Minardi: "Giovinazzi in panchina? Sconfitta dell'automobilismo italiano"

Gian Carlo Minardi, talent scout di molti giovani piloti di Formula 1 ed ex team principal della Minardi, commenta il fatto che Giovinazzi, nominato terzo pilota Ferrari non corra sulla Sauber per lasciare il posto al pilota della... Mercedes.

Minardi: "Giovinazzi in panchina? Sconfitta dell'automobilismo italiano"
Giancarlo Minardi
Marcus Ericsson, Sauber C35
Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
Podium: Antonio Giovinazzi, PREMA Racing
Polesitter Antonio Giovinazzi PREMA Racing
Pascal Wehrlein, Manor Racing

Gian Carlo Minardi non ci gira troppo intorno: l’ex team manager della squadra faentina di Formula 1 che oggi segue i giovani piloti nei campionati ACI CSAI si domanda come mai un giovane talento come Antonio Giovinazzi, nominato da Sergio Marchionne come terzo pilota della Ferrari dopo l’eccellente stagione in GP2, non abbia l’opportunità di guidare subito una monoposto di F.1 nei Gran Premi.

Il paradosso è che Toto Wolff, direttore di Mercedes Motorsport, è riuscito a “parcheggiare” uno dei suoi pupilli alla Sauber, la squadra che è ancora motorizzata Ferrari (nel 2017 utilizzarà però una power unit 2016), visto che la Manor Racing è stata messa in amministrazione controllata per le sue difficoltà economiche.

“Con questo scenario svaniscono le possibilità di vedere Antonio Giovinazzi in pista con i colori del team svizzero motorizzato Ferrari, per una prima stagione di apprendistato. Se così fosse sarebbe un vero peccato. Si tratterebbe di una piccola sconfitta per l’automobilismo italiano. La Ferrari dovrebbe aiutare i suoi connazionali a trovare un sedile in un team minore per fare esperienza nei Gran Premi. Sarebbe fantastico riavere un pilota italiano in F.1 nonché protagonista durante il Gran Premio d’Italia”.

In effetti è strano che Antonio venga tenuto in disparte, per lasciare campo aperto alla Sauber al pilota della Mercedes: certo Toto Wolff è in grado di portare un budget in dote alla squadra elvetica, ma la Ferrari riteniamo che possa vantare un credito ben maggiore sulla fornitura di motori del Cavallino.

Il fatto è che la squadra di Maranello può sperare di andare a recuperare del budget con le nuova proprietà del team di Hinwil e la stessa Monisha Kaltenborn preferisca la liquidità portata dalla Mercedes piuttosto che la riduzione del debito che potrebbe essere proposto dalla Ferrari.

Antonio Giovinazzi, quindi, avrà modo di guidare la Ferrari nei test in stagione 2017 e avrà modo di girare con la Sauber nelle prove libere in alcuni venerdì di Gran Premio. Sarà curioso scoprire se prenderà il posto di Marcus Ericsson e andrà al confronto diretto proprio con Pascal Wehrlein (e sarebbe un “derby” molto interessante) o se, invece, sarà il pilota tedesco a dover cedere l’abitacolo della C39…

condivisioni
commenti
Sospensioni idrauliche: davvero Red Bull e Mercedes non cambiano niente?

Articolo precedente

Sospensioni idrauliche: davvero Red Bull e Mercedes non cambiano niente?

Prossimo Articolo

Williams: Lance Stroll ha completato i test privati a Sepang

Williams: Lance Stroll ha completato i test privati a Sepang
Carica commenti
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021