Il sogno di Tarquini: "Hyundai fantastica, spero di continuare così"

Il "Cinghiale" è stato autore di una prova memorabile a Marrakech, dove la sua i30 N TCR è risultata l'auto da battere, ma anche lui non è certamente stato da meno fra pole, vittorie e giri veloci.

Il sogno di Tarquini: "Hyundai fantastica, spero di continuare così"
Podio: il vincitore della gara Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, il secondo classificato Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR, il terzo classificato Thed Björk, YMR Hyundai i30 N TCR
Podio: il vincitore della gara Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, il secondo classificato Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR, il terzo classificato Thed Björk, YMR Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Podio: il vincitore della gara Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR, Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, Norbert Michelisz, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Yvan Muller, YMR Hyundai i30 N TCR, Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, Norbert Michelisz, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR con Jaime Puig, SEAT Sport
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR
Podio: Gabriele Tarquini, BRC Racing Team Hyundai i30 N TCR, second place Thed Björk, YMR Hyundai i30 N TCR, third place Rob Huff, Sébastien Loeb Racing Volkswagen Golf GTI TCR

Pole position, due vittore e il giro più veloce. Gabriele Tarquini torna a casa da Marrakech con dei grandissimi risultati in pista che gli consentono di issarsi già dopo il primo evento in vetta alla classifica piloti del FIA WTCR.

Le gare in Marocco non sono state una formalità per il "Cinghiale", il quale ha immediatamente fatto capire che i suoi 56 anni non sono un problema quando si tratta di tirare fuori grinta e talento per sfruttare al meglio il potenziale della Hyundai i30 N TCR.

"In Gara 1 il segreto è stato partire bene, conosco la mia "bimba" e sapevo che avrei dovuto spingerla a fondo fin da subito - ha commentato a fine giornata - Domenica la parte fondamentale è stata la qualifica, non ho commesso errori e sono riuscito a passare i turni in Q1 e Q2 senza rovinare le gomme. In Q3 mi sono concentrato a pieno sul giro perché quando sei così al limite il rischio di sbagliare c'è, solo che qui ti costa la pole position".

"Sapevo che il tempo fatto da Yvan Muller era veramente fantastico e difficile da battere, per cui ho mantenuto la calma e alla fine ce l'ho fatta per 80 millesimi, qualcosa come quasi un metro direi. Per il weekend era un ottimo risultato, dato che avrei potuto iniziare Gara 3 in testa e controllare la situazione".

Forte di vittoria e pole position per Gara 3, il pilota del BRC Racing Team ha però dovuto fare i conti prima di tutto con Gara 2, che vedendolo partire dalla quarta fila lo ha costretto a tenere la guardia altissima.

"In realtà è stata un po' più dura del previsto, in Gara 2 ho toccato il muro e ho avuto qualche problema alla sospensione quando mancavano 3-4 giri alla fine. Mi sono fermato per tornare ai box e assicurarmi che l'auto potesse essere a posto per Gara 3, infatti i meccanici hanno svolto un lavoro fantastico in 15' cambiando tutto ciò che era rotto".

"Purtroppo era tardi per sostituire anche i freni, dunque ho dovuto gestire gli stessi anche in Gara 3. Sono comunque riuscito a controllare la situazione, anche perché quando sei davanti c'è il grande vantaggio di avere aria pulita e fresca".

Le Hyundai per tutto il fine settimana hanno volato lungo il tortuoso Circuit Moulay El Hassan, nonostante i 60kg di Balance of Performance potessero creare problemi piuttosto seri a freni e gomme.

"Dobbiamo sopravvivere al BoP, ce l'hanno comunicato subito prima del weekend. Qui le Hyundai erano certamente le auto da battere, ma non siamo su una pista normale e a Budapest probabilmente le cose cambieranno. Vedremo se anche là sarà così. Non lo sappiamo, però stiamo lavorando molto bene e sono davvero felicissimo della mia i30 N TCR. E' una gran macchina da guidare".

Tarquini in Ungheria sarà l'uomo da battere su l'auto da battere. Al suo rientro nella massima serie turismo, che era stato costretto a lasciare a fine 2016 nonostante fosse riuscito a vincere con una macchinaccia come la LADA, sembra che il "Cinghiale" sia ancor più affamato e feroce.

"Sono in testa al campionato, mi sento al settimo cielo, sto vivendo un sogno e spero che continui. Ho centrato una grandissima vittoria in Gara 1 e mi sono ripetuto in Gara 3, credo sia il modo migliore di cominciare la stagione".

condivisioni
commenti
Un Cinghiale ferocissimo: Tarquini vince anche Gara 3 a Marrakech

Articolo precedente

Un Cinghiale ferocissimo: Tarquini vince anche Gara 3 a Marrakech

Prossimo Articolo

Bennani e Huff sul podio a Marrakech: "Ci siamo anche noi"

Bennani e Huff sul podio a Marrakech: "Ci siamo anche noi"
Carica commenti