MotoGP, Assen, Libere 3: ancora Vinales, Rossi in Q2

Le Yamaha dominano con Vinales primo davanti a Quartararo, ma è veloce anche Rossi, nono. Terzo c'è Pol Espargaro con la Honda, mentre Marquez dovrà passare dalla Q1, così come Bagnaia. L'unica Ducati entrata in Q2 è quella di Miller. Ennesima grande prestazione di Aleix Espargaro, quarto con l'Aprilia davanti alle due Suzuki. Top 10 anche per la KTM con Oliveira.

MotoGP, Assen, Libere 3: ancora Vinales, Rossi in Q2

Maverick Vinales continua ad essere il grande protagonista del weekend di Assen della MotoGP. Reduce da un GP di Germana da dimenticare, il pilota della Yamaha è stato il più veloce in ogni sessione di quello d'Olanda fino ad ora, confermandosi anche nella serratissima FP3 di questa mattina.

Ancora una volta la battaglia per guadagnarsi l'accesso diretto alla Q2 è stata davvero tosta, ma le M1 si sono messe in evidenza sul tracciato olandese, monopolizzando le prime due posizioni. Vinales è sceso fino a 1'32"336, prestazione con cui ha staccato di 197 millesimi la moto gemella del leader iridato Fabio Quartararo.

La riprova dell'ottimo potenziale Yamaha arriva anche da Valentino Rossi, che a sua volta è riuscito a centrare la Q2 diretta, chiudendo in nona posizione con la sua M1 griffata Petronas, con un distacco di poco superiore al mezzo secondo.

Alle spalle del tandem della Casa di Iwata troviamo un sorprendente Pol Espargaro, che questa mattina è passato ad utilizzare il telaio evoluto introdotto dalla Honda e la cosa sembra aver dato i suoi frutti, visto che è riuscito a staccare il terzo tempo a 305 millesimi dalla vetta. In Q2 poi c'è anche l'altra RC213V di Takaaki Nakagami, autore del settimo tempo.

E' stata una FP3 difficile invece quella dei fratelli Marquez: dopo la brutta caduta di ieri pomeriggio, Marc ha faticato a ritrovare il feeling è non è andato oltre al 15esimo tempo, rimanendo fuori dalla Q2 per meno di due decimi. Tuttavia, non è una sorpresa che i tanti cambi di direzione di Assen potessero metterlo in difficoltà dopo il clamoroso trionfo del Sachsenring. Male anche Alex, solo 17esimo.

Continua a brillare invece l'Aprilia, che anche oggi si è arrampicata fino alla quarta posizione con un Aleix Espargaro capace di fermare il cronometro su un tempo di 1'32"747. Su una pista che conosceva meglio, non è andato troppo male neanche Lorenzo Savadori, che è vero che occupa la 19esima posizione, ma ad appena un secondo dal tempone di Vinales.

Il tracciato di Assen sembra esaltare anche le caratteristiche della Suzuki, che finalmente è riuscita a portare entrambi i suoi piloti direttamente in Q2, con Joan Mir ed Alex Rins che hanno piazzato le GSX-RR in quinta e sesta posizione.

Dopo le grandi prestazioni recenti, ha fatto un po' più di fatica invece la KTM, con il solo Miguel Oliveira entrato in Q2 con l'ottavo tempo. Ed è un peccato in particolare per Danilo Petrucci, che sembra aver fatto finalmente un passo avanti nella costruzione del feeling con la RC16 ed è rimasto fuori dalla Q2 per poco più di un decimo.

La delusione del weekend però fin qui è senza ombra di dubbio la Ducati, che al momento ha portato in Q2 solamente Jack Miller, decimo a poco meno di sei decimi. I primi piloti rimasti esclusi sono tutti in sella ad una Desmosedici GP: Johann Zarco, caduto anche alla curva 3, è fuori per 31 millesimi. 3 più indietro troviamo Pecco Bagnaia, che si è visto cancellare il suo giro migliore, con il quale sarebbe rimasto comunque in Q1. Ne paga 66 invece Jorge Martin.

In coda al gruppo poi ci sono le due Ducati di Avintia con Luca Marini 20esimo davanti ad Enea Bastianini. Alle loro spalle c'è solo Garrett Gerloff, sostituto dell'infortunato Franco Morbidelli sulla Yamaha Petronas, che è incappato anche nella seconda scivolata del weekend nei minuti conclusivi del turno. Lo statunitense comunque è riuscito a ridurre a meno di due secondi il gap dai migliori.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 Spain Maverick Viñales Yamaha 23 1'32.336     177.083
2 France Fabio Quartararo Yamaha 21 1'32.533 0.197 0.197 176.706
3 Spain Pol Espargaro Honda 21 1'32.641 0.305 0.108 176.500
4 Spain Aleix Espargaro Aprilia 19 1'32.747 0.411 0.106 176.298
5 Spain Joan Mir Suzuki 21 1'32.748 0.412 0.001 176.297
6 Spain Alex Rins Suzuki 23 1'32.845 0.509 0.097 176.112
7 Japan Takaaki Nakagami Honda 20 1'32.853 0.517 0.008 176.097
8 Portugal Miguel Oliveira KTM 20 1'32.871 0.535 0.018 176.063
9 Italy Valentino Rossi Yamaha 19 1'32.894 0.558 0.023 176.019
10 Australia Jack Miller Ducati 20 1'32.907 0.571 0.013 175.995
11 France Johann Zarco Ducati 16 1'32.938 0.602 0.031 175.936
12 Italy Francesco Bagnaia Ducati 22 1'32.941 0.605 0.003 175.930
13 Spain Jorge Martin Ducati 19 1'32.974 0.638 0.033 175.868
14 Italy Danilo Petrucci KTM 20 1'33.026 0.690 0.052 175.770
15 Spain Marc Márquez Alenta Honda 18 1'33.069 0.733 0.043 175.689
16 South Africa Brad Binder KTM 22 1'33.087 0.751 0.018 175.655
17 Spain Alex Marquez Honda 21 1'33.250 0.914 0.163 175.347
18 Spain Iker Lecuona KTM 18 1'33.356 1.020 0.106 175.148
19 Italy Lorenzo Savadori Aprilia 18 1'33.368 1.032 0.012 175.126
20 Italy Luca Marini Ducati 21 1'33.465 1.129 0.097 174.944
21 Italy Enea Bastianini Ducati 22 1'33.853 1.517 0.388 174.221
22 United States Garrett Gerloff Yamaha 21 1'34.254 1.918 0.401 173.480
condivisioni
commenti
Pedrosa pronto a correre al GP di San Marino come wild card

Articolo precedente

Pedrosa pronto a correre al GP di San Marino come wild card

Prossimo Articolo

Raul Fernandez debutterà in MotoGP con KTM Tech3 nel 2022

Raul Fernandez debutterà in MotoGP con KTM Tech3 nel 2022
Carica commenti
Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano Prime

Le più grandi imprese di Valentino Rossi a Misano

Quella di settimana prossima sarà l'ultima gara della carriera di Valentino Rossi a Misano in MotoGP. Sulla pista che si affaccia sull'Adriatico, il Dottore ha ricordi agrodolci. Dall'esordio su una moto da gran premio ai mondiali spianati, sino a quelli persi per aver sbagliato tattica.

MotoGP
17 ott 2021
KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull Prime

KTM coltiva talenti, ma occhio a non bruciarli come Red Bull

La KTM ha messo sotto contratto a lungo termine alcuni dei prospetti più interessanti del panorama del Motomondiale, come Raul Fernandez e Pedro Acosta. Con loro però non deve avere fretta come ne ha avuta con Iker Lecuona, "rottamato" in neanche 13 mesi, a meno che non voglia farsi la nomea di "Red Bull" della MotoGP.

MotoGP
14 ott 2021
Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica” Prime

Ceccarelli: “Marquez ad Austin in superiorità psico-fisica”

In questa nuova puntata della rubrica Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci illustrano come mai Marc Marquez sia riuscito a dominare la concorrenza in quel di Austin, in occasione della tappa texana della MotoGP

MotoGP
7 ott 2021
Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via" Prime

Nakagami: "La RC213V va guidata come fa Marc, lui traccia la via"

Takaaki Nakagami ci parla in esclusiva della sua stagione in MotoGP. Dopo un 2020 in cui si è tolto parecchie soddisfazioni, ora che è rientrato quasi a pieno regime Marc Marquez è lo spagnolo - giustamente - il punto di riferimento della casa dell'ala dorata. Ed anche lo sviluppo va seguito di pari passo, se si vuole performare a dovere

MotoGP
6 ott 2021
Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider Prime

Pagelle MotoGP: Bastianini sta diventando un top rider

Andiamo a dare i voti ai protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti di MotoGP, con Marquez capace di tornare alla vittoria e Quartararo pronto a mettere una seria ipoteca sul titolo iridato

MotoGP
4 ott 2021
MotoGP: la griglia di partenza di Austin Prime

MotoGP: la griglia di partenza di Austin

Scopriamo insieme la griglia di partenza del Gran Premio delle Americhe di MotoGP. Ad Austin, Bagnaia regala la terza pole consecutiva a Borgo Panigale, piazzandosi davanti al favorito al titolo Quartararo. Riuscirà il giovane alfiere Ducati a tenere dietro la Yamaha?

MotoGP
3 ott 2021
Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP? Prime

Come Ducati è riuscita a essere la moto più versatile in MotoGP?

La rilevanza che Ducati dà ai suoi team satellite e l’impegno di Andrea Dovizioso nel migliorare la capacità delle ultime Desmosedici permettono al costruttore di Bologna di avere la moto più versatile della griglia, in grado di salire sul podio anche con cinque piloti diversi.

MotoGP
23 set 2021
Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia" Prime

Marini: quando è impossibile tener testa alla "Bestia"

Luca Marini è il protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il pilota del team Esponsorama è reduce da due gare ben al di sotto delle aspettative e delle possibilità, visto e considerato quanto sia riuscito a conquistare il suo compagno di team, Enea Bastianini

MotoGP
21 set 2021