Formula 1
30 apr
-
03 mag
Canceled
21 mag
-
24 mag
Canceled
04 giu
-
07 giu
Postponed
11 giu
-
14 giu
Postponed
25 giu
-
28 giu
Postponed
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
103 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
145 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
159 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
173 giorni

Massa: "Alonso il mio compagno più duro, non Schumacher!"

condivisioni
commenti
Massa: "Alonso il mio compagno più duro, non Schumacher!"
Di:
3 mag 2020, 09:11

Il pilota brasiliano, in una diretta Instagram, ha svelato chi per lui è stato il pilota più difficile come compagno di squadra della sua carriera in F1.

Felipe Massa ha avuto un'ottima carriera in Formula 1 e, dal 2006 al 2013, è stato pilota titolare della Ferrari sfiorando il titolo iridato piloti nel 2008 - poi finito nelle mani di Lewis Hamilton a poche centinaia di metri dalla fine della sua corsa - un sogno durato 38", ma questo non può certo togliere nulla alla stagione del brasiliano.

Nel suo periodo in Ferrari, Massa è stato compagno di squadra del 7 volte iridato Michael Schumacher, del campione del mondo 2007 Kimi Raikkonen e del 2 volte campione del mondo (2005 e 2006) Fernando Alonso. Questo implica che la sua carriera non abbia mai avuto un momento facile, specialmente nel team più blasonato del Circus iridato.

Nel corso di una diretta Instagram, il pilota che attualmente corre in FIA Formula E ha risposto alla domanda riguardo chi fosse stato il compagno di squadra più difficile durante la sua carriera in Formula 1.

"Il compagno di squadra più difficile, più duro è stato Fernando Alonso", ha detto Massa. "Non voglio ignorare l'importanza di Michael Schumacher, ma Alonso, senza dubbio, aveva lo stesso talento, la stessa velocità e la stessa intelligenza del tedesco".

"Schumacher aveva potere all'interno della squadra, ma per me era come un fratello maggiore, mentre con Alonso la disputa era egualitaria, eravamo alla pari, ma lui riuscì a portare tutto a suo favore".

Massa ha poi parlato di quanto accaduto al GP d'Austria, un duro colpo per lui: "Psicologicamente è stato difficile, senza dubbio ho sofferto molto. La prima gara, in Bahrain, ero riuscito a stare davanti a lui in qualifica ma poi ha fatto una gara eccezionale e mi ha battuto".

"Poi in Australia ha piovuto. Ero terzo e lui quarto, ma negli ultimi giri era incollato a me e il team mi ha detto di lasciarlo passare. Ed era solo la seconda gara dell'anno. Non l'ho lasciato passare, ho disobbedito all'ordine di squadra. Alla fine di quella gara eravamo vicini nel Mondiale, ma c'era molta pressione".

"Nella seconda gara dell'anno il team voleva che io lo lasciassi andare. Non era giusto. QUindi ha iniziato a influenzarmi psicologicamente e tutto è peggiorato da quel che successe in Germania, dove mi dissero di lasciarlo passare e l'ho fatto, perché era la cosa giusta da fare".

"Ho sofferto molto con Alonso. Non con il lavoro, perché andavo sempre molto d'accordo con lui, ma lui riuscì a cambiare le cose a suo favore. Con Kimi non ho mai avuto questo problema. Fernando è il pilota con cui ho fatto più fatica da questo punto di vista".

Prossimo Articolo
Yamaha ha dovuto "frenare" Hamilton nel test di Valencia

Articolo precedente

Yamaha ha dovuto "frenare" Hamilton nel test di Valencia

Prossimo Articolo

Horner: "Staff Renault in Red Bull, impensabile in normalità"

Horner: "Staff Renault in Red Bull, impensabile in normalità"
Carica commenti