Ferrari: non servono colpevoli, ma soluzioni!

La Scuderia è spronfondata a Spa: Vettel, tredicesimo, e Leclerc, quattordicesimo. Il GP del Belgio ha messo in luce tutte le carenze della SF1000: mancanza di potenza, mancanza di carico aerodinamico per cui le gomme non generano energia. Non c'è un aspetto della monoposto che soddisfi, ma non si vedono interventi utili a cambiare la situazione. Binotto rifiuta di parlare di crisi, ma ammette che la Scuderia è in piena tempesta. Ma quando finirà?

Ferrari: non servono colpevoli, ma soluzioni!

L’unica notizia buona arrivata da Spa per la Ferrari è che Spa è finita. Per gli uomini del Cavallino il sogno sarebbe svegliarsi domattina e ritrovarsi in una situazione ordinaria, pronti a preparare una Monza con la speranza di poter salire sul podio, anche senza la splendida cornice di pubblico che dovrà attendere il 2021 per ripresentarsi in pista. Ma la realtà dice altro, ed è una realtà che fa a pugni con quello che viveva la Scuderia dodici mesi fa.

La Ferrari vista a Spa è una monoposto che fatica su tutti i fronti. Mancano cavalli alla power unit (come confermato anche dalle squadre clienti), manca quel carico aerodinamico cercato con determinazione lo scorso anno (in ottica 2020) e che si è rivelato drag, ed anche l’affidabilità non è impeccabile. “Dobbiamo fare qualcosa”, ha commentato uno sconsolato Charles Leclerc a fine gara, facendo fatica a trovare le parole come ha fatto fatica in pista a trovare la performance.

L’immagine della domenica di Charles è quella della fatica fatta ad avere la meglio sulla Haas di Romain Grosjean, nonostante il DRS e le gomme più fresche di quindici giri rispetto al francese.

Leclerc ce l’ha fatta solo nell’ultimo giro, tirando una staccata a Les Combes che gli è valsa la quattordicesima posizione. Non è solo questione di motore, questo ormai è un dato di fatto.

Lo scorso 18 luglio, non proprio tanto tempo fa, le due Ferrari si presero la terza fila sull’Hungaroring, e in gara Sebastian Vettel concluse in sesta posizione. Sembrava poca roba, ma sei settimane dopo quegli obiettivi sono di colpo diventati lontanissimi. In Ungheria la potenza del motore e l’efficienza aerodinamica contano meno, mentre i sette chilometri di Spa hanno messo a nudo il potenziale del progetto SF1000 quando la deportanza non è un’ancora di salvezza.

“Speriamo di ritrovare la nostra posizione precedente al Mugello”, ha dichiarato Leclerc, lanciando un tacito messaggio che Monza magari non sarà come Spa, ma neanche sede di una resurrezione.

“Siamo in una tempesta, non in crisi”, ha commentato Mattia Binotto. Il team principal del Cavallino conosce Maranello in ogni suo angolo, e se è cosciente che la squadra è dentro una tempesta sarà altrettanto cosciente che c’è qualcosa al di là delle acque agitate in cui naviga in questa stagione.

Un qualcosa che oggi non è visibile, al massimo immaginabile in vista di un 2022 in cui tutto ripartirà da un foglio bianco.

Lo scorso anno la Scuderia tra Spa e Monza visse il bagno di folla nell’affollatissima Piazza Duomo di Milano, dove fu celebrata la storia del Cavallino. Dodici mesi dopo, quella stessa settimana in Ferrari sarà vissuta in un clima differente, anche perché differente è l’onda che dal Belgio porta sul circuito brianzolo.

Dal successo del 2019 si è passati ad un tredicesimo e quattordicesimo posto, bilancio del weekend per Vettel e Leclerc. Monza sarà dura, il Mugello forse meno, ma al di là della doppia trasferta italiana servono piani chiari per un futuro che oggi appare nebuloso. Più che colpevoli urgono soluzioni.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
3/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Il garage Ferrari
Il garage Ferrari
4/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, in pit lane dopo la Q2
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, in pit lane dopo la Q2
5/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/20

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Dettaglio dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
Dettaglio dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
7/20

Foto di: Giorgio Piola

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
8/20

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
Mattia Binotto, Team Principal Ferrari
13/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
14/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
15/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
16/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Dettagli dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
Dettagli dell'ala posteriore della Ferrari SF1000
17/20

Foto di: Giorgio Piola

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
18/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
19/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
20/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Binotto: "Non siamo in crisi, ma in mezzo a una tempesta"
Articolo precedente

Binotto: "Non siamo in crisi, ma in mezzo a una tempesta"

Prossimo Articolo

Hamilton: "Ho temuto gli stessi problemi di Silverstone"

Hamilton: "Ho temuto gli stessi problemi di Silverstone"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021