Mercato piloti: l'incubo di Ricciardo in Rosso è sempre Raikkonen

Anche se l'australiano ha un'opzione con la Ferrari, la squadra del Cavallino punta al rinnovo di Kimi per un altro anno. Scopriamo quali sono le ragioni che spingono Marchionne e Arrivabene a prolungare l'accordo con Iceman.

Mercato piloti: l'incubo di Ricciardo in Rosso è sempre Raikkonen
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Sergio Perez, Force India e Kimi Raikkonen, Ferrari, in griglia
Kimi Raikkonen, Ferrari e Sebastian Vettel, Ferrari nel parco chiuso
Kimi Raikkonen, Ferrari nella conferenza stampa
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H, si ritira dalla gara
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari SF71H
Kimi Raikkonen, Ferrari
Kimi Raikkonen, Ferrari and trainer Mark Arnall

Kimi Raikkonen come Felipe Massa ai tempi di Michael Schumacher? Il finlandese è dato ogni anno in uscita dalla Ferrari, ma poi, alla fine resta la migliore opzione per la squadra del Cavallino e, puntualmente, si vede rinnovare l’accordo per un anno, allungando una carriera che ha regalato l’ultimo titolo mondiale alla Rossa nel lontano 2008.

Iceman con la SF71H ha subito trovato un feeling molto positivo potendo condurre la monoposto con un buon inserimento in curva: in questo avvio di stagione a volte è stato più veloce di Sebastian Vettel, mostrando un più facile adattamento alla macchina del tedesco.

Il Circus torna domenica prossima a Monte Carlo dove l’anno scorso aveva conquistato l’ultima delle 17 pole position (ha mancato quella di Baku per pochi millesimi…): nella classifica del mondiale è solo quarto, ma ha dovuto fare i conti con due ritiri (Bahrain e Spagna) per problemi meccanici, mentre nelle altre tre gare è sempre finito a podio e con 48 punti iridati precede di una lunghezza quel Daniel Ricciardo che sarebbe il suo successore più accreditato.

A Maranello si erano messi avanti con i lavori facendo firmare all’australiano un’opzione a inizio anno con scadenza nell’estate che gli blocca qualsiasi altra trattativa, riprendendo un filo che già in passato si era reciso proprio per il prolungamento del contratto di Kimi.

Si dice che Sebastian Vettel “spinga” per il rinnovo di Raikkonen, compagno di squadra perfetto, mentre storcerebbe la bocca con l’arrivo di Ricciardo. Del resto Kimi non fa mai polemica (tutt’al più grugnisce qualcosa fra i denti, ma se la fa passare subito), accetta qualsiasi ordine di squadra e contribuisce allo sviluppo della macchina.

E poi costa poco alla squadra. A 38 anni il finlandese si trova in una condizione invidiabile sebbene sia il solo pilota dei tre top team che non vince una gara dal GP d’Australia del 2013 con la Lotus.

Con 275 GP all’attivo, Kimi è quinto nella classifica di tutti i tempi preceduto solo da Fernando Alonso con 20 presenze in più, è a digiuno di successi dacché è iniziata l’era ibrida dalla F1: un’attesa lunga che è giunta ormai al quinto anno. Tanto, forse, troppo…

Va detto, però, che due dei cinque successi di Sebastian dello scorso anno potevano essere di Kimi (Monaco e Ungheria). I freddi numeri, comunque, parlano chiaro, tanto più che in questa stagione Raikkonen sembra aver indossato i panni di… Paperino, per cui se succede qualcosa a una Rossa capita sempre e solo a lui (due stop di motore a Barcellona, il primo nelle prove libere e il secondo in gara).

Nel Reparto Corse faranno gli scongiuri visto che il pilota per il titolo è Vettel, ma la Ferrari sembra avere il potenziale per puntare ad almeno uno dei due titoli iridati e se vuole agganciare quello Costruttori deve poter contare su un attacco a due punte, capace di tenersi dietro le Mercedes.

A Monte Carlo si parlerà anche di mercato, perché Ricciardo non vuole aspettare metà stagione per farsi chiudere la porta in faccia da Maranello, tanto più che il gioiellino di casa, Charles Leclerc, sta crescendo bene alla Sauber, ma forse abbisogna di una seconda stagione per fare esperienza, magari alla Haas, prima di reggere la pressione a cui è sottoposto un pilota quando approda al Cavallino.

Il destino di Kimi è nelle sue mani: se il finlandese saprà evitare i momenti abulici che hanno contraddistinto le annate del suo ritorno in Rossa sarà inamovibile, altrimenti tutto potrebbe succedere. Ma il vecchio Raikkonen, al pari di Gigi Buffon (calcio) e Valentino Rossi (motociclismo) tiene botta. Gli Anta non fanno più paura a nessuno…

 

condivisioni
commenti
Analisi Ferrari: il nuovo bracket non migliora la meccanica, solo l'aero

Articolo precedente

Analisi Ferrari: il nuovo bracket non migliora la meccanica, solo l'aero

Prossimo Articolo

GP di Spagna: la replica all'inutile polemica per i due inni a Barcellona

GP di Spagna: la replica all'inutile polemica per i due inni a Barcellona
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021