Quartararo: "Pronto ad essere protagonista"

Il pilota della Yamaha Petronas è impaziente di cominciare, perché crede che il 2020 potesse essere l'anno della sua definitiva esplosione in MotoGP e della sua prima vittoria.

Quartararo: "Pronto ad essere protagonista"

Se c'è qualcuno che starà maledendo più di altri la pandemia del Coronavirus, almeno per quanto riguarda il punto di vista sportivo, questo è sicuramente Fabio Quartararo.

Il pilota della Yamaha Petronas, grande rivelazione del 2019 con sei pole position e sette podi, si presentava al via della stagione 2020 della MotoGP con tanti occhi puntati addosso e sembrava avere tutte le carte in regola per dare l'assalto a quella vittoria che per ora ha solo sfiorato fin dalla gara inaugurale in Qatar.

Il "Rookie of the Year" della passata stagione ora è chiuso in casa ad Andorra ed ha fatto il punto della situazione in un'intervista concessa a Sky Sport MotoGP HD.

"Sto bene, sono ad Andorra. La mia non è una quarantena vera e propria, ma provo a stare il più possibile in casa, faccio allenamento tutti i giorni qui, esco giusto per comprare qualcosa da mangiare. Prima che la situazione precipitasse inSpagna ero andato a fare flat track. C'erano i fratelli Marquez, Tito Rabat, Marcel Schrotter e tanti altri... Quello è stato il mio ultimo allenamento all'aperto" ha detto "El Diablo".

 

Come tutti quanti, per il momento il francese non ha idea di quando si potrà ritornare a correre, ma è pronto anche a disputare 15 gare consecutive a porte chiuse pur di poterlo fare.

"Nessuno può rispondere. Pensavo anche io Jerez ma la situazione è più difficile rispetto a due settimane fa. Per me l'importante è fare più gare possibili per rendere valido il Campionato. Se dobbiamo fare 15 gare di seguito va bene anche a porte chiuse, se dovesse essere necessario, con dispiacere per i fan che guarderanno le gare in tv".

Un vero peccato, visto che durante l'inverno aveva dimostrato di essere davvero in forma e pronto a fare grandi cose.

"Dopo i test del Qatar ero davvero soddisfatto; è stata la volta che mi sono sentito meglio sulla Yamaha M1. Abbiamo fatto sei giorni con la nuova moto e con un motore che non era nuovo al 100%. Allora ho pensato che al via del Mondiale, dove tutti partiamo con un motore punzonato con zero chilometri, potevo essere protagonista. Il mio passo era incredibile e potevo lottare per il podio".

Per quanto riguarda la prima vittoria, pensa che potrebbe arrivare più o meno su qualsiasi pista: "Lo scorso anno sono andato forte un po' ovunque, immagino che in Qatar poteva essere il posto giusto ma anche Jerez, Le Mans, Barcellona ed Assen...".

Del resto, ora lo considerano tutti quanti un top rider della MotoGP a tutti gli effetti. Quindi è anche normale che l'obiettivo possa essere questo.

Leggi anche:

"Mi ricordo bene quando mi sono presentato da rookie nei test della Malesia e non andavo neanche tanto forte ad essere sincero. Poi è stato tutto un crescendo d'interesse... Quando a Jerez ho fatto la pole ho capito che mi guardavano diversamente; forse lì hanno iniziato a considerarmi come uno che poteva vincere una gara, non solo andare a punti...".

L'anno prossimo prenderà il posto di Valentino Rossi nel team ufficiale della Yamaha. Fabio però non si è sbilanciato quando gli è stato chiesto se secondo lui il "Dottore" continuerà o smetterà, anche se spera che rimarrà in MotoGP.

"Per me si è realizzato un sogno poter fare un anno in MotoGP con lui e poter vedere un suo giro della sua telemetria. Mi ricordo quando in FP1 in Qatar ci siamo trovati vicino, è stata un'emozione, spero che rimanga in MotoGP".

Per un Rossi che potrebbe mollare, però, c'è un Jorge Lorenzo che potrebbe fare il percorso inverso e tornare a tempo pieno nel 2021.

"Ho un bel rapporto e scherzo tanto con Jorge. Vorrei vederlo più volte in pista come wild card, non solo a Barcellona. Per me è più un tester che ci aiuta nello sviluppo più che un avversario in qualche gara. Spero che Yamaha gli faccia fare più test, comunque rimarrei sorpreso se dovesse tornare per tutta la stagione".

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
1/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
2/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
3/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
4/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
5/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
6/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
7/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
8/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
9/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
10/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
11/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
12/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
13/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
14/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
15/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
16/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
17/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
18/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
19/20

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT

Fabio Quartararo, Petronas Yamaha SRT
20/20

Foto di: Yamaha Motor Racing

condivisioni
commenti
Lorenzo: "Con la moto giusta potrei lottare per vincere titoli”

Articolo precedente

Lorenzo: "Con la moto giusta potrei lottare per vincere titoli”

Prossimo Articolo

MotoGP: motori e aerodinamica congelati dal 25 marzo

MotoGP: motori e aerodinamica congelati dal 25 marzo
Carica commenti
Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP Prime

Ecco come KTM ha portato una ricchezza di talenti in MotoGP

Formando una scala che va dalla Red Bull Rookies Cup alla MotoGP, KTM ha creato un flusso costante di grandi talenti nelle gare di gran premio che ha portato il marchio austriaco al successo che ci si aspetta dal marchio. Ecco come è andata.

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP Prime

Ecco perché il ‘gigante buono’ Petrucci mancherà alla MotoGP

I giorni di Danilo Petrucci in MotoGP sembrano contati, KTM sta cercando di riorganizzare completamente il team Tech3 per il 2022. Anche se la stagione 2021 del ternano finora non è stata eccezionale, il gigante italiano è diventato segretamente un top runner in MotoGP nell'ultimo decennio e ha portato con sé una personalità di cui lo sport mondiale ne ha maggior bisogno.

MotoGP
28 lug 2021
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021