Ferrari: Leclerc - Vettel, sfida che nasce in qualifica

Il monegasco negli ultimi otto GP ha inflitto un cappotto al compagno di squadra: Sebastian a Suzuka deve dimostrare di meritare un ruolo paritario con il più giovane compagno di squadra che sta portando la SF90 a prestazioni impensabili fino a inizio estate.

Ferrari: Leclerc - Vettel, sfida che nasce in qualifica

A dispetto del countdown Mondiale iniziato nel box Mercedes, negli ultimi cinque Gran Premi della stagione 2019 non mancheranno gli obiettivi per la Ferrari. La seconda posizione nel Mondiale Costruttori è ormai in cassaforte, visti i 98 punti di vantaggio sulla Red Bull, ma nella classifica Piloti ci sono ancora dei verdetti tutti da scrivere.

Charles Leclerc occupa attualmente la terza posizione, con 3 punti di vantaggio su Max Verstappen e 34 di distacco da Valtteri Bottas.

Anche per Sebastian Vettel, quarto a 21 lunghezze dal compagno di squadra, un buon finale di stagione potrebbe lanciarlo verso la top-3 finale, obiettivo tutt’altro che proibitivo.

Ma in casa Ferrari oggi non è solo una questione di numeri legati alla classifica piloti. Sul fronte tecnico c’è la voglia di chiudere la stagione con la conferma della superiorità tecnica mostrata nelle ultime gare, soprattutto in qualifica, una supremazia che permette ai piloti della Scuderia di non partire battuti in nessuno dei prossimi cinque Gran Premi.

Sulla carta c’è tutto per puntare a concludere il Mondiale con un bottino migliore del 2018, obiettivo confermato dallo stesso Mattia Binotto durante il weekend di Sochi.

Cinque gare per la riscossa di Vettel

Ma c’è anche un altro confronto atteso nei prossimi cinque round, che è poi l’argomento che tiene banco tra gli appassionati ed anche tra molti addetti ai lavori: la sfida tra Vettel e Leclerc.

La storia della Formula 1 ha scritto capitoli entusiasmanti proprio in presenza di dualismi in condizioni di parità tecnica, situazioni di indubbio fascino che esaltano la variabile pilota. C’è chi sostiene che le prossime cinque gare saranno uno spartiacque importante per il futuro degli attuali piloti Ferrari, ed è un’opinione condivisibile.

Vettel e Leclerc stanno vivendo una situazione molto differente. Otto mesi fa, sul circuito di Barcellona, il neo team principal Mattia Binotto aveva descritto molto bene i ruoli tra i due piloti della Scuderia, ovvero Vettel ‘capitano’ e punta di diamante, con Leclerc chiamato ad ambientarsi in rosso e con il privilegio di poter attingere da un quattro volte campione del mondo.

Otto mesi, e sedici Gran Premi dopo, la classifica e la pista hanno dipinto un quadro diverso, con la variabile Leclerc capace di sovvertire i piani della vigilia.

Binotto & C. hanno oggi la consapevolezza di aver pescato il nome giusto per il futuro, ma anche qualche problema derivante dalla convivenza di due piloti arrivati a contendersi gli stessi obiettivi molto prima del previsto.

Le prossime cinque gare saranno importanti, e definiranno anche la linea in vista del prossimo anno, sempre al netto di possibili (e drastici) colpi di scena come quelli visti nel Mondiale in corso.

Sarà la qualifica a definire i ruoli

Vettel è reduce da una vittoria a Singapore, maturata da circostanze favorevoli ma meritata poi sul campo, e da uno ‘zero’ a Sochi in un contesto praticamente opposto a quello di sette giorni prima.

Ora starà a Seb dare un segnale alla sua squadra, e cinque gare sono una grande opportunità per ribadire che è sempre un pilota da Mondiale, magari un ruolo che non sarà esclusivo come alla vigilia di questa stagione, ma con nulla di meno rispetto al vicino di box.

Vettel dovrà soprattutto spingere in qualifica, perché l’8-0 a favore di Leclerc nelle ultime otto tappe del Mondiale non ha portato passivi in qualifica, ma ha messo il monegasco in una posizione prioritaria nelle strategie nel team.

La sfida, di fatto, sarà soprattutto quella del sabato pomeriggio, perché in gara Seb ha confermato di non aver perso lo smalto dei giorni migliori, sia a Singapore che a Sochi. Ma se Leclerc potrà contare sul vantaggio in qualifica, allora tutte le gare vedranno il monegasco partire in una posizione decisamente vantaggiosa, non solo sulla griglia di partenza, ma anche nelle priorità strategiche che il muretto del Cavallino sarà chiamato a prendere.

Il lungo rettilineo di Sochi, che al via offre una grande chance a chi segue piuttosto a chi guida il gruppo, è un’esclusiva del tracciato russo, e se Vettel non darà un segnale importante a partire dalle qualifiche di Suzuka, la sua posizione potrebbe complicarsi. Cinque gare per una riscossa, con Seb chiamato a dare risposte chiare in grado di diradare le nubi che dall’orizzonte di sono avvicinate in modo preoccupante.

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Charles Leclerc, Ferrari SF90
1/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
2/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
3/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
4/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, entra in auto
Charles Leclerc, Ferrari, entra in auto
5/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, fa un pit stop
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, fa un pit stop
6/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
7/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF90
Charles Leclerc, Ferrari SF90
8/14

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari
Charles Leclerc, Ferrari
9/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, e Charles Leclerc, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari, e Charles Leclerc, Ferrari
10/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
Charles Leclerc, Ferrari, sulla griglia
11/14

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Charles Leclerc, Ferrari SF90, ai box durante le prove
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, e Charles Leclerc, Ferrari SF90, ai box durante le prove
12/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari
13/14

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
Sebastian Vettel, Ferrari SF90
14/14

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Toro Rosso: Naoki Yamamoto debutta a Suzuka a 31 anni!
Articolo precedente

Toro Rosso: Naoki Yamamoto debutta a Suzuka a 31 anni!

Prossimo Articolo

Pirelli, Isola: "A Suzuka i piloti potranno spingere al massimo"

Pirelli, Isola: "A Suzuka i piloti potranno spingere al massimo"
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021