Formula 1
02 lug
-
05 lug
Evento concluso
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
1 giorno
G
GP 70° Anniversario
06 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
114 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
128 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
141 giorni

Horner: "Staff Renault in Red Bull, impensabile in normalità"

condivisioni
commenti
Horner: "Staff Renault in Red Bull, impensabile in normalità"
Di:
Co-autore: James Allen, Featured writer
3 mag 2020, 11:30

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, ha rivelato lo scenario "impensabile" in cui il personale Renault, comprese figure tecniche senior, ha lavorato nella fabbrica del suo team recentemente nell'ambito del Project Pitlane.

Normalmente i team sono molto severi su chi ha accesso alla loro struttura, temendo che i loro segreti tecnici vengano rivelati ai rivali.

Ma tutte queste preoccupazioni sono state messe da parte recentemente, quando i team di F1 hanno lavorato insieme per aiutare a progettare e costruire ausili per la respirazione e ventilatori per il governo britannico in risposta alla crisi del coronavirus.

Anche se il ventilatore a basso costo su cui Red Bull e Renault hanno lavorato insieme non è stato messo in servizio, perché il governo ha ritenuto che questo tipo di ventilatore non fosse necessario per ora, Horner ha detto che è rimasto incredibilmente orgoglioso degli sforzi compiuti.

Parlando in esclusiva a Motorsport.com, Horner ha detto: "Penso che abbia detto tanto della Formula 1. Ci siamo rivolti al governo non appena abbiamo visto che la crisi si stava profilando, e poi ci siamo coordinati con le altre squadre".

"Abbiamo identificato un progetto che ci è stato assegnato, e ci è stato assegnato con la Renault. Sono rimasto sbalordito nel vedere i volontari che si sono fatti avanti incondizionatamente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per sostenere questo progetto".

Leggi anche:

"Abbiamo avuto persone come il nostro capo progettista Rob Marshall che ci hanno lavorato. Penso che ci abbia lavorato per tre notti consecutive, e che abbia fatto sforzi incredibili per trasformare quello che era un concetto piuttosto rudimentale in un ventilatore completamente funzionale, completamente sviluppato".

Come ha rivelato recentemente, la Red Bull aveva un letto per la terapia intensiva e dei prototipi di ventilatori situati nella sua fabbrica di Milton Keynes mentre i lavori erano in corso.

E Horner ha detto che il personale del team Renault stava lavorando al progetto come un tutt'uno con lo staff della Red Bull - nonostante alcune tensioni storiche tra le due squadre.

"A quel punto lo spirito competitivo esce dalla finestra e si tratta di trovare soluzioni" ha detto Horner.

"Così abbiamo avuto persone della Renault che lavoravano nella nostra fabbrica, nella loro uniforme, nel nostro stabilimento. Impensabile in circostanze normali!".

"Avevamo Bob Bell che lavorava al fianco di Rob Marshall, trovando soluzioni che sbalordivano il settore".

"Non è stata solo la soluzione, ma anche la velocità con cui la Formula 1 opera, perché le soluzioni sono state identificate e sviluppate durante la notte, e funzionavano quando la gente è tornata la mattina seguente".

"Quello che normalmente avrebbe richiesto tre anni per far approvare questa macchina, in realtà è stato fatto in tre settimane e mezzo".

 

 

Anche se Horner ha detto che la squadra è stata rattristata dal fatto che il progetto non è stato portato avanti questa volta, dice che alla fine è positivo il fatto che non fosse richiesto proprio ora.

"Naturalmente, c'è stato un certo grado di delusione, visto che non siamo entrati in produzione una volta che eravamo pronti a farlo".

"Ma anche allora, a pensarci bene, è stata un'ottima cosa che non fossero necessari, perché significava che il bisogno del Servizio Sanitario Nazionale non era così grave da richiedere questi ventilatori di emergenza".

"Penso che abbia messo in evidenza l'ingegnosità della Formula 1, la sua capacità di risolvere i problemi, la sua prototipazione rapido, la sua capacità di trovare soluzioni, e l'attitudine a non darsi mai per sconfitti".

"Penso che incarni tutti i lati positivi di questo sport, e alcuni dei più intelligenti e brillanti ingegneri del paese che lavorano in Formula 1".

Prossimo Articolo
Massa: "Alonso il mio compagno più duro, non Schumacher!"

Articolo precedente

Massa: "Alonso il mio compagno più duro, non Schumacher!"

Prossimo Articolo

Formula 1 Stories: Tyrrell, da Jackie Stewart a...Lewis Hamilton!

Formula 1 Stories: Tyrrell, da Jackie Stewart a...Lewis Hamilton!
Carica commenti