Müller da record fra i rookie, Giovinazzi e Caldarelli nei top 8!

condivisioni
commenti
Müller da record fra i rookie, Giovinazzi e Caldarelli nei top 8!
Di: Scott Mitchell
Tradotto da: Gabriele Testi, Direttore Responsabile Svizzera
14 gen 2018, 18:23

Il pilota svizzero dell’Audi Sport ha battuto il primato di Formula E del circuito di Marrakech siglato nella seconda sessione di prove libere dell’ePrix di sabato dall’identica FE04 e-tron di Daniel Abt.

Nico Müller, Audi Sport ABT Schaeffler
Nico Müller, Audi Sport ABT Schaeffler
Nico Müller

Nico Müller, da tempo portacolori ufficiale Audi Sport, ha stabilito il nuovo record sul giro per vetture di Formula E sul circuito semipermanente di Marrakech, superando con un secondo di margine tutti gli altri partecipanti al “provino” per debuttanti. 

 

Lo svizzero si era concentrato sulle simulazione di gara in mattinata, ma è stato il primo a uscire dai box e a percorrere un giro a piena potenza nel pomeriggio, scavalcando in apparente souplesse il record mattutino siglato da Paul Di Resta sulla Jaguar.

Lo scozzese è stato tuttavia retrocesso in quinta posizione quando diversi piloti hanno migliorato le loro performance, con Maximilian Gunther, James Rossiter e Pietro Fittipaldi capaci di issarsi in cima alla lista dei tempi in vari momenti del test.

In ogni caso, Nico Müller ha “sparato” il suo velocissimo 1'19"651 a poco più di cinque minuti dalla bandiera a scacchi, tempo col quale ha relegato a 0”946 la Jaguar di Pietro Fittipaldi.

La prestazione ha annullato il precedente record sul giro stabilito sul circuito marocchino, raggiunto dal pilota titolare della FE04 e-tron, Daniel Abt, nella seconda sessione di prove libere di sabato: il rilievo, migliore di poco più di un decimo, gli avrebbe permesso di dominare le qualifiche con mezzo secondo di margine.

Tuttavia, le temperature dell'aria e della pista erano leggermente più alte la domenica: la memoria dei precedenti eventi di Formula E, con gare su due giorni, ci suggerisce che il miglioramento della pista valga abitualmente fra mezzo secondo e un secondo.

Il miglior risultato di Pietro Fittipaldi è arrivato quasi in extremis, segnatamente negli ultimi 15 minuti, quando ha scalzato di una posizione la Techeetah di James Rossiter, relegata al terzo posto.

Il britannico è poi precipitato in quinta posizione allorché Maximilian Gunther (Dragon Racing) e Paul Di Resta (Jaguar) hanno migliorato il rispettivo rango nelle fasi finali del test.

Daniel Juncadella è stato il sesto driver più veloce della giornata con la Mahindra, rifilando a 0”002 Antonio Giovinazzi, protegé della Ferrari e terza guida della Sauber Alfa Romeo, che però è risultato il miglior pilota schierato dalla DS Virgin Racing.

Il suo estemporaneo compagno di squadra in seno all’équipe anglofrancese, un Joel Eriksson fresco di ingaggio da parte della BMW per il DTM, non è stato nemmeno di un decimo più lento e si è riservato la nona piazza in un’ideale griglia di partenza. 

L’italiano Andrea Caldarelli, tornato in pista con la Dragon Racing dopo l’incidente mattutino, si è incastrato nello stretto spazio tra i due piloti esordienti della DS Virgin, mentre Nyck de Vries (Audi Sport ABT Schaeffler) è riuscito a guidare per un lasso di tempo sufficiente a permettergli di entrare nella top ten.

L’olandese ha trascorso quasi l'intera mattinata ad aspettare nei box e ha dovuto fare sfoggio di grande pazienza anche all'inizio del pomeriggio prima di vestire casco e tuta, poiché i tecnici di Ingolstadt hanno deciso di valutare i problemi sulle due auto.

Ingaggiato dalla Prema per competere in Formula 2 nel 2018, De Vries aveva per le mani le stesse monoposto da gara di Lucas Di Grassi, che hanno avuto entrambe problemi sabato e che sono state sottoposte a controlli da parte del team tedesco prima che si decidesse di impegnarle nel programma di test riservato ai novizi.

Nyck ha effettuato soltanto due giri in mattinata e una quindicina nel pomeriggio, ma ha segnato un ottimo “crono” in 1’21”108; una performance in virtù della quale è stato comunque più lento di un secondo e quattro rispetto al coéquipier Nico Müller. 

 

Il campione giapponese di Formula 3, Matsunori Takaboshi, (Renault e.dams), il pilota di sviluppo della Venturi, l’idolo locale Michael Benyahia, e Bruno Spengler (Andretti) hanno tutti causato interruzioni delle attività pomeridiane con i loro errori.

Formula E Rookie Test

Pos.PilotaTeamGiriMattinaPomeriggio
1  Nico Muller  Audi Sport Abt 98 1:23.136 1:19.651
2 brazilPietro Fittipaldi  Jaguar 60 1:22.791 1:20.597
3  Maximilian Gunther  Dragon 53 1:22.599 1:20.657
4  Paul di Resta  Jaguar 61 1:22.343 1:20.774
5  James Rossiter  Techeetah 69 1:22.433 1:20.794
6  Dani Juncadella  Mahindra 64  1:22.985 1:20.874
7  Antonio Giovinazzi  DS Virgin 51 1:22.782 1:20.876
8  Andrea Caldarelli  Dragon 54  1:23.492 1:20.964
9  Joel Eriksson  DS Virgin 52 1:22.551 1:20.971
10  Nyck de Vries  Audi Sport Abt 17   1:21.108
11 united_kingdomGary Paffett  Venturi 59 1:24.216 1:21.351
12  Sam Dejonghe  Mahindra 63 1:23.580 1:21.884
13  Alexander Albon  Renault e.dams 79 1:22.834 1:22.027
14  Frederic Makowiecki  Techeetah 66 1:23.112 1:22.219
15  Alexandre Imperatori  NIO 43 1:24.581 1:22.500
16  Colton Herta  Andretti 74 1:23.355 1:22.673
17  Bruno Spengler  Andretti 63 1:22.987 1:24.127
18  Mitsunori Takaboshi  Renault e.dams 80 1:23.052 1:24.179
19 united_kingdomHarry Tincknell  NIO 68 1:23.076 1:23.791
20  Michael Benyahia  Venturi 53 1:25.202 1:23.975

 

 

Prossimo articolo Formula E
Scopriamo i segreti Mahindra: motore Marelli e Polysil Nanoprom

Previous article

Scopriamo i segreti Mahindra: motore Marelli e Polysil Nanoprom

Prossimo Articolo

Fotogallery: le immagini più belle dell'ePrix di Marrakesh

Fotogallery: le immagini più belle dell'ePrix di Marrakesh
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula E
Piloti Nico Müller
Team Audi Sport Team ABT
Autore Scott Mitchell
Tipo di articolo Test