MotoGP
04 apr
Evento concluso
G
GP d'Argentina
08 apr
Rinviato
G
GP delle Americhe
15 apr
Rinviato
G
GP del Portogallo
18 apr
Prove Libere 1 in
5 giorni
G
GP di Spagna
02 mag
Gara in
21 giorni
G
GP di Francia
16 mag
Gara in
35 giorni
G
GP d'Italia
30 mag
Gara in
49 giorni
G
GP della Catalogna
06 giu
Gara in
56 giorni
G
GP di Germania
20 giu
Gara in
70 giorni
G
GP d'Olanda
27 giu
Gara in
77 giorni
G
GP di Finlandia
11 lug
Gara in
91 giorni
G
GP d'Austria
15 ago
Gara in
126 giorni
G
GP di Gran Bretagna
29 ago
Gara in
140 giorni
G
GP di Aragon
12 set
Gara in
154 giorni
G
GP di San Marino
19 set
Gara in
161 giorni
G
GP del Giappone
03 ott
Gara in
175 giorni
G
GP della Tailandia
10 ott
Gara in
182 giorni
G
GP d'Australia
24 ott
Gara in
196 giorni
G
GP di Malesia
31 ott
Gara in
203 giorni
G
GP di Valencia
14 nov
Gara in
217 giorni

Suppo: "La vittoria di Miller non cambia nulla"

Il direttore della HRC spiega che la vittoria dell'australiano comunque conferma il talento che ha portato la Honda a promuoverlo direttamente dalla Moto3 alla MotoGP.

Suppo: "La vittoria di Miller non cambia nulla"
Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Podio: il vincitore Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Il vincitore della gara Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Il vincitore della gara Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Marc Marquez, Repsol Honda Team e Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Jack Miller, Marc VDS Racing Honda e Marc Marquez, Repsol Honda Team
Jack Miller, Marc VDS Racing Honda e Marc Marquez, Repsol Honda Team
Winner Jack Miller, Marc VDS Racing Honda
Podio: il vincitore Jack Miller, Marc VDS Racing Honda

La vittoria di Jack Miller ad Assen ha rotto un'inerzia che pareva impossibile da fermare date le circostanze in cui vive oggi la MotoGP. Questa vittoria è la prima di una squadra satellite da quando Toni Elias vinse un decennio fa in Portogallo (2006), pure lui in sella ad una Honda, ma in questo caso della struttura di Fausto Gresini.

Dopo quella vittoria, ad ottenere dei successi per la casa Giapponese sono stati solamente i suoi piloti ufficiali, ovvero Dani Pedrosa (28), Marc Marquez (26), Casey Stoner (15), Nicky Hayden (3) ed Andrea Dovizioso (1).

Non c'è dubbio che il clima abbia giocato un ruolo importante nel successo dell'australiano ad Assen, ma allo stesso tempo ha mostrato il suo talento puro, che i vertici della Honda avevano già visto in lui due anni fa, quando correva in Moto3, ed ha portato ad una decisione che ha fatto molto discutere.

Miller ha fatto un salto mortale decidendo di salire direttamente in MotoGP bypassando la Moto2, qualcosa che era già stato fatto anche da qualche altro pilota australiano (Mick Doohan), ma che ora è molto più raro da vedere.

Fino al GP d'Olanda il ritorno degli investimenti della Honda era stato piuttosto povero, con il #43 che ha collezionato tante cadute e solo 25 punti in 25 gare nella classe regina. Questo naturalmente ha condizionato molto il ragazzo di Townsville, che con i suoi 21 anni è uno dei piloti più giovani in griglia.

Per finire, un incidente avvenuto mentre si allenava con una moto da cross gli ha procurato la frattura di tibia e perone nel pre-campionato, un infortunio che si è trascinato fino a poche settimane fa.

"Questo dovrebbe essere un punto di partenza, deve aumentare la fiducia di Jack a credere di più in se stesso e ad essere più calmo. Allo stesso tempo, quanto è successo non cambia nulla, perché l'anno prossimo avrebbe corso con una Honda in ogni caso. Questo progetto è basato su tre anni, quindi la vittoria non cambia nulla" ha detto Livio Suppo, direttore della HRC.

"Questo significa" ha aggiunto l'italiano, "che il talento che abbiamo visto è ancora lì. E' impossibile fare quello che ha fatto senza talento. In ogni caso, deve continuare a migliorare".

"L'anno scorso è stato un po' selvaggio, ma è cresciuto molto, perché ha capito che per correre in MotoGP deve lavorare, lavorare e lavorare. E ora si concentra molto di più" prosegue Suppo.

Come si può notare osservando il suo fisico, ultimamente ha fatto molti allenamenti di ciclismo insieme a Cal Crutchlow, che è un vero e proprio "animale" sui pedali. Questo gli ha permesso di trovare una maggiore robustezza e più resistenza. Il britannico, che ad Assen è caduto, è stato infatti il primo ad andare a congratularsi con Miller, con un abbraccio che è parso davvero sincero.

"Ho lavorato come un matto sulla mia condizione fisica per diventare un atleta. Qualche giorno fa era con Cal sull'isola di Man. In un fine settimana abbiamo fatto 500 chilometri. E' stato doloroso, ma ne è valsa la pena" ha raccontato "Jackass".

condivisioni
commenti
Redding: "Il podio è il premio per averci sempre creduto"

Articolo precedente

Redding: "Il podio è il premio per averci sempre creduto"

Prossimo Articolo

Mercato 2017: team ufficiali al completo, ora tocca ai satellite

Mercato 2017: team ufficiali al completo, ora tocca ai satellite
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie MotoGP
Evento GP d'Olanda
Sotto-evento Domenica, gara
Location Assen
Piloti Jack Miller
Team Marc VDS Racing Team
Autore Oriol Puigdemont
Johann Zarco, la leadership della rinascita Prime

Johann Zarco, la leadership della rinascita

In soli 18 mesi, Johann Zarco è passato da un estremo all'altro in MotoGP, da pilota ritrovatosi senza moto a raggiante leader del campionato all’inizio del 2021. Ma il Gran Premio di Losail ha visto soprattutto il ritorno alla ribalta di un uomo ritrovato.

MotoGP
9 apr 2021
Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir Prime

Perché i commissari devono rivedere l'incidente tra Miller e Mir

Nonostante la decisione della Suzuki di non fare appello contro il rifiuto della Race Direction di penalizzare Jack Miller dopo l'incidente con Joan Mir a Losail, dovrebbe essere fatto qualcosa per evitare il ripetersi di qualcosa del genere, che sarebbe potuto finire facilmente in tragedia.

MotoGP
7 apr 2021
Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail Prime

Ducati: le ufficiali "steccano" nell'amica Losail

Andiamo a scoprire come mai le due Ducati ufficiali sono da considerarsi le vere sconfitte della doppia gara di MotoGP disputatasi sul tracciato qatariota di Losail. In una pista amica come quella araba, a brillare sono state altre Desmosedici di Borgo Panigale, non quelle che ci si sarebbe aspettati...

MotoGP
6 apr 2021
La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader Prime

La MotoGP trova una nuova stella in Martin, ma manca un leader

L'esplosione immediata del rookie della Ducati Pramac ha aggiunto un nuova stella all'elenco sempre più lungo dei piloti che possono ambire a fare grandi cose in MotoGP. Per lui, come per tanti altri, si prospetta un grande futuro, anche se al momento all'orizzonte non si vede ancora un talento capace di prendere l'eredità di quella leadership che è stata prima di Valentino Rossi e poi di Marc Marquez.

MotoGP
6 apr 2021
Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas Prime

Pagelle MotoGP: al GP di Doha stupisce Martin, disastro Petronas

Tanti promossi e tanti bocciati nel secondo appuntamento in Qatar, il Gran Premio di Doha. Ecco le pagelle stilate e commentate da Matteo Nugnes, Responsabile MotoGP per Motorsport.com, e Franco Nugnes.

MotoGP
6 apr 2021
Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco Prime

Yamaha a due facce: il Factory Team convince, Petronas a picco

Umori opposti nelle due squadre della Casa di Iwata: quella ufficiale ha iniziato il 2021 alla grande, con una vittoria a testa per Vinales e Quartararo. Il box Petronas invece sembra entrato in crisi, con appena 4 punti a testa per Morbidelli e Rossi. I giapponesi stanno puntando tutto sui Factory?

MotoGP
5 apr 2021
MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha Prime

MotoGP: la griglia di partenza del GP di Doha

Martin conquista la prima pole in MotoGP nel GP di Doha, seconda gara del Motomondiale 2021. Disastro Valentino Rossi, solo 21°.

MotoGP
4 apr 2021
MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon Prime

MotoGP: ecco perché c'è grande attesa per la serie di Amazon

La MotoGP avrà una sua versione di Drive to Survive su Amazon Prime nel prossimo futuro: una notizia accolta positivamente dai principali piloti della griglia, visto l'impatto della serie sulla Formula 1, con la speranza che sia uguale per le due ruote, che ne hanno un disperato bisogno.

MotoGP
4 apr 2021