Russell: "Nessun annuncio a Silverstone sul mio futuro"

Il talento inglese ha affermato che in questo weekend non ci sarà alcun annuncio da parte della Mercedes di un suo ingaggio per la prossima stagione.

Russell: "Nessun annuncio a Silverstone sul mio futuro"

Quale sarà il futuro di George Russell? È questa la domanda che tutto il paddock si sta ponendo da ormai parecchie settimane. Il talento inglese, entrato nel vivaio della Mercedes nel 2017, ha stupito tutti ed è visto come prossimo compagno di squadra di Lewis Hamilton per prendere il posto di Valtteri Bottas.

In molti si erano detti certi che questo weekend a Silverstone sarebbe arrivato l’annuncio dell’ingaggio di Russell in Mercedes per la prossima stagione, ma a gelare gli animi ci ha pensato lo stesso pilota inglese.

Nel corso dell’ultimo episodio del podcast F1 Nation, Russell ha dichiarato: “Ho firmato con la Mercedes cinque o sei anni fa, e questa è l’unica cosa vera al 100%. Come tutti sanno, si prendono cura di me”.

“Per quel che riguarda l’anno prossimo, niente è stato ancora firmato e non ci sarà alcun annuncio a Silverstone. Questa è l’unica cosa che posso dire”.

Russell sta affrontando la terza stagione con la Williams e nonostante una vettura per nulla competitiva è sempre riuscito a mettersi in luce in qualifica senza, però, ottenere mai un punto con la scuderia inglese.

Nell’unica opportunità che ha avuto di guidare una monoposto vincente, la Mercedes W11 al GP di Sakhir dello scorso anno, George ha invece sfiorato l’impresa.

Chiamato all’ultimo momento per sostituire un Lewis Hamilton positivo al COVID-19, Russell ha ottenuto il secondo tempo in qualifica alle spalle di Bottas per poi dominare la gara ed arrivare ad un passo dalla prima vittoria in carriera.

Solo il caos al pit stop, ed una sosta supplementare per una foratura lenta, hanno impedito a Russell di coronare il suo sogno facendolo concludere in una desolante nona piazza.

I primi due punti in carriera non hanno placato la fame di Russell che già quest’anno, in più occasioni, è andato vicino ad entrare in top 10 con la Williams. Proprio sul futuro della scuderia britannica il pilota del vivaio Mercedes ha espresso parole di fiducia.

“Negli ultimi tre anni consecutivi il team ha chiuso ultimo nella classifica Costruttori, ma sono certo che non sarà così l’anno prossimo. Le cose stanno girando per il verso giusto”.

“Jost Capito sta facendo un lavoro fantastico e sta rivoluzionando la struttura rendendola più snella e più efficiente. Ogni decisione che è stata presa sino ad ora è stata una buona decisione e non vedo perché la Williams non possa tornare a lottare per la vittoria entro due anni”.

“Questa affermazione potrebbe sembrare stupida adesso, ma basta guardare a quanto accaduto nel 2013 quando Valtteri e Pastor facevano parte del team. Hanno chiuso in nona o decima piazza nel Costruttori e poi l’anno successivo si sono piazzati al terzo posto ottenendo podi nella maggior parte delle gare”.

“In questo sport tutto può cambiare in un batter d’occhio quando avviene una rivoluzione regolamentare di così ampia portata. Tengo le dita incrociate affinché le cose per la Williams cambino per il meglio”.

 

condivisioni
commenti
Aston Martin: ambizioni e dubbi di un marchio che guarda in alto

Articolo precedente

Aston Martin: ambizioni e dubbi di un marchio che guarda in alto

Prossimo Articolo

Brawn: "Sprint Qualifying? Se sarà un flop le diremo addio"

Brawn: "Sprint Qualifying? Se sarà un flop le diremo addio"
Carica commenti
Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita Prime

Ferrari: l'importanza della qualifica per correre in aria pulita

A Silverstone la Scuderia ha sfiorato una clamorosa vittoria con Charles Leclerc. La SF21 è molto migliorata nella gestione delle gomme Pirelli (specie con la mescola media), ma per estrarre il massimo dalla Rossa i due piloti devono portarla il più avanti possibile in qualifica.

F1 2021: piloti dal salotto di casa Prime

F1 2021: piloti dal salotto di casa

Andiamo ad analizzare da vicino F1 2021, il videogame dedicato alla stagione attuale di Formula 1 realizzato da Codemasters

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p.2) - It's a long way to the top

16esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 2).

Formula 1
22 lug 2021
Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia Prime

Big Bang F1: quando gli scontri fanno storia

La storia della Formula 1 è ricca di incidenti, toccatine maliziose e vere e proprie vendette all'arma bianca entrate nell'immaginario collettivo di chi ama questo sport. E quanto visto domenica a Silverstone tra Hamilton e Verstappen sembra non essere destinato a rimanere un caso isolato...

Formula 1
22 lug 2021
Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale" Prime

Ceccarelli: "Lewis ha esagerato nel festeggiare con Max in ospedale"

In questo nuovo appuntamento di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli commentano la portata principale offerta dal Gran Premio di Gran Bretagna: Hamilton re di Silverstone, con Max che dal decimo appuntamento della stagione raccoglie solo i tre punti della Sprint Qualifying. Con l'olandese in ospedale, i festeggiamenti del padrone di casa sono stati davvero inopportuni?

Formula 1
21 lug 2021
Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone Prime

Hamilton, Verstappen e Wolff: fiera degli errori a Silverstone

Andiamo ad analizzare in questa puntata de Il Primo degli Ultimi i protagonisti in negativo del Gran Premio di Gran Bretagna di Formula 1. Da un lato, abbiamo Lewis Hamilton che, nonostante la vittoria, perde sul piano morale con festeggiamenti esagerati mentre il rivale è in ospedale. E proprio il rivale, Verstappen, merita comunque un posto in rubrica per non aver ancora chiaro come si vinca un mondiale di F1. E poi c'è Toto Wolff

Formula 1
20 lug 2021
F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia? Prime

F1: manca davvero lo spettacolo o è un problema di regia?

Ci si lamenta spesso che la Formula 1 sia noiosa, ma se in realtà il problema nascesse da una regia internazionale che spesso manca i numerosi duelli che avvengono in pista per poi riproporli soltanto tramite replay?

Formula 1
20 lug 2021
GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis Prime

GP Silverstone: Leclerc beffato all'ultimo dalla rimonta di Lewis

La Ferrari e Charles Leclerc assaporano una vittoria che al Cavallino manca dal GP di Singapore 2019. Charles è stato beffato a due giri dal termine dalla rimonta di Hamilton, che ha piegato la resistenza del ferrarista a pochi km dal traguardo

Formula 1
19 lug 2021