Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in corso . . .

F1 Austin, Libere 2: Hamilton presenta il conto

condivisioni
commenti
F1 Austin, Libere 2: Hamilton presenta il conto
Di:
1 nov 2019, 22:02

Finiti gli esperimenti con le gomme 2020, il penta-campione è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere del GP degli Stati Uniti con la Mercedes, rifilando tre decimi a Leclerc e Verstappen. Più staccati Vettel e Bottas. Grosjean con la Haas provoca la bandiera rossa a causa di un botto nelle Esse.

Dopo aver concluso i collaudi con le gomme Pirelli 2020, Lewis Hamilton si è concentrato a preparare la qualifica. Montato un treno di gomme soft, l'inglese ha dato un saggio delle sue enormi qualità portando la Mercedes a 1'33"232 nella seconda sessione di prove libere del GP degli Stati Uniti. Il britannico è riuscito a sfruttare una scia offerta da una Williams nel lungo rettilineo nel tratto centrale della pista, che gli ha permesso di raggiungere una velocità massima superiore a quella delle Ferrari. Il che è tutto dire! La scia nel giro monstre di Lewis può valere un paio di decimi, per cui la distanza degli altri nel giro secco è meno siderale di quanto sembri.

Il brittanico poi ha annichilito tutti nella simulazione di gara con un passo insostenibile pet tutti con le soft e le hard. A confermare la prestazione delle frecce d'argento il long run di Valtteri Bottas che, invece ha deluso nel giro secco con un quinto posto e un distacco dal compagno di squadra di otto decimi.

Dietro a Hamilton c'è Charles Leclerc con la Ferrari staccato di tre decimi. Il monegasco ha subito interpretato il limite della SF90, lasciando a 14 millesimi la Red Bull d Max Verstappen. L'olandese ha dimostrato che il motore Honda è cresciuto e, quindi, la monoposto di Milton Keynes va tenuta in debita considerazione, non tanto in qualifica quanto in gara.

Leclerc ha bene impressionato nella simulazione da qualifica, mentre non ha impressionato nel long run con le soft: il monegasco è stato invitato a salvare le gomme in certe curve, ma la squadra di Maranello dovrà lavorare sodo nella notte.

La conferma delle difficoltà arriva anche da Sebastian Vettel: il tedesco è quarto con una Rossa che lo ha entusiasmato poco nel giro a serbatoi vuori (ha un distacco di sei decimi dalla W10 di testa) e ha impressionato ancora meno nel long run: con le hard Seb non è riuscito a evitare un brutto testacoda finito senza danni.

La lista dei top driver è completata da Alexander Albon sesto con la Red Bull: l'anglo thailandese lascia nove decimi a Verstappen, ma soprattutto si è dovuto difendere dall'attacco del rivale Pierre Gasly ottimo settimo con la Toro Rosso: il francese è arrivato a soli 75 millesimi da Albon!

Carlos Sainz, molto falloso sui bump della degenerata pista americana, quando è il momento di tirare fuori ul meglio nel giro secco non si tira certo indietro: lo spagnolo ha messo la McLaren all'ottavo posto davanti a Lance Stroll a suo agio con la Racing Point e l'ottimo Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo, capace ormai di surclassare Kimi Raikkonen che è entrato in una fase di involuzione.

La Renault è 11esima con Daniel Ricciardo e 13esima con Nico Hulkenberg: l'arrivo di Dirk De Beer come aerodinamico può servire a far fare un salto al marchio francese. Daniill Kvyat poteva aspirare a fare meglio, ma il russo è scampato a un testacoda nello stesso punto di quello di Vettel e poi non ha più ritrovato il giusto passo.

Lando Norris non si è adattato ai bump ed è solo 14esimo davanti a Sergio Perez con la Racing Point e l'Alfa Romeo del deludente Kimi Raikkonen.

Male le Haas: Kevin Magnussen, 17esimo, è stato di poco davanti al compagno di squadra anche se Romain Grosjean, nel corso del giro 5, ha perso il controllo della Haas nelle veloci Esse di Austin forse per l'ennesimo avvallamento della pista: il francese è arrivato a urtare le barriere dopo un testacoda per cui ha rovinato la sospensione anteriore sinistra e ha distrutto la nuova ala anteriore identica a quella che la Ferrari aveva usato a Baku. Si tratta di una soluzione che è stata pensata in vista del 2020 ma non potrà essere valutata.

Chiude la Williams con George Russell che si è ripreso la macchina da Nicholas Latifi, mentre Robert Kubica soffre a quattro secondi dalla testa.

Cla Pilota Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 United Kingdom Lewis Hamilton 34 01'33.232     212.875
2 Monaco Charles Leclerc 33 01'33.533 00.301 00.301 212.190
3 Netherlands Max Verstappen 28 01'33.547 00.315 00.014 212.158
4 Germany Sebastian Vettel 35 01'33.890 00.658 00.343 211.383
5 Finland Valtteri Bottas 34 01'34.045 00.813 00.155 211.035
6 Thailand Alexander Albon 32 01'34.434 01.202 00.389 210.165
7 France Pierre Gasly 31 01'34.509 01.277 00.075 209.999
8 Spain Carlos Sainz Jr. 34 01'34.667 01.435 00.158 209.648
9 Canada Lance Stroll 29 01'34.744 01.512 00.077 209.478
10 Italy Antonio Giovinazzi 29 01'34.839 01.607 00.095 209.268
11 Australia Daniel Ricciardo 29 01'34.924 01.692 00.085 209.080
12 Russian Federation Daniil Kvyat 36 01'34.975 01.743 00.051 208.968
13 Germany Nico Hulkenberg 32 01'34.988 01.756 00.013 208.940
14 United Kingdom Lando Norris 30 01'35.025 01.793 00.037 208.858
15 Mexico Sergio Perez 26 01'35.109 01.877 00.084 208.674
16 Finland Kimi Raikkonen 34 01'35.387 02.155 00.278 208.066
17 Denmark Kevin Magnussen 28 01'35.442 02.210 00.055 207.946
18 France Romain Grosjean 4 01'35.789 02.557 00.347 207.192
19 United Kingdom George Russell 37 01'36.749 03.517 00.960 205.137
20 Poland Robert Kubica 33 01'37.283 04.051 00.534 204.010
Prossimo Articolo
LIVE F1, GP degli Stati Uniti: Libere 2

Articolo precedente

LIVE F1, GP degli Stati Uniti: Libere 2

Prossimo Articolo

Verstappen: "Il tempo di Hamilton? E' stato agevolato dalla scia!"

Verstappen: "Il tempo di Hamilton? E' stato agevolato dalla scia!"
Carica commenti