Ferrari: perché il Cavallino è imbizzarrito?

Leclerc, nono. Vettel, dodicesimo. Le due Ferrari hanno deluso anche nella prima giornata di prove libere del GP d'Italia. La SF1000 soffre la mancanza di efficienza aerodinamica e la carenza di una cinquantina di cavalli di potenza, ma la Rossa è parsa inguidabile anche in uscita dalle curve con un comportamento imprevedibile per i piloti. Pare che ci sia anche la sospensione idraulica posteriore a fare le bizze, rendendo tutto ancora più difficile.

Ferrari: perché il Cavallino è imbizzarrito?

Charles Leclerc ha visto lontano spegnendo ogni entusiasmo per il GP d’Italia: anche a Monza la Ferrari non è competitiva. Il quadro che emerge dalle prove libere effettuate allo Stradale è desolante, proprio come a Spa, perché il monegasco ha concluso al nono posto il venerdì a 1”311 dalla Mercedes di Lewis Hamilton, mentre Sebastian Vettel è dodicesimo, staccato di tre decimi dal compagno di squadra.

La distanza dalle frecce nere è siderale, perché le W11 alla faccia del divieto del “party mode” rivelano una superiorità che sembra inattaccabile. Ma oggi il confronto non va fatto con le Mercedes che sono di un altro pianeta, ma con tutti gli altri.

E il bilancio di giornata piange, perché la Rossa chiude come la sesta forza in campo, ben sapendo che anche la Renault di Daniel Ricciardo sarebbe stata davanti nel giro secco se l’australiano non si fosse visto cancellare la sua simulazione da qualifica dai commissari sportivi, per cui si è dovuto accontentare del tempo ottenuto con le Medie. Altrimenti dietro alla Rossa ci sarebbero solo le due squadre clienti (Haas e Alfa Romeo) e la Williams.

Anche se in realtà il distacco dagli inseguitori delle Mercedes è esiguo: Lando Norris terzo con la McLaren è a poco più di quattro decimi e Max Verstappen, quinto con la Red Bull, è a tre decimi. Un buco che la Scuderia potrebbe chiudere come è solita fare dopo una prima giornata difficile, con il consueto lavoro notturno.

La speranza sarebbe di portare due Rosse in Q3, ma la realtà è tutt’altro che semplice perché davanti ci sono McLaren, AlphaTauri, Red Bull e Racing Point oltre alle frecce nere. E bastava guardare guidare Leclerc e Vettel per capire che i due piloti devono litigare con una macchina che non ne vuole sapere di stare in pista con un assetto a bassissimo carico aerodinamico.

La SF1000 è ingestibile: Sebastian Vettel è andato a “baciare” le protezioni con l’ala posteriore dopo un testacoda fra le due curve di Lesmo mentre stava effettuando il suo long run. Ed è andata un pelo meglio a Charles Leclerc che ha fatto le “sabbiature” nello stesso punto, evitando di perdere la macchina.

Ma se un giro è possibile metterlo insieme (il giovane monegasco non è troppo fiducioso di accedere alla Q3), il quadro sembra poco incoraggiante nel passo gara. Con il pieno la Rossa soffre. E allora non è solo una questione di potenza del motore mancante (i 50 cavalli in meno sono ormai assodati) e nemmeno di carenza del carico aerodinamico (a Monza non serve, è meglio avere una buona efficienza): evidentemente c’è anche dell’altro.

Vale a dire la sospensione posteriore a comando idraulico che non funziona come dovrebbe. Per avere un buon bilanciamento sarebbe necessario avere un assetto Rake ripetibile giro dopo giro. Macchina picchiata in curva e aderente all’asfalto in rettilineo per ridurre la resistenza all’avanzamento. Ma se la sospensione non funziona a dovere la monoposto ha reazioni imprevedibili che si ripercuotono tanto nella guidabilità per i piloti, quanto nella durata delle gomme.

Il sistema idraulico, insomma, non risponde come i tecnici si aspetterebbero: le aperture e chiusure degli orifizi a gas dovrebbero avvenire in modo programmato. E, invece, pare che questa soluzione sia stata deliberata tenendo conto di una power unit capace di spingere la Rossa con quei 50 cavalli in più che sono scomparsi per effetto delle direttive tecniche della FIA. E senza spinta sufficiente e senza la downforce necessaria, la Ferrari diventa un Cavallino imbizzarrito. Proprio come a Spa...

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box durante le prove
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, ai box durante le prove
4/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Kimi Raikkonen, Alfa Romeo Racing C39
5/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
6/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/13

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
9/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala frontale
10/13

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
Ferrari SF1000, dettaglio dell'ala posteriore
11/13

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari, cammina in pista
Sebastian Vettel, Ferrari, cammina in pista
12/13

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
Charles Leclerc, Ferrari in pista su una bici
13/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vettel: "Ci manca velocità e aderenza in ingresso curva"
Articolo precedente

Vettel: "Ci manca velocità e aderenza in ingresso curva"

Prossimo Articolo

Ferrari: ecco il casco di Vettel per il GP d'Italia 2020

Ferrari: ecco il casco di Vettel per il GP d'Italia 2020
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Formula 1
8 dic 2021
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021