Vettel: "Binotto ha esperienza, in Ferrari ci sono le persone giuste"

condivisioni
commenti
Vettel:
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
28 lug 2016, 14:21

Il quattro volte iridato ha detto la sua sul recente ribaltone che ha tolto la direzione tecnica ad Allison per darla proprio a Binotto e pensa che il Cavallino abbia tutto per risalire in prospettiva. Per Hockenheim spera almeno nel podio.

Sebastian Vettel, Ferrari walks the circuit
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Sebastian Vettel, Scuderia Ferrari
Sebastian Vettel, Ferrari SF16-H
Sebastian Vettel, Ferrari signs autographs for the fans
Sebastian Vettel, Ferrari

La stagione 2016 non sta andando secondo le aspettative per la Ferrari e ieri da Maranello è arrivato il primo scossone. Fuori il direttore tecnico James Allison e il suo incarico è passato a Mattia Binotto, che fino a ieri era il responsabile del reparto motori del Cavallino.

Tra i piloti presenti oggi in conferenza stampa oggi ad Hockenheim c'era anche Sebastian Vettel ed era inevitabile che al quattro volte iridato venisse chiesto un parere su questo avvicendamento.

"Mattia ha esperienza, conosce la squadra come le sue tasche. Ci saranno ovviamente delle differenze ma non cambierà più di tanto perché noi lavoriamo già con tutte le nostre forze sulla vettura del 2017. L'importante è non mollare per le gare di quest'anno perché possiamo imparare ancora molto. Ma c'è già un gruppo nutrito di uomini in fabbrica che si sta occupando del progetto 2017" ha spiegato Seb.

Il tedesco poi ha respinto l'idea che uno dei problemi della Ferrari sia l'inesperienza della squadra in questo momento: "Io penso che abbiamo le persone giuste in squadra. Il cambiamento di ieri non avrà impatto sulla gara di domenica, ma in prospettiva. Ribadisco quanto ho già detto, che la direzione presa è giusta. Non è vero che in Ferrari c'è gente inesperta".

Infine, il tasto dolente: il distacco dalla Mercedes. Questo è ancora ampio, ma Vettel spera in qualche sorpresa: "Ci mancano tre o quattro decimi al giro, ma cercheremo di estrarre tutto il possibile dalla macchina per mettere loro pressione. E poi ci sono variabili non prevedibili che potrebbero incidere, è per questo che si gareggia, altrimenti non cominceremmo nemmeno".

Dopo le difficoltà dell'Ungheria, il ferrarista vede Hockenheim un po' più adatta alla SF16-H: "La pista dovrebbe aiutarci di più a fare un miglior risultato dell'Ungheria. Sarebbe bello salire sul podio in casa, la Mercedes è la favorita ma credo potremmo essere competitivi".

 

 

 

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP di Germania
Sotto-evento Giovedì
Location Hockenheimring
Piloti Sebastian Vettel
Team Ferrari
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Conferenza stampa