Pirelli replica a Max: le pressioni in gara erano più basse

Mario Isola, responsabile quattro ruote di Pirelli Motorsport, non accetta gli attacchi portati da Max a difesa della Red Bull dopo i fatti di Baku. Il manager milanese precisa: "Le condizioni di marcia previste erano diverse rispetto alle condizioni di marcia effettive, e questo ha creato le condizioni e gli effetti che abbiamo visto". Le gomme esplose avevano un PSI in meno di quello prescritto.

Pirelli replica a Max: le pressioni in gara erano più basse

La Pirelli ha ribadito ieri la sua posizione in merito alla questione ‘pressioni’ emersa dopo il weekend di Baku.

Nella tradizionale conferenza stampa di ieri Max Verstappen, interpellato sul comunicato stampa rilasciato dalla Casa di pneumatici al termine dell’analisi svolta congiuntamente con la FIA, ha risposto difendendo la posizione della Red Bull e dichiarandosi non soddisfatto delle spiegazioni fornite perché ritenute ‘vaghe’.

Qualche ora dopo è stata la volta di Mario Isola, che nella conferenza stampa Pirelli ha ribadito quanto contenuto nel comunicato rilasciato martedì sera e aggiungendo che le cause dei problemi emersi a Baku sulla Red Bull di Verstappen e la Aston Martin di Lance Stroll sono imputabili a pressioni più basse di quelle attese in condizioni di marcia.

Un aspetto, ha sottolineato il responsabile del motorsport Pirelli, che non viola il regolamento, ma che di fatto è stato indicato come la causa dei problemi verificatisi in Azerbaijan.

“Quanto accaduto a Baku – ha sottolineato Isola - è riconducibile ad un fattore: le condizioni di marcia previste erano diverse rispetto alle condizioni di marcia effettive, e questo ha creato le condizioni e gli effetti che abbiamo visto".

"Quando sulle gomme agisce molta energia, e la pressione è più bassa rispetto alle aspettative, il risultato è che sul fianco del pneumatico si formano delle onde stazionarie, che a loro volta aumentano l’energia sulla gomma arrivando a determinare il cedimento. Questo è quello che è successo a Baku”.

“Prevediamo che le gomme in gara siano utilizzate con una certa pressione ed un certo camber – ha chiarito Isola – e ci garantiamo sempre un certo margine. A Baku non sono state raggiunte queste condizioni, non perché le squadre stessero facendo qualcosa contro i regolamenti, ma perché cercavano, come sempre accade, le migliori prestazioni, e questo ha creato uno scenario diverso da quello che ci aspettavamo. Uno scenario nel quale principalmente le gomme giravano a una pressione inferiore rispetto alle aspettative”.

Isola ha sottolineato come le squadre non abbiano fatto nulla contro il regolamento poiché oggi non esiste una pressione minima di esercizio da rispettare in condizioni di gara, un valore che nel 2022 sarà inserito nel regolamento tecnico poiché tutte le squadre dovranno utilizzare un sensore di pressione standard, che potrà essere monitorato dai tecnici della FIA.

“Se nel regolamento non è riportata una pressione da rispettare in gara – ha confermato Isola - non posso ovviamente dire che i team stessero facendo qualcosa contro il regolamento nella loro ricerca di maggiori prestazioni, se rispettano il valore di pressione previsto alla partenza, di fatto rispettano il regolamento. Se si verificherà una situazione analoga il prossimo anno, quando imporremo una pressione di marcia, allora in quel caso sarà contro il regolamento, ma oggi non è così”.

condivisioni
commenti
Leclerc rispolvera la livrea del primo casco della carriera
Articolo precedente

Leclerc rispolvera la livrea del primo casco della carriera

Prossimo Articolo

Giovinazzi: "I punti persi? Sono state occasioni sprecate"

Giovinazzi: "I punti persi? Sono state occasioni sprecate"
Carica commenti
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021