Verstappen preoccupato: "Ci attende una serata impegnativa"

Il pilota della Red Bull ha chiuso il secondo turno di libere con il 6° tempo e un gap di 6 decimi da Hamilton ed ha ammesso di non aver trovato il giusto feeling con la sua RB16B sul nuovo asfalto di Istanbul.

Verstappen preoccupato: "Ci attende una serata impegnativa"

Dopo essere riuscito a limitare i danni in Russia, ottenendo un inatteso secondo posto grazie all’improvviso arrivo della pioggia nel finale, Max Verstappen è giunto in Turchia pronto a riprendersi la prima posizione in classifica piloti.

Per il portacolori della Red Bull, però, il venerdì di libere non è andato come previsto. Al mattino, al termine delle FP1, Max ha chiuso alle spalle di Lewis Hamilton pagando un gap di 4 decimi da Hamilton, mentre al pomeriggio non è riuscito a fare meglio del sesto riferimento accusando un ritardo dal sette volte campione del mondo di 6 decimi.

Se al mattino, però, sembrava che Verstappen si stesse nascondendo, al pomeriggio la situazione in casa Red Bull è sembrata più complicata. L’olandese si è spesso lamentato via radio per un bilanciamento non ottimale anche se poi, nel finale di turno, ha inanellato una serie di long run con tempi molto interessanti.

A fine giornata Max si è presentato davanti ai microfoni della stampa non nascondendo la preoccupazione per un weekend iniziato in salita.

“Nel secondo turno di libere abbiamo cambiato alcune cose rispetto alle FP1, ma già stamattina non andavamo alla grande. Dobbiamo cercare di capire cosa fare”.

Se lo scorso anno i piloti si erano lamentati per l’asfalto estremamente scivoloso dell’Istanbul Park, quest’anno la situazione sembra essere decisamente differente. I responsabili del tracciato hanno effettuato un trattamento di pulizia dell'asfalto con un getto d’acqua ad alta pressione che ha modificato la rugosità del fondo garantendo così un grip maggiore.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

La novità sembra però aver tratto in inganno proprio la Red Bull e ad ammetterlo è stato lo stesso Verstappen.

“Quest’anno questo circuito è un po' diverso. Non abbiamo molti dati e ci aspetta una serata impegnativa per migliorare la situazione perché oggi non è stato un buon giorno”.

“Sicuramente è una bella pista in condizioni normali, ma speriamo di essere più competitivi nei prossimi giorni”.

Poco dopo l’inizio delle FP1 la Mercedes ha annunciato la sostituzione del motore termico sulla monoposto di Lewis Hamilton e l’inglese sarà obbligato a scontare 10 posizioni di arretramento in griglia di partenza domenica.

Verstappen potrebbe approfittare dell’assist offerto dalla penalità per riprendere il comando della classifica piloti, ma quando all’olandese è stato chiesto un parere sulla vicenda ha risposto a modo suo senza andare troppo per il sottile.

“Sono affari suoi, noi dobbiamo concentrarci su noi stessi. Oggi non è andata troppo bene”.

condivisioni
commenti
F1, Istanbul, Libere 2: Leclerc sfida anche Hamilton

Articolo precedente

F1, Istanbul, Libere 2: Leclerc sfida anche Hamilton

Prossimo Articolo

Hamilton: "Devo fare la pole per limitare i danni"

Hamilton: "Devo fare la pole per limitare i danni"
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021