulente Red Bull Motorsport, Cyril Abiteboul, Managing Director Renault Sport F1 e Christian Horner, Team Principal Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, precede Sebastian Vettel, Ferrari SF71H
Il vincitore della gara Daniel Ricciardo, Red Bull Racing festeggia sul podio con il trofeo
Il vincitore della gara Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 festeggia nel parco chiuso
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, festeggia la vittoria nella piscina della Red Bull Energy Station, con i membri del team
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, si tuffa nella piscina della Red Bull Energy Station
Max Verstappen, Red Bull Racing, e Brendon Hartley, Toro Rosso
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, e Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14

La Red Bull Racing nel GP del Canada potrebbe non passare al motore Evo 2 come era stato programmato dalla Renault, sebbene l’unità evoluta di Viry Chatillon dovrebbe rappresentare un salto di qualità soprattutto nel giro secco.

Il 6 cilindri francese, infatti, raggiunta una certa base di affidabilità, avrà per la prima volta una sorta di “bottone magico” potendo finalmente estremizzare certe strategie elettroniche.

Proprio quello che servirebbe alla RB14 per sfidare anche in qualifica Mercedes e Ferrari: Daniel Ricciardo è riuscito a centrare la pole nel GP di Monaco su un tracciato dove la potenza del motore conta il giusto, ma in Canada un surplus di cavalli farebbe proprio comodo alla monoposto realizzata da Adrian Newey nella speranza di ripetere l’impresa anche a Montreal.

E, invece, è possibile che non tutti i piloti dei tre team supportati dalle power unit Renault, passino in Canada al motore 2. L’indiziato numero 1 è certamente il vincitore del Principato, Daniel Ricciardo: l’australiano, infatti, ha avuto la buona notizia che la MGU-K che è andata in crisi dal 28esimo giro del GP di Monaco è riutilizzabile.

Un problema in fase di montaggio ha privato la RB14 della potenza elettrica, ma il motore che raccoglie l’energia cinetica in frenata non si è rotto per cui Daniel non sarà costretto a sostituirlo con un terzo elemento, pagando già una penalità.

Ricciardo, infatti, ha già montato in Cina il secondo motore stagionale dei tre concessi dopo il cedimento in Bahrain, per cui si trova con una power unit che ha una vita di cinque GP e può, quindi, disputare senza timori per l’affidabilità il GP del Canada.

Il compagno di squadra, Max Verstappen finora ha utilizzato solo il motore 1 e all’Isola di Notre Dame esaurirebbe la settima gara, ma il ragazzo ha accumulato un ritiro nelle prime battute della gara in Bahrain per cui il chilometraggio della sua power unit non è ancora arrivata alla soglia limite.

È possibile che ai due piloti Reb Bull la sostituzione del motore venga procrastinata…
"Abbiamo un nuovo motore - ha dichiarato Cyril Abiteboul, CEO di Renault Sport F1, a Motorsport.com – ma dobbiamo ancora confermarne l'introduzione su tutte le macchine, perché il chilometraggio non è lo stesso su tutte le monoposto, per cui valuteremo dove e quando introdurre le nuove specifiche”.

"Dovremmo avere a disposizione sei motori nuovi stando alla delibera di produzione e valuteremo con i team quando iniziare a usarli. Ci sarà un piccolo aumento di potenza, anche se sappiamo che non saremo gli unici ad averlo. La crescita c’è l’aspettiamo soprattutto dal motore termico che è l’elemento sui cui lavoriamo di più anche in vista del prossimo anno”.

E se Abiteboul non volesse far provare il motore nuovo alle Red Bull in modo da non consentire un confronto diretto con il nuovo Honda che sarà montato sulle Toro Rosso proprio a Montreal? Il team di Milton Keynes si è preso ancora qualche settimana di tempo prima di dare una risposta ai francesi se continueranno con l’unità di Viry Chatillon o se passeranno ai gapponesi…

 

Prossimo articolo Formula 1