MotoGP: motori e aerodinamica congelati dal 25 marzo

Le quattro case che non godono delle concessioni, quindi Honda, Ducati, Yamaha e Suzuki, dovranno cessare lo sviluppo ed omologarle entro il 25 marzo: glielo ha comunicato Ezpeleta nella giornata di venerdì.

MotoGP: motori e aerodinamica congelati dal 25 marzo

La MotoGP segue la linea aperta qualche giorno fa dalla Formula 1. Il Circus delle quattro ruote ha anticipato la pausa estiva, che impone uno stop ai lavori, ai mesi di marzo ed aprile. Quello delle due ruote ha a sua volta messo tutti sullo stesso piano, facendo scattare dal 25 marzo il congelamento dei motori e dell'aerodinamica.

In base al regolamento, le Case che non godono delle concessioni devono omologare i propulsori e la prima veste aerodinamica in occasione della prima gara della stagione, ma questo non era stato ancora possibile, visto l'annullamento del Gran Premio del Qatar ed i successivi rinvii di Thailandia, Stati Uniti ed Argentina.

Qualche giorno fa, Gigi Dall'Igna aveva già sollevato il dubbio che questo potesse essere un vantaggio per le Case giapponesi, che avevano meno restrizioni lavorative rispetto a Ducati ed Aprilia, che invece devono fare i conti con la stretta imposta dal governo italiano a causa della pandemia di Coronavirus.

Leggi anche:

Per questo nel pomeriggio di venerdì c'è stata una conference call, nella quale Carmelo Ezpeleta ha annunciato la direttiva introdotta da parte del responsabile tecnico Danny Aldridge al fine proprio di imporre il congelamento di motori ed aerodinamica a partire dal 25 marzo per i quattro costruttori che non dispongono delle concessioni, ovvero Honda, Ducati, Yamaha e Suzuki (Aprilia e KTM invece possono sviluppare nel corso della stagione).

Una scelta corretta secondo il direttore generale di Ducati Corse: "Io credo che questa sia una decisione giustissima. Qui in Italia non possiamo lavorare, mentre in Giappone sicuramente lo stanno facendo. E' stata una cosa di buonsenso, non ci voleva molto ad arrivarci, per evitare di creare una disparità troppo grande" ha confermato Dall'Igna alla Gazzetta dello Sport.

"Con quello che sta succedendo in questo momento nel nostro mondo, Honda è stata sicuramente quella che ne ha beneficiato di più di tutti. Erano i più in difficoltà ed anche i soli a non aver rinunciato al test di Jerez, prima che arrivasse lo stop delle autorità spagnole".

"In Qatar non si sono congelati i motori perché, non essendo presenti, non era possibile consegnare i manichini, ma questa è la soluzione più logica. Due settimane poi sono un tempo illimitato, non mi aspetto che i rivali abbiano fatto chissà che progressi" ha concluso.

condivisioni
commenti
Quartararo: "Pronto ad essere protagonista"

Articolo precedente

Quartararo: "Pronto ad essere protagonista"

Prossimo Articolo

Zasa: "La Clinica Mobile a disposizione della Protezione CIvile"

Zasa: "La Clinica Mobile a disposizione della Protezione CIvile"
Carica commenti
Quartararo fa il Marquez della Yamaha Prime

Quartararo fa il Marquez della Yamaha

Fabio Quartararo è l'unica nota positiva in casa Yamaha. Il francese è il vero dominatore di questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP, con cinque pole e quattro vittorie che lo lanciano verso la conquista del titolo iridato. Gli altri tre piloti della casa giapponese, però, sono ben lontani dalla sufficienza...

MotoGP
25 lug 2021
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

MotoGP
23 lug 2021
Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021