F1 | Ferrari: Leclerc si gioca il bonus della pole, ma basterà?

La Scuderia cercherà di far valere l'opportunità di partire davanti su una pista dove è difficile superare, ma per vincere il GP di Singapore sarà indispensabile chiudere un GP perfetto, senza sbavature di Charles o del muretto. Sul giro secco la F1-75 è stata competitiva, ma non c'è una conferma che riguardi anche i long run, tanto più che in lizza non c'è solo la Red Bull ma anche la Mercedes con Hamilton.

F1 | Ferrari: Leclerc si gioca il bonus della pole, ma basterà?
Carica lettore audio

È stata una pole position un po' atipica quella festeggiata oggi da Leclerc a Singapore. Mentre Verstappen era in pista lanciato nell’ultimo assalto alla partenza al palo, la Ferrari numero 16 era già ferma davanti ai box, con Charles fuori dalla vettura che osservava il monitor dei tempi insieme ai suoi tecnici.

Il giro completato pochi istanti prima gli stava garantendo la pole position, ma la minaccia ‘Verstappen’ era ovviamente più che concreta. Poi la Red Bull è improvvisamente rientrata ai box, e Leclerc è andato subito a dare ‘il cinque’ al suo ingegnere, Xavier Marcos.

Hamilton si concratula con Leclerc dopo la pole del ferrarista

Hamilton si concratula con Leclerc dopo la pole del ferrarista

Photo by: Andy Hone / Motorsport Images

Potenzialmente Verstappen aveva tutto per chiudere la serata di Yas Marina in prima posizione, ma questo non toglie nulla ai meriti di Leclerc, giunto alla nona pole position stagionale.

Charles ha ammesso di aver temuto, soprattutto dopo un bloccaggio in quello che è stato il suo miglior giro. “Alla fine il tempo che ho ottenuto è stato sufficiente – ha raccontato il monegasco - credo che siamo stati molto competitivi per l'intera sessione, in condizioni difficili ho sempre avuto un buon feeling con la monoposto. L’unica pecca è il non aver messo tutto insieme nell’ultimo giro, ma va bene anche così”.

Non potrebbe che andare bene, per Leclerc, visto che domani scatterà per i 61 giri in programma davanti a tutti. Un bonus non indifferente, in attesa di capire quale sarà il potenziale in gara, un interrogativo rimasto tale visto che i tradizionali long-run del venerdì sono stati cancellati per dare priorità al lavoro sul giro veloce.

Leclerc ha però una certezza, ed è quella di avere tutto per sfilare al comando alla prima curva e imporre il suo ritmo, almeno per il primo dei due stint previsti.

Le basi per puntare a quel successo che manca dal Gran Premio d’Austria ci sono tutte, ma servirà una corsa perfetta, sia da parte di Leclerc che del box. Al netto di imprevisti (che a Marina Bay vanno anche messi in conto) le uniche possibilità di sorpasso sono legate ad ‘under’ e ‘over’ cut, quindi sarà cruciale controllare gli avversari a distanza. In quest’ottica potrà dare il suo contributo anche Sainz, che scatterà dalla quarta posizione.

Carlos Sainz, Ferrari F1-75

Carlos Sainz, Ferrari F1-75

Photo by: Simon Galloway / Motorsport Images

Carlos ha pagato un prezzo molto salato per una sbavatura arrivata nel momento meno opportuno, ovvero nel giro conclusivo delle qualifiche. “Fino alla curva 16 credo che fossi in pole – ha spiegato – poi ho commesso un piccolo ma cruciale errore, e mi sono ritrovato quarto per poco più di un decimo. Diciamo che fa un po' male, ma ora pensiamo a domani”.

“La nostra vettura era davvero competitiva oggi – ha aggiunto Laurent Mekies - e questo è un elemento significativo su un tracciato così particolare, dopo un weekend difficile per tutti con la pioggia e condizioni di pista molto variabili. Potevamo puntare ad avere entrambe le macchine in prima fila, ma nel complesso quello di oggi è un risultato di squadra importante, figlio di scelte lucide prese tra piloti e muretto che fa bene a tutti e regala fiducia a Charles e Carlos in vista di una gara che sarà molto lunga”.

Una corsa che si affronterà a carte più coperte del solito può offrire diversi scenari, ma il primo ‘check’ che faranno i tecnici della Scuderia sarà il ritmo dopo i primi giri, con la speranza (concreta) di non vedere un degrado maggiore rispetto agli avversari diretti, un gruppo nel quale questo weekend oltre alla Red Bull c’è anche la Mercedes.

Charles Leclerc, Ferrari F1-75 ha siglato la nona pole stagionale

Charles Leclerc, Ferrari F1-75 ha siglato la nona pole stagionale

Photo by: Simon Galloway / Motorsport Images

“Sarà una gara ricca di incognite – ha concluso Mekies - perché, un po' come tutti, abbiamo potuto lavorare poco sul passo e ci troviamo dunque di fronte a un Gran Premio preparato meno del solito, e questa sera lavoreremo per capire i vari scenari. Credo anche che oggi non abbiamo visto la vera competitività dei nostri rivali: per quanto ci riguarda domani non sarà importante solo la perfetta esecuzione della gara, dovremo cercare nel corso del Gran Premio un passo che ci permetta di combattere per la vittoria”.

La posta in palio è alta, perché al di là di una classifica mondiale che da tempo ha perso di interesse (se si parla di obiettivi mondiali) è importante per tutta la Scuderia ritrovare la via del successo. E tra tutte le piste che restano in calendario, quella di Singapore sembra essere (come confermato oggi) la migliore opportunità.

Leggi anche:
condivisioni
commenti
F1 | Galleria di errori Red Bull, ma Max rischiava di essere ultimo
Articolo precedente

F1 | Galleria di errori Red Bull, ma Max rischiava di essere ultimo

Prossimo Articolo

F1 2022 | Ecco gli orari TV di SKY e TV8 del GP di Singapore

F1 2022 | Ecco gli orari TV di SKY e TV8 del GP di Singapore

F1 | McLaren: Alex Palou sarà terzo pilota nella stagione 2023

Alex Palou sarà il terzo pilota e prima riserva del team McLaren nella stagione 2023 di Formula 1 quando la IndyCar non correrà contemporaneamente alla massima serie a ruote scoperte del motorsport.

F1 | Con l'aerodinamica attiva arriva il DRS "inverso"?

Con le novità regolamentari previste per il 2026 si potrebbe utilizzare l'aerodinamica attiva per rallentare il leader della gara ed evitare che prenda il largo regalando così uno spettacolo migliore in pista. Parola di Ross Brawn.

F1 | Steiner: nel 2023 uscirà il suo libro "Surviving to drive"

Gunther Steiner, team principal del team Haas, ha scritto un libro che uscirà ad aprile 2023 legato alle stagioni in cui è stato a capo della squadra americana sino al 2022 compreso.

Video F1 | Minardi: "Leclerc e Hamilton non sono valsi Verstappen"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi valutano le prestazioni dei piloti della stagione 2022 di Formula 1. Tra chi ha deluso le aspettative e chi le ha superate, Verstappen si riconferma primo della classe...

F1 | Motori 2026: FIA tranquilla per la firma, la Ferrari si smarca

La questione delle power unit 2026 non è affatto chiusa: il presidente della FIA è convinto che tutti i Costruttori aderiranno al regolamento dei motori, ma la Scuderia si è messa sull'Aventino per una questone tecnica e per una questione politica. La Ferrari è intenzionata a far valere il diritto di veto, lo userà?

Formula 1
30 nov 2022

F1 | L'asta per il casco di Albon raccoglie 84mila sterline

L'asta per il casco che Alexander Albon ha indossato al Gran Premio di Singapore ha raccolto 84mila sterline per sostenere un orfanotrofio in Thailandia.

Formula 1
30 nov 2022

F1 | Sargeant ha deciso: correrà con il numero 2

Logan Sargeant ha scelto il suo numero permanente in vista della sua stagione d'esordio in Formula 1 con la Williams nel 2023.

Formula 1
30 nov 2022

F1 | Ecco "Lauda Drive", la via dedicata a Niki da Mercedes

Mercedes AMG F1 ha dedicato una via del campus tecnologico di Brackley a Niki Lauda, ex presidente non esecutivo del team scomparso il 20 maggio del 2019.

Formula 1
30 nov 2022