Pirelli replica a Max: le pressioni in gara erano più basse

Mario Isola, responsabile quattro ruote di Pirelli Motorsport, non accetta gli attacchi portati da Max a difesa della Red Bull dopo i fatti di Baku. Il manager milanese precisa: "Le condizioni di marcia previste erano diverse rispetto alle condizioni di marcia effettive, e questo ha creato le condizioni e gli effetti che abbiamo visto". Le gomme esplose avevano un PSI in meno di quello prescritto.

Pirelli replica a Max: le pressioni in gara erano più basse

La Pirelli ha ribadito ieri la sua posizione in merito alla questione ‘pressioni’ emersa dopo il weekend di Baku.

Nella tradizionale conferenza stampa di ieri Max Verstappen, interpellato sul comunicato stampa rilasciato dalla Casa di pneumatici al termine dell’analisi svolta congiuntamente con la FIA, ha risposto difendendo la posizione della Red Bull e dichiarandosi non soddisfatto delle spiegazioni fornite perché ritenute ‘vaghe’.

Qualche ora dopo è stata la volta di Mario Isola, che nella conferenza stampa Pirelli ha ribadito quanto contenuto nel comunicato rilasciato martedì sera e aggiungendo che le cause dei problemi emersi a Baku sulla Red Bull di Verstappen e la Aston Martin di Lance Stroll sono imputabili a pressioni più basse di quelle attese in condizioni di marcia.

Un aspetto, ha sottolineato il responsabile del motorsport Pirelli, che non viola il regolamento, ma che di fatto è stato indicato come la causa dei problemi verificatisi in Azerbaijan.

“Quanto accaduto a Baku – ha sottolineato Isola - è riconducibile ad un fattore: le condizioni di marcia previste erano diverse rispetto alle condizioni di marcia effettive, e questo ha creato le condizioni e gli effetti che abbiamo visto".

"Quando sulle gomme agisce molta energia, e la pressione è più bassa rispetto alle aspettative, il risultato è che sul fianco del pneumatico si formano delle onde stazionarie, che a loro volta aumentano l’energia sulla gomma arrivando a determinare il cedimento. Questo è quello che è successo a Baku”.

“Prevediamo che le gomme in gara siano utilizzate con una certa pressione ed un certo camber – ha chiarito Isola – e ci garantiamo sempre un certo margine. A Baku non sono state raggiunte queste condizioni, non perché le squadre stessero facendo qualcosa contro i regolamenti, ma perché cercavano, come sempre accade, le migliori prestazioni, e questo ha creato uno scenario diverso da quello che ci aspettavamo. Uno scenario nel quale principalmente le gomme giravano a una pressione inferiore rispetto alle aspettative”.

Isola ha sottolineato come le squadre non abbiano fatto nulla contro il regolamento poiché oggi non esiste una pressione minima di esercizio da rispettare in condizioni di gara, un valore che nel 2022 sarà inserito nel regolamento tecnico poiché tutte le squadre dovranno utilizzare un sensore di pressione standard, che potrà essere monitorato dai tecnici della FIA.

“Se nel regolamento non è riportata una pressione da rispettare in gara – ha confermato Isola - non posso ovviamente dire che i team stessero facendo qualcosa contro il regolamento nella loro ricerca di maggiori prestazioni, se rispettano il valore di pressione previsto alla partenza, di fatto rispettano il regolamento. Se si verificherà una situazione analoga il prossimo anno, quando imporremo una pressione di marcia, allora in quel caso sarà contro il regolamento, ma oggi non è così”.

condivisioni
commenti
Leclerc rispolvera la livrea del primo casco della carriera

Articolo precedente

Leclerc rispolvera la livrea del primo casco della carriera

Prossimo Articolo

Giovinazzi: "I punti persi? Sono state occasioni sprecate"

Giovinazzi: "I punti persi? Sono state occasioni sprecate"
Carica commenti
Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due! Prime

Condizionamenti F1: Wolff e Horner, attenti a quei due!

Lewis Hamilton e Max Verstappen se le sono suonate in pista a Silverstone, mentre Toto Wolff e Christian Horner continuano a beccarsi a livello mediatico. I due team principal stanno alimentando la rivalità sportiva con comportamenti e dichiarazioni che andrebbero misurati. Quali saranno gli effetti in Ungheria di questi atteggiamenti aggressivi e utilitaristici?

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1 Prime

F1 '96 e GP2: dove sono nati i videogames di Formula 1

Grand Prix 2 e Formula 1 '96 sono due giochi che hanno segnato un'era a cavallo della metà degli anni '90. Titoli di riferimento al momento dell'uscita, possono essere riconosciuti come veri e propri precursori del genere arcade e simulativo che ha aperto la strada ai videogames odierni

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari Prime

Ilott: dal disastro Red Bull alla rinascita in Ferrari

Nonostante la giovane età Callum Ilott ha vissuto numerose esperienze nel motorsport. Dopo essere stato scaricato da Helmut Marko, l'inglese ha trovato una seconda opportunità con la Ferrari e adesso punta con decisione ad un ruolo da titolare in F1 nel 2022.

Formula 1
26 lug 2021
F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring Prime

F1 Stories: I Signori dell'Hungaroring

Piquet, Senna, Schumacher, Vettel... questi sono solo quattro dei tanti nomi che hanno contribuito a fare la storia del Gran Premio d'Ungheria di Formula 1. Riviviamo insieme alcuni degli episodi più significativi della gara ungherese.

Formula 1
26 lug 2021
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

Formula 1
24 lug 2021
F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Formula 1
24 lug 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021