Leclerc: "Non ho spiegazioni, è stato un disastro!"

Il monegasco ha faticato in qualifica non riuscendo a fare meglio del 14° tempo con un gap da Verstappen in Q2 di ben sei secondi. Charles non ha saputo spiegare il perché di questa prestazione.

Leclerc: "Non ho spiegazioni, è stato un disastro!"

La Ferrari è naufragata all’Istanbul Park. Dopo aver ben figurato nelle tre sessioni di prove libere, le SF1000 di Charles Leclerc e Sebastian Vettel hanno annaspato in qualifica costringendo i due piloti della Scuderia all’eliminazione già in Q2.

Il monegasco, in particolare, è sembrato il pilota Ferrari maggiormente in difficoltà con delle Pirelli full wet che non ne hanno mai voluto sapere di entrare nella corretta finestra di funzionamento e non è mai riuscito ad avere confidenza con l’anteriore.

Leclerc aveva già rischiato di non superare il Q1 e soltanto nei secondi conclusivi, dopo l’interminabile interruzione per il peggioramento delle condizioni meteo, è stato in grado di accedere alla manche successiva.

Nel secondo turno, però, Charles non è riuscito a fare meglio del tempo di 1’56’’694 ed ha chiuso con un desolante quattordicesimo crono ed un gap mostruoso da Verstappen di ben 6 secondi.

Una volta abbandonato l’abitacolo della sua monoposto e giunto al ring delle interviste Leclerc non ha mascherato in alcun modo la delusione per un risultato certamente inatteso.

“Non ho spiegazioni. Questa volta non riesco a capire”.

Leclerc al mattino era riuscito a chiudere l’ultima sessione di libere ancora una volta alle spalle di Max Verstappen ma, a differenza di quanto visto ieri, le FP3 si sono svolte su un asfalto reso ancora più insidioso a causa della pioggia.

Le premesse sembravano poter far sperare in un buon risultato al pomeriggio, ma la realtà ha riservato alla Ferrari un amaro risveglio.

“Questa mattina, nel corso delle FP3, anche sul bagnato avevo una grande feeling con la vettura, mentre in qualifica non so cosa sia successo. E’ stato un disastro. Non riuscivo a stare in pista ed ho preso 6 secondi di distacco. Questa mattina avevamo lo stesso ritmo della Red Bull. Non so come spiegarmi questo gap”.

Si può pensare che in casa Ferrari si sia preferito puntare su assetto da asciutto in vista della gara? Forse, ma la partenza dalle posizioni meno nobili della griglia costringerà i due portacolori della Scuderia ad una corsa tutta in salita.

Charles, ad ogni modo, ha chiesto al suo team di approfondire nel briefing quali siano stati i motivi che gli hanno impedito di esprimersi al meglio.

“Sicuramente non sono stato perfetto, ma 6 secondi sono davvero troppi. Dobbiamo lavorare e capire perché sul bagnato, così come già visto in passato, fatichiamo così tanto con le full wet”.

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
5/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Esteban Ocon, Renault F1 Team R.S.20
6/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
7/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
8/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
9/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
10/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Lewis Hamilton, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
11/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
12/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
13/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
Charles Leclerc, Ferrari SF1000, Romain Grosjean, Haas VF-20
14/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
15/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
16/21

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
17/21

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
18/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
19/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
20/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
21/21

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1, Istanbul: Stroll in pole non annega nell'acqua

Articolo precedente

F1, Istanbul: Stroll in pole non annega nell'acqua

Prossimo Articolo

Lance Stroll convocato dai commissari, pole a rischio?

Lance Stroll convocato dai commissari, pole a rischio?
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021