Neuville: "Felice di lottare con Paddon, ma solo se ad armi pari"

condivisioni
commenti
Neuville:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
19 mag 2016, 14:04

Thierry Neuville parla dell'avvio di Mondiale 2016 molto sfortunato, costellato da molti problemi tecnici sulla sua i20 WRC New Generation e spera di poter disporre di materiale adeguato per poter lottare con Paddon.

Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport
Thierry Neuville, Nicolas Gilsoul, Hyundai i20 WRC, Hyundai Motorsport

Il 2016 di Thierry Neuville sembrava essere partito sotto differenti auspici rispetto al disastroso 2015. Il podio centrato nella gara d'apertura di Monte-Carlo è stata un inizio molto promettente per il giovane belga, invece la situazione è degenerata in pochissimo tempo.

Thierry è stato vittima di un numero considerevole di problemi tecnici sulla sua Hyundai i20 WRC New Generation, che gli hanno spesso impedito di lottare con le Volkswagen, ma anche con il proprio compagno di squadra

"La mia fortuna dovrà cambiare, di sicuro. Non potrà sempre continuare così. Io credo che il miglior esempio sia Jari-Matti Latvala. Lui è stato molto sfortunato nel corso di tutta la sua carriera, ma a un certo punto è riuscito a svoltare. Puoi solo continuare e lavorare sodo", ha dichiarato il ventisettenne a wc.com alla vigilia del Rally di Portogallo.

"In questo fine settimana saremo in credito con la fortuna. Possiamo cogliere un buon risultato. Il nostro obiettivo è il podio. Qualsiasi risultato inferiore a questo non mi renderà soddisfatto".

In Portogallo, ma anche nel prossimo appuntamento in Sardegna, Thierry sarà al volante della i20 numero 20, ovvero la prima vettura del team Mobis, quella non ufficiale: "Per me non sarà uno svantaggio correre con la Hyundai i20 WRC New Generation in questo fine settimana. Mi darà più libertà e spazio di spingere di più se necessario. E' una situazione certamente più rilassante. In ogni rally parto con l'obiettivo di portare a casa podi. Qui invece potrà concentrarmi solo sulla classifica piloti. Sono ottavo per il momento e devo salire a tutti i costi".

Nel Rally d'Argentina, Hayden Paddon ha centrato la vittoria, la prima della carriera nel WRC, riportando al successo la Hyundai dopo il primo hurrà targato 2014. Neuville, anche in quella occasione, ha dovuto limitare le proprie aspettative a causa di un problema alla vettura e non ha risparmiato una piccola stoccata al team.

"Quando un pilota ti batte hai sempre più motivazioni. Spesso, però, non è stata colpa nostra (di Neuville e Gilsoul, ndr) riguardo i nostri problemi nel corso di questa stagione. In Argentina non ho avuto la vettura in grado di lottare come invece ha avuto lui, ma sicuramente lui ha fatto molto bene. E' stato bravissimo. E' sempre bello quando hai un pilota forte all'interno del team ma solo se puoi combattere al suo medesimo livello. Questo sarebbe certamente il massimo".

Prossimo articolo WRC
Novità sui passaruota posteriori per la Polo R WRC 2017

Articolo precedente

Novità sui passaruota posteriori per la Polo R WRC 2017

Prossimo Articolo

Moya rivela: "Con Sainz riducevo all'osso il quaderno delle note!"

Moya rivela: "Con Sainz riducevo all'osso il quaderno delle note!"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie WRC
Evento Rally del Portogallo
Piloti Thierry Neuville
Team Hyundai Motorsport
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Intervista