Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
104 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
118 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
132 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
160 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
167 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
181 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
216 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
224 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
237 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
251 giorni

Haas: è più veloce la VF-19 di Melbourne. Sviluppi inutili?

condivisioni
commenti
Haas: è più veloce la VF-19 di Melbourne. Sviluppi inutili?
Di:
27 lug 2019, 07:05

Grosjean con la Haas di inizio stagione è stato più veloce di 1"2 rispetto a Magnussen che aveva la monoposto più evoluta: la comparazione nelle prove libere di Hockenheim dice che le evoluzioni della macchina sono state un vero buco nell'acqua!

Gunther Steiner nel commentare il Gran Premio di Gran Bretagna conclusosi al primo giro a causa di un contatto tra Magnussen e Grosjean aveva sottolineato un aspetto tecnico:
“È frustrante terminare una gara dopo poche centinaia di metri, ma lo è ancora di più se consideriamo che abbiamo bisogno di macinare chilometri per venire a capo di un momento tecnico poco chiaro”.

Il team principal della Haas aveva radiografato molto bene la situazione della squadra, e la conferma è arrivata nella giornata di ieri sul circuito di Hockenheim.

L’altalena di prestazioni che ha contraddistinto la VF-19 nella prima metà di stagione ha convinto gli ingegneri della Haas a pianificare delle prove comparative. Magnussen nella sessione FP2 è sceso in pista al volante della monoposto equipaggiata con gli ultimi aggiornamenti tecnici, mentre Grosjean ha utilizzato una vettura nella versione Melbourne, ovvero la prima specifica portata in pista dopo i test pre-campionato.

Il verdetto è stato sorprendente, poiché Grosjean ha ottenuto un ottimo sesto tempo girando in 1’14”179, mentre Magnussen non è andato oltre un deludente crono di 1’15”470, tempo che gli ha permesso di sopravanzare solo le due Williams.

La differenza di 1”291 tra le due monoposto ha innescato molti interrogativi, come confermato dallo stesso Magnussen:
“Non so quali margini di miglioramento ci siano, spero che la situazione possa essere più chiara dopo l’analisi dei dati. Non è ovviamente usuale vedere queste differenze, e lo è ancora meno considerando che quando si portano in pista degli sviluppi è lecito attendersi dei progressi”.

Già nella sessione FP1 Grosjean si era confermato più veloce di sette decimi rispetto a Magnussen, sceso in pista nella configurazione della VF19 introdotto nel Gran Premio di Spagna.

Le prove completate ieri sono state chieste dallo stesso Steiner, proprio con l’obiettivo di fare chiarezza sulla situazione tecnica della squadra.
“Quando si perde il filo – ha commentato il team principal altoatesino – è necessario fare delle scelte drastiche, e guardare anche fuori dagli schemi abituali per provare a far luce. Il nostro obiettivo è ora quello di capire cosa fare nella seconda metà della stagione, nient'altro. Questo è il nostro compito in questo fine settimana e nel prossimo weekend in Ungheria”.

Per Magnussen si preannuncia un fine settimana in salita, poiché la squadra non ha portato ad Hockenheim tutte le componenti necessarie per configurare anche la sua monoposto in versione Melbourne.
“Non posso tornare alle specifiche della prima gara dell’anno – ha commentato il danese - anche se non nascondo che mi piacerebbe farlo. Ma al di là di tutto per il team è anche importante comprendere sempre di più questi nuovi aggiornamenti. Se nel proseguimento del weekend la differenza tra le due monoposto si confermerà così ampia come nelle prove libere, allora credo che si debba pensare a tornare alla configurazione originale su entrambe le monoposto, soprattutto per cercare di portare a casa più punti possibili nelle prossime gare”.

Di umore completamente diverso è Grosjean, che si è ritrovato ad iniziare il weekend in un modo molto migliore del previsto:
“Sono contento della macchina, e lo sono stato dal primo giro completato in FP1. È sempre una bella sensazione confermarsi vicino ad avversari come Bottas o Verstappen, forse quando arriverà il momento delle qualifiche la situazione potrà cambiare, ma finora sono molto contento dei riscontri. La sensazione in macchina sia stata davvero buona, ma aspettiamo di verificare in quali condizioni meteo si disputeranno le qualifiche, sarà una variabile molto importante”.

Scorrimento
Lista

Haas F1 Team VF-19, dettaglio delle branchie a lato dell'halo

Haas F1 Team VF-19, dettaglio delle branchie a lato dell'halo
1/10

Foto di: Giorgio Piola

Haas F1 Team VF-19, dettaglio del bargeboard

Haas F1 Team VF-19, dettaglio del bargeboard
2/10

Foto di: Giorgio Piola

Haas F1 Team VF-19, dettaglio dell'ala posteriore

Haas F1 Team VF-19, dettaglio dell'ala posteriore
3/10

Foto di: Giorgio Piola

Haas F1 Team VF-19, dettaglio del bargeboard

Haas F1 Team VF-19, dettaglio del bargeboard
4/10

Foto di: Giorgio Piola

I meccanici spostano la monoposto di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19

I meccanici spostano la monoposto di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19
5/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Romain Grosjean, Haas F1, parla con i media

Romain Grosjean, Haas F1, parla con i media
6/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Cognome e numero di Romain Grosjean, Haas F1 Team, sull'halo della sua VF-19

Cognome e numero di Romain Grosjean, Haas F1 Team, sull'halo della sua VF-19
7/10

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Ala anteriore dell'Haas F1 Team VF-19

Ala anteriore dell'Haas F1 Team VF-19
8/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, supera la monoposto ferma di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, supera la monoposto ferma di Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19
9/10

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Musetti Haas F1 Team VF-19

Musetti Haas F1 Team VF-19
10/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Prossimo Articolo
GP Germania: la direzione gara per la linea dura sui track limit

Articolo precedente

GP Germania: la direzione gara per la linea dura sui track limit

Prossimo Articolo

F1: Ocon condiziona Mercedes. Bottas deve aspettare

F1: Ocon condiziona Mercedes. Bottas deve aspettare
Carica commenti