Verstappen: "I commenti radio a Portimao non erano corretti"

condivisioni
commenti
Verstappen: "I commenti radio a Portimao non erano corretti"
Di:

Max Verstappen ha ammesso che le parole controverse che ha usato via radio lo scorso fine settimana a Portimao, in occasione del Gran Premio del Portogallo, non erano corrette.

Il pilota della Red Bull si è lasciato andare a dei commenti poco appropriati dopo il contatto che lo ha visto protagonista con Lance Stroll durante le prove libere.

Il canadese della Racing Point si è insabbiata nella via di fuga della curva 1, mentre la Red Bull di Verstappen ha subito solo dei danni lievi e quindi l'olandese è riuscito a rientrare ai box, al termine di quello che è stato considerato un incidente di gara dalla direzione gara.

Via radio Verstappen ha detto alla sua squadra: "Ma questo stronzo è cieco? Che cazzo di problemi ha? Cristo santo, che ritardato! Ho dei danni, che mongolo!".

Quando più tardi è stato suggerito a Verstappen che c'era chi si sarebbe potuto offendere per le parole che aveva utilizzato via radio, Max ha detto: "Non è un mio problema".

Anche il team principal Christian Horner ha minimizzato i suoi commenti, aggiungendo: "Alcuni piloti lavorano 'insieme', altri no. E a volte, se Max arriva dietro a Lance o ad Ocon, le sue parole possono diventare colorate".

Leggi anche:

Tuttavia, il linguaggio di Verstappen ha creato grande scalpore sui social media e generato risposte formali da parte di gruppi come Mongol Identity, che avevano trovato i suoi commenti offensivi.

I giornalisti quindi gli hanno chiesto di tornare sull'argomento oggi ad Imola ed ha ammesso che le parole che ha scelto non erano "quelle giuste".

"Voglio dire, prima di tutto, che non ho mai avuto intenzione di offendere nessuno" ha detto Verstappen. "Non era quello che volevo ed è successo nella foga del momento. Quando si guida a queste velocità, possono succedere delle cose del genere".

"Non dico che le parole che ho scelto siano quelle giuste. Voglio dire, so che non sono corrette. Ma ancora una volta, non era mia intenzione offendere nessuno. E oltre a questo, ovviamente, stavo imprecando contro Lance, ma poi ci siamo visti subito dopo e questo fa parte del mestiere del pilota".

"Possiamo essere arrabbiati l'uno contro l'altro, ma nel giro di cinque minuti, quando ci parliamo e ci guardiamo negli occhi, è tutto dimenticato. Quindi penso che a volte la situazione possa sembrare più infuocata di quanto non sia dall'esterno".

"Ma non volevo mancare di rispetto a nessuno in particolare. Quindi, non credo che ci sia il bisogno di farla più grande di quanto sia. So che non erano le parole corrette, ma non posso cambiarle. Naturalmente, imparerò da questa cosa. E farò meglio in futuro".

Video correlati

Perez: "Red Bull? Non l'escludo. Ma non posso aspettare troppo"

Articolo precedente

Perez: "Red Bull? Non l'escludo. Ma non posso aspettare troppo"

Prossimo Articolo

F1, Imola: Gasly svela il casco tributo per Ayrton Senna

F1, Imola: Gasly svela il casco tributo per Ayrton Senna
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Emilia Romagna
Piloti Max Verstappen
Autore Adam Cooper