Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"

Paul Denning, team principal della Yamaha in Superbike, crede che Toprak Razgatlioglu e Garrett Gerloff possano fare il salto verso la MotoGP nel 2022 se la Casa di Iwata dovesse avere bisogno di nuovi piloti.

Denning: "Razgatioglu e Gerloff candidati alla MotoGP"

La risoluzione anticipata del contratto di Maverick Vinales mette la Yamaha in una situazione inaspettata. Per la stagione 2022 della MotoGP, i giapponesi dovranno quindi trovare un sostituto per il Factory Team, con Franco Morbidelli del Team Petronas che sarebbe la scelta più logica. Questo lascerebbe un vuoto nella formazione malese, che avrebbe bisogno di due piloti nuovi se Valentino Rossi decidesse di ritirarsi.

Nel suo team di Moto2 ha i giovani talenti Xavi Vierge e Jake Dixon, ma loro stagione non particolarmente brillante non li rende la miglior opzione per la promozione in MotoGP. I migliori piloti della classe di mezzo hanno già contratti in MotoGP per il 2022, quindi l'alternativa è guardare alla Superbike.

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
1/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Garett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
2/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
3/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
4/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
5/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
6/8

Foto di: Dorna

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
7/8

Foto di: Dorna

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT

Garrett Gerloff, Petronas Yamaha SRT
8/8

Foto di: Gold and Goose / Motorsport Images

La Yamaha avrebbe due candidati tra le sue fila, Toprak Razgatlioglu e Garrett Gerloff. Il team principal della Casa di Iwata in SBK, Paul Denning, sembra convinto che entrambi abbiano il potenziale per fare il salto verso la MotoGP.

"Vedo Garrett e Toprak come candidati alla MotoGP. Dipende dalle possibilità e dai tempi", ha detto Denning in un'intervista concessa a Motorsport.com.

La squadra non si metterà in mezzo se arriva un'offerta

"Vorremmo tenerli entrambi", ha detto Denning. "Se uno di loro riceve una buona offerta dalla MotoGP, la Yamaha non si metterà in mezzo".

Razgatlioglu ha firmato per Yamaha nel 2020. Il pilota turco vede il Mondiale Superbike come priorità ed è per questo che ha rifiutato di sostituire l'infortunato Morbidelli ad Assen. Alla fine, Gerloff è stato il prescelto e la sua performance è stata solida.

Toprak Razgatlioglu

Yamaha-Teammanager Paul Denning hatte zuletzt einiges zu feiern

Foto: Motorsport Images

"Non posso parlare per Garrett. Ma nel caso di Toprak, so che la sua motivazione è quella di vincere", ha confermato Denning. "Non posso parlare per lui, ma immagino che preferirebbe essere campione del mondo in Superbike piuttosto che correre per il sesto posto in MotoGP".

Gerloff è già riuscito ad impressionare Lin Jarvis

Gerloff, nel frattempo, si vede in MotoGP nel futuro. L'americano aveva già destato una buona impressione durante il suo debutto a Valencia nel 2020. Nelle prove del venerdì, su pista bagnata, ha subito preso confidenza con la Yamaha M1 su una pista che era nuova per lui.

Garrett Gerloff

Garrett Gerloff hinterließ bei seinen MotoGP-Einsätzen einen ordentlichen Eindruck

Foto: Motorsport Images

"Ha avuto un debutto difficile a causa del meteo. Quel venerdì ha piovuto, poi ci sono state condizioni miste ed asciutto. E' stata una giornata orribile dal punto di vista meteorologico", ricorda Denning. "E' rimasto rilassato e ha lasciato che fosse il suo talento a parlare. Ha guidato il più veloce possibile, senza preoccuparsi di nulla. Ha fatto un lavoro fantastico":

"So che ha impressionato Lin (Jarvis, direttore generale di Yamaha in MotoGP) e tutti in Yamaha. Era solo un buon esordiente in Superbike, perché non aveva vinto gare o lottato costantemente per il vertice. E con la Yamaha di MotoGP è stato subito veloce".

"D'altra parte, abbiamo visto alcuni piloti in passato che sono arrivati dalla MotoGP e sono rimasti sorpresi da quanto sia alto il livello del Mondiale Superbike", ha ricordato Denning.

 

condivisioni
commenti
Ezpeleta: "MotoGP rafforzata da come ha gestito il COVID"

Articolo precedente

Ezpeleta: "MotoGP rafforzata da come ha gestito il COVID"

Prossimo Articolo

Perché il divorzio Vinales-Yamaha soddisfa entrambe le parti

Perché il divorzio Vinales-Yamaha soddisfa entrambe le parti
Carica commenti
Ducati: scommessa vinta... per ora Prime

Ducati: scommessa vinta... per ora

La Ducati è una piacevole conferma per questa prima metà della stagione 2021 di MotoGP. Seconda in campionato con Zarco e terza con Bagnaia, la casa di Borgo Panigale conferma la bontà della strategia di puntare sul legno verde, dando fiducia alla linea giovane dei suoi piloti che, al momento, sta performando ottimamente.

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle Prime

Pagelle MotoGP, KTM: dalle stalle alle... stelle

La prima metà della stagione per KMT è a due facce: sino all'introduzione del nuovo telaio, le moto austriache hanno faticato apertamente dopo aver chiuso alla grande il mondiale 2020. Da quando è stata introdotta questa novità, però, Oliveira in primis è tornato ad essere una spina nel fianco per chi punta alle posizioni del podio. Bene anche Binder, mentre Petrucci e Lecuona...

MotoGP
16 lug 2021
Aprilia, manca il podio per eccellere Prime

Aprilia, manca il podio per eccellere

Andiamo a dare i voti alla prima parte della stagione 2021 di Aprilia. La casa di Noale sta cogliendo risultati ottimi nei primi GP sin qui disputati: veloce e costante, è una spina nel fianco per i "grandi", ma al momento le manca il podio per eccellere e consacrarsi

MotoGP
13 lug 2021
Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre Prime

Pagelle MotoGP: Suzuki rimandata a settembre

Diamo i voti a Suzuki: il costruttore nipponico sembra aver perso i suoi punti forti che hanno consentito di chiudere un 2020 in maniera trionfale. In questa prima parte del 2021, le GSXRR di Rins e Mir non hanno brillato in maniera monumentale. Solo il campione del mondo si salva, ma per essere all'altezza di quanto si è raggiunto lo scorso anno, occorre una seconda metà di stagione da incorniciare

MotoGP
11 lug 2021
L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas Prime

L'addio di Vinales a Yamaha tiene in scacco Petronas

La squadra malese è quella che probabilmente rischia di subire il maggior impatto dalla scelta di Maverick Vinales alla Yamaha. Se Franco Morbidelli sarà promosso nel team ufficiale dovrà cercare due piloti e al momento non ci sono troppe candidature realmente interessanti.

MotoGP
10 lug 2021
Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V Prime

Pagelle MotoGP: Marquez oltre i limiti della Honda RC213V

Andiamo ad inaugurare le pagelle di metà stagione dei costruttori presenti in MotoGP. Inziiamo con Honda, grande delusa di questa prima parte del 2021: il costruttore nipponico deve erigere una statua a Marc Marquez, unico pilota capace di portare a vincere - e sul podio - una RC213V che, al momento, sembra la moto peggiore del lotto

MotoGP
9 lug 2021
Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha Prime

Come Quartararo è diventato il leader di cui aveva bisogno Yamaha

Sono passati sei anni da quando Jorge Lorenzo ha dato alla Yamaha il suo ultimo titolo MotoGP nel 2015. Dalla sua partenza alla fine del 2016, lo stato di forma della Yamaha non è stato costante, ma ora ha finalmente trovato un nuovo talismano per tornare in vetta sotto la forma di un giovane francese talentuoso.

MotoGP
8 lug 2021
Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione Prime

Rossi-Ducati: un sequel inatteso che offre la redenzione

Un decennio dopo il primo legame con Ducati, in quello che si è rivelato essere un periodo sfortunato della sua carriera in MotoGP, Valentino Rossi ha unito nuovamente le forze con il marchio Borgo Panigale, questa volta come proprietario di un team. E il legame VR46/Ducati che inizierà il prossimo anno ha il potenziale per raddrizzare la parentesi negativa del 2011/2012.

MotoGP
4 lug 2021