Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie

Albon: "Cambiare team è stato quasi come ricominciare da capo"

Alex Albon ha spiegato che il passaggio dalla Toro Rosso alla Red Bull è stato "quasi come tornare al punto di partenza" a metà della sua stagione da esordiente in F1.

Alexander Albon, Red Bull RB15

Albon ha fatto il suo debutto in Formula 1 nel 2019 con la Toro Rosso, al termine di una trattativa per liberarsi dalla Nissan, con la quale aveva firmato per correre in Formula E.

Una buona prima metà di stagione, combinata con quella deludente di Pierre Gasly alla Red Bull, ha portato la squadra di Milton Keynes a dare il via ad un clamoroso scambio a metà stagione, che ha portato Albon a divedere il box con Max Verstappen.

Albon si è quindi guadagnato il rinnovo in Red Bull anche per il 2020 e pensa che già solo riuscire ad avere continuità per un anno potrà dargli una spinta significativa nel suo processo di crescita.

"Ora ho familiarità con la Formula 1" ha detto Albon a Motorsport.com. "Almeno con l'ambiente, quindi sarà tutto un po' più normale".

"Anche quest'anno non è stato così normale. E' stato quasi come se avessi imparato un bel pezzo della F1 con la Toro Rosso e stava funzionando".

"Ma poi ho cambiato squadra ed è stato quasi come ricominciare da capo. Ma almeno ora abbiamo delle basi solide, che renderanno il mio lavoro più semplice a partire da Melbourne".

Leggi anche:

Albon ha spiegato che il suo modo di lavorare non cambierà durante l'inverno e che inizierà la prossima stagione con la Red Bull con la stessa mentalità di quando ha fatto il suo esordio.

Per il momento quindi preferisce non fissare obiettivi a lungo termine, concentrandosi sul cercare di fare dei progressi sessione per sessione.

Tuttavia, non vede l'ora di poter sfruttare il pre-campionato per lavorare sulla sua vettura, perché ritiene che cambiarla a metà stagione abbia complicato parecchio la sua crescita.

"Non puoi cambiare molto in un weekend di gara, perché non puoi rischiare di impazzire" ha detto Albon. "Ma penso che il team capisca già ciò di cui ho bisogno in macchina".

"E' proprio lì che dobbiamo iniziare a concentrarci, perché durante i test l'atmosfera è un po' diversa. Hai dei metri di paragone migliori, non come in FP1 ed FP2, quando passano diverse ore tra una sessione e l'altra".

"E' un momento importante, nel quale devi cercare di concentrarti al meglio sulla programmazione per tirarne fuori il massimo. Perché, anche se è il momento per imparare e sperimentare, abbiamo solo tre giorni di test a testa prima di arrivare a Melbourne".

"E' abbastanza limitato, ma ovviamente è meglio che niente".

Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alexander Albon, Red Bull RB15
Mario Achi, Promoter del GP del Messico, con Alex Albon, Red Bull Racing
Alex Albon, Red Bull Racing
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing
Alexander Albon, Red Bull Racing RB15
Alexander Albon, Red Bull Racing RB15
Alexander Albon, Red Bull Racing RB15
Alexander Albon, Red Bull Racing
Alexander Albon, Red Bull Racing RB15
Alex Albon, Red Bull Racing RB15
20

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Hamilton 10° tra gli sportivi più pagati del decennio
Prossimo Articolo Sainz: “Mai pessimista con McLaren, atmosfera diversa da subito”

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia