Hamilton: "Devo fare la pole per limitare i danni"

Il pilota della Mercedes è stato il più veloce in entrambe le sessioni di prove libere del venerdì del Gran Premio di Turchia, ma sa già che dovrà scontare una penalità di 10 posizioni in griglia, quindi per domani l'obiettivo dichiarato è mettere tutti in fila in qualifica per limitare i danni.

Hamilton: "Devo fare la pole per limitare i danni"

E' stato un venerdì a due facce quello del Gran Premio della Turchia per Lewis Hamilton. Da una parte, il pilota della Mercedes ha iniziato il weekend di Istanbul sapendo che la sua corsa domenica sarà in salita, visto che la squadra di Brackley ha deciso di montare un'unità termica nuova sulla sua W12. Cosa che lo farà incappare in una penalità di 10 posizioni in griglia.

Dall'altra, però, il leader della classifica iridata è stato il mattatore odierno, chiudendo entrambe le sessioni davanti a tutti. In questo modo, è riuscito quindi a mandare un messaggio chiaro al rivale Max Verstappen, parso invece un po' più in difficoltà con una Red Bull per l'occasione bianca.

Il britannico sembra avere tutte le carte in regola per dare l'assalto alla pole position, riuscendo in questo modo a minimizzare l'impatto della sua penalità sulla griglia. Va detto, però, che le previsioni meteo parlano di elevate probabilità di pioggia sia per domani che per domenica e in quel caso il lavoro fatto oggi rischia di assumere un valore abbastanza relativo.

Non a caso, nella sua analisi a fine sessione, Lewis ha cominciato parlando dell'asfalto del tracciato di Istanbul, che rispetto all'anno scorso offre un grip decisamente migliore dopo il trattamento di idropulitura a cui è stato sottoposto la scorsa settimana.

"Oggi è andata molto diversamente. L'anno scorso c'era un asfalto talmente nuovo che c'era l'olio che saliva in superficie", ha detto Hamilton ai microfoni di Sky, facendo riferimento a quando nel 2020 sembrava davvero di guidare sul ghiaccio a tratti.

"Stavolta hanno pulito la pista davvero bene qualche giorno prima, quindi non sapevamo cosa aspettarci quando siamo entrati in pista oggi, ma c'era molto più grip rispetto al passato. E guidare su questa pista con queste condizioni è molto più divertente", ha aggiunto.

Riguardo alle sue prestazioni odierne, nonostante il doppio miglior tempo, non è parso del tutto soddisfatto, soprattutto in relazione alla seconda sessione, nella quale non ha gradito troppo alcune modifiche apportate alla sua Mercedes.

Leggi anche:

"Siamo partiti con un buon assetto e siamo stati molto veloci nella prima sessione. Poi abbiamo apportato qualche modifica, anche perché la pista è sempre in evoluzione di sessione in sessione. I cambiamenti che abbiamo fatto però non mi hanno fatto sentire a mio agio come nella prima sessione. Però abbiamo raccolto tante informazioni che speriamo che ci possano essere utili nelle prossime sessioni".

Poi però ha corretto il tiro, spiegando di non essere troppo lontano dal 100%: "Sono abbastanza vicino. Non so quanto margine ci sia ancora, ma troviamo sempre qualcosa e penso che ci riusciremo anche stasera, sperando che poi domani non piova".

L'obiettivo per le qualifiche di domani è molto chiaro ed è chiaramente vincolato alla sua penalità di 10 posizioni in griglia.

"Ho bisogno di fare la pole per limitare i danni. Poi ovviamente devo capire anche meglio la macchina per essere veloce nei long run, quindi domani diciamo che dovrò trovare il giusto equilibrio nel lavoro da fare in FP3. Non è molto diverso da qualsiasi altro fine settimana".

Infine, ha parlato anche della buonissima prestazione offerta dalla Ferrari, che ha chiuso subito alle sue spalle con Charles Leclerc, mostrando cose interessanti anche a livello di passo gara.

"Saranno difficili da superare, ma anche le Renault e le McLaren. Sembra che stiano migliorando sempre di più nel corso di quest'anno. Non so se stanno portando degli aggiornamenti, perché non guardo proprio a loro. Ma è bello vederli diventare più forti e spero che lo siano anche l'anno prossimo".

Lewis Hamilton, Mercedes

Lewis Hamilton, Mercedes

Photo by: Steve Etherington / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen preoccupato: "Ci attende una serata impegnativa"

Articolo precedente

Verstappen preoccupato: "Ci attende una serata impegnativa"

Prossimo Articolo

Podcast, Chinchero: "Ferrari al top grazie a un assetto già OK"

Podcast, Chinchero: "Ferrari al top grazie a un assetto già OK"
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021