Test Pirelli: Ferrari al Ricard con Vettel e Raikkonen?

condivisioni
commenti
Test Pirelli: Ferrari al Ricard con Vettel e Raikkonen?
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
12 gen 2016, 12:02

A Maranello decideranno in queste ore i piloti per i collaudi con le nuove gomme da bagnato

Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T in the pits
Kimi Raikkonen, Ferrari SF15-T behind Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T in the pits
Sebastian Vettel, Ferrari SF15-T

La McLaren ha deciso di nominare il pilota di riserva, Stoffel Vandoorne, per i test al Paul Ricard organizzati dalla Pirelli il 25 e 26 gennaio per sviluppare le gomme da bagnato. Alla sessione autorizzata dalla FIA hanno aderito anche Ferrari e Red Bull Racing che non hanno ancora ufficializzato i loro piloti.

In queste ore a Maranello stanno decidendo quali saranno i piloti che avranno il compito di valutare le coperture rain della Casa milanese che bagnerà artificialmente il tracciato di Le Castellet per sviluppare il nuovo pneumatico Cinturato full wet. La speranza è di coinvolgere in questo lavoro sia Sebastian Vettel che Kimi Raikkonen, dando la massima disponibilità alla Pirelli, mentre la Red Bull Racing potrebbe, forse, rivolgersi a Daniil Kvyat.

Il test dovrà essere svolto con monoposto 2015 senza evoluzioni e sarà "cieco", vale a dire le messe a punto dell'assetto saranno finalizzate solo al migliore sfruttamento degli pneumatici prototipo che saranno messi a disposizione delle squadre. Le monoposto gireranno sul corto del Paul Ricard di 3,5 km, vale a dire il tracciato che può essere bagnato artificialmente.

Per garantire che il velo d'acqua sulla pista sia costante saranno programmati dei run pre-definiti oltre i quali il tracciato dovrà nuovamente essere condizionato per ritrovare uguali valori di grip in modo da rendere i dati oggettivamente confrontabili. Sarà un lavoro piuttosto complesso che sarà influenzato dal variare della temperatura e del vento. Saranno da prevedere lunghe soste ai box alternate da brevi sessioni di collaudo.

Non ci saranno test con pista asciutta, mentre le intermedie verranno montate solo per cercare il crossover con la full wet. Per la Ferrari il test Pirelli, per quanto sia vincolato, è considerato un'opportunità, tenuto conto che la Mercedes non ci sarà: la squadra del Cavallino, che vuole sfidare il team di Brackley nella lotta per il mondiale, non vuole lasciare niente al caso...

Prossimo articolo Formula 1
Monoposto 2017: già bocciato il diffusore più grande

Articolo precedente

Monoposto 2017: già bocciato il diffusore più grande

Prossimo Articolo

Polysil Gold: i cerchi all'interno non saranno più neri

Polysil Gold: i cerchi all'interno non saranno più neri
Carica commenti