Ferrari: perché il Cavallino è imbizzarrito?

Leclerc, nono. Vettel, dodicesimo. Le due Ferrari hanno deluso anche nella prima giornata di prove libere del GP d'Italia. La SF1000 soffre la mancanza di efficienza aerodinamica e la carenza di una cinquantina di cavalli di potenza, ma la Rossa è parsa inguidabile anche in uscita dalle curve con un comportamento imprevedibile per i piloti. Pare che ci sia anche la sospensione idraulica posteriore a fare le bizze, rendendo tutto ancora più difficile.

Ferrari: perché il Cavallino è imbizzarrito?

Charles Leclerc ha visto lontano spegnendo ogni entusiasmo per il GP d’Italia: anche a Monza la Ferrari non è competitiva. Il quadro che emerge dalle prove libere effettuate allo Stradale è desolante, proprio come a Spa, perché il monegasco ha concluso al nono posto il venerdì a 1”311 dalla Mercedes di Lewis Hamilton, mentre Sebastian Vettel è dodicesimo, staccato di tre decimi dal compagno di squadra.

La distanza dalle frecce nere è siderale, perché le W11 alla faccia del divieto del “party mode” rivelano una superiorità che sembra inattaccabile. Ma oggi il confronto non va fatto con le Mercedes che sono di un altro pianeta, ma con tutti gli altri.

E il bilancio di giornata piange, perché la Rossa chiude come la sesta forza in campo, ben sapendo che anche la Renault di Daniel Ricciardo sarebbe stata davanti nel giro secco se l’australiano non si fosse visto cancellare la sua simulazione da qualifica dai commissari sportivi, per cui si è dovuto accontentare del tempo ottenuto con le Medie. Altrimenti dietro alla Rossa ci sarebbero solo le due squadre clienti (Haas e Alfa Romeo) e la Williams.

Anche se in realtà il distacco dagli inseguitori delle Mercedes è esiguo: Lando Norris terzo con la McLaren è a poco più di quattro decimi e Max Verstappen, quinto con la Red Bull, è a tre decimi. Un buco che la Scuderia potrebbe chiudere come è solita fare dopo una prima giornata difficile, con il consueto lavoro notturno.

La speranza sarebbe di portare due Rosse in Q3, ma la realtà è tutt’altro che semplice perché davanti ci sono McLaren, AlphaTauri, Red Bull e Racing Point oltre alle frecce nere. E bastava guardare guidare Leclerc e Vettel per capire che i due piloti devono litigare con una macchina che non ne vuole sapere di stare in pista con un assetto a bassissimo carico aerodinamico.

La SF1000 è ingestibile: Sebastian Vettel è andato a “baciare” le protezioni con l’ala posteriore dopo un testacoda fra le due curve di Lesmo mentre stava effettuando il suo long run. Ed è andata un pelo meglio a Charles Leclerc che ha fatto le “sabbiature” nello stesso punto, evitando di perdere la macchina.

Ma se un giro è possibile metterlo insieme (il giovane monegasco non è troppo fiducioso di accedere alla Q3), il quadro sembra poco incoraggiante nel passo gara. Con il pieno la Rossa soffre. E allora non è solo una questione di potenza del motore mancante (i 50 cavalli in meno sono ormai assodati) e nemmeno di carenza del carico aerodinamico (a Monza non serve, è meglio avere una buona efficienza): evidentemente c’è anche dell’altro.

Vale a dire la sospensione posteriore a comando idraulico che non funziona come dovrebbe. Per avere un buon bilanciamento sarebbe necessario avere un assetto Rake ripetibile giro dopo giro. Macchina picchiata in curva e aderente all’asfalto in rettilineo per ridurre la resistenza all’avanzamento. Ma se la sospensione non funziona a dovere la monoposto ha reazioni imprevedibili che si ripercuotono tanto nella guidabilità per i piloti, quanto nella durata delle gomme.

Il sistema idraulico, insomma, non risponde come i tecnici si aspetterebbero: le aperture e chiusure degli orifizi a gas dovrebbero avvenire in modo programmato. E, invece, pare che questa soluzione sia stata deliberata tenendo conto di una power unit capace di spingere la Rossa con quei 50 cavalli in più che sono scomparsi per effetto delle direttive tecniche della FIA. E senza spinta sufficiente e senza la downforce necessaria, la Ferrari diventa un Cavallino imbizzarrito. Proprio come a Spa...

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box durante le prove
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box durante le prove
4/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
5/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
6/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
10/13

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
11/13

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari, cammina in pista
Sebastian Vettel, Ferrari, cammina in pista
12/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
13/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vettel: "Ci manca velocità e aderenza in ingresso curva"

Articolo precedente

Vettel: "Ci manca velocità e aderenza in ingresso curva"

Prossimo Articolo

Ferrari: ecco il casco di Vettel per il GP d'Italia 2020

Ferrari: ecco il casco di Vettel per il GP d'Italia 2020
Carica commenti
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021
Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA Prime

Fittipaldi: il campione di F1 diventato re negli USA

Emerson Fittipaldi non è stato soltanto uno dei più grandi talenti mai apparsi in Formula 1, ma ha scritto pagine di storia indelebili anche in IndyCar. Nigel Roebuck ne ripercorre la carriera attraverso le parole del brasiliano.

Formula 1
16 set 2021