F1, Monza, Libere 2: Leclerc si conferma, Hamilton ad un soffio

condivisioni
commenti
F1, Monza, Libere 2: Leclerc si conferma, Hamilton ad un soffio
Di:
6 set 2019, 14:34

Il pilota della Ferrari segna il miglior tempo prima dell'arrivo di una fastidiosa pioggerella, precedendo di soli 68 millesimi la Mercedes di Hamilton. Vettel è terzo a due decimi, con Bottas e le Red Bull più staccati.

La pioggia ci ha messo lo zampino anche nella seconda sessione di prove libere del GP d'Italia di Formula 1, cadendo su Monza in maniera intermittente, ma mai troppo copiosa per tutta l'ora e mezza a disposizione di team e piloti.

Il turno è iniziato con la pista asciutta, ma dopo pochi minuti ha iniziato a sgocciolare, invitando praticamente tutti, ad eccezione delle Mercedes, ad anticipare il proprio programma e a rientrare per fare la simulazione di qualifica.

I due ferraristi invece sono stati probabilmente i primi ad andare a fare il loro "time attack", con Charles Leclerc che ha confermato il suo grande momento di forma, risultando il solo capace di scendere sotto al muro dell'1'21" con il suo 1'20"978.

Ma il monegasco è parso piuttosto a suo agio anche a livello di passo, continuando a spingere in queste condizioni di pioggerella, visto che il suo ingegnere gli ha sottolineato via radio che queste potrebbero essere le condizioni di domenica in gara, risultando veloce sia con le gomme soft che con le dure.

 

Pur riuscendo ad essere più veloce del compagno di squadra nel settore centrale della pista, Sebastian Vettel invece ha chiuso a 201 millesimi dalla SF90 gemella e alla fine si è dovuto accontentare del terzo posto finale.

A separare le due Rosse, infatti, si è infilata la Mercedes di Lewis Hamilton. Pur avendo aspettato troppo prima dell'arrivo della pioggia per montare le gomme soft, il leader del Mondiale ha infatti trovato una finestra per sfruttarle ad una mezz'ora dal termine della sessione ed ha piazzato un 1'21"046 con cui si è messo a soli 68 millesimi da Leclerc.

Meno brillante il compagno di squadra Valtteri Bottas, che anche lui ha fatto la simulazione di qualifica nello stesso momento, chiudendo però ad oltre tre decimi dalla Freccia d'Argento gemella, con un 1'21"347 che gli è valso la quarta prestazione. Va detto, però, che il finlandese ha offerto la sua scia al compagno di squadra.

Come previsto, su una pista "di motore", le Red Bull si sono dovute accontentare di fare da terzo incomodo, anche se Max Verstappen è riuscito a stare veramente vicino a Bottas, pagandogli appena 3 millesimi. Bisogna ricordare che l'olandese però domenica dovrà prendere il via dal fondo, avendo montato la quarta power unit Honda.

Leggi anche:

Continuando a parlare di Red Bull, bisogna sottolineare un'altra buona prestazione del nuovo arrivato Alexander Albon, sesto a poco più di due decimi dal compagno. C'è stata però anche una bella reazione d'orgoglio del pilota a cui ha soffiato il posto, perché Pierre Gasly si è arrampicato fino al settimo posto con la Toro Rosso.

In generale è andata bene anche per la squadra faentina, visto che Daniil Kvyat è riuscito a staccare il decimo tempo, alle spalle anche della Haas di Romain Grosjean e della Renault di Daniel Ricciardo. Dopo aver brillato in mattinata sull'umido, dunque, mancano un po' all'appello le McLaren: Carlos Sainz è 12esimo, mentre Lando Norris è rimasto a lungo fermo ai box a causa di una perdita d'olio.

Attardate anche le due Alfa Romeo, con Kimi Raikkonen che è tornato in pista dopo il botto di stamattina alla Parabolica, ma non è riuscito a fare meglio del 14esimo tempo. L'aria di casa poi non sembra portare troppo bene ad Antonio Giovinazzi, che occupa la 17esima posizione.

Da segnalare anche una breve bandiera rossa esposta verso la metà del turno, nel momento in cui la pioggia cadeva in maniera più intensa ed aveva invitato i piloti a prendere la via dei box. Questa situazione ha permesso ai commissari di andare a pulire la pista alle curva 4 e 5, dove era stata portata della ghiaia in pista dall'escursione di una Haas.

Cla Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Monaco Charles Leclerc Ferrari Ferrari 37 1'20.978     257.536
2 United Kingdom Lewis Hamilton Mercedes Mercedes 32 1'21.046 0.068 0.068 257.320
3 Germany Sebastian Vettel Ferrari Ferrari 39 1'21.179 0.201 0.133 256.898
4 Finland Valtteri Bottas Mercedes Mercedes 34 1'21.347 0.369 0.168 256.368
5 Netherlands Max Verstappen Red Bull Honda 29 1'21.350 0.372 0.003 256.358
6 Thailand Alexander Albon Red Bull Honda 30 1'21.589 0.611 0.239 255.607
7 France Pierre Gasly Toro Rosso Honda 42 1'22.124 1.146 0.535 253.942
8 France Romain Grosjean Haas Ferrari 44 1'22.153 1.175 0.029 253.853
9 Australia Daniel Ricciardo Renault Renault 36 1'22.249 1.271 0.096 253.556
10 Russian Federation Daniil Kvyat Toro Rosso Honda 37 1'22.260 1.282 0.011 253.522
11 Germany Nico Hulkenberg Renault Renault 37 1'22.338 1.360 0.078 253.282
12 Spain Carlos Sainz Jr. McLaren Renault 32 1'22.482 1.504 0.144 252.840
13 Denmark Kevin Magnussen Haas Ferrari 42 1'22.511 1.533 0.029 252.751
14 Finland Kimi Raikkonen Alfa Romeo Ferrari 35 1'22.523 1.545 0.012 252.715
15 Canada Lance Stroll Racing Point Mercedes 32 1'22.706 1.728 0.183 252.155
16 Mexico Sergio Perez Racing Point Mercedes 33 1'22.882 1.904 0.176 251.620
17 Italy Antonio Giovinazzi Alfa Romeo Ferrari 35 1'23.065 2.087 0.183 251.066
18 United Kingdom Lando Norris McLaren Renault 16 1'23.561 2.583 0.496 249.575
19 Poland Robert Kubica Williams Mercedes 29 1'23.737 2.759 0.176 249.051
20 United Kingdom George Russell Williams Mercedes 23 1'24.313 3.335 0.576 247.349
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP d'Italia: Libere 2

Articolo precedente

LIVE F1, GP d'Italia: Libere 2

Prossimo Articolo

Verstappen: "Rosberg bastian contrario, come Jacques Villeneuve!"

Verstappen: "Rosberg bastian contrario, come Jacques Villeneuve!"
Carica commenti