Leclerc e "Dea bendata": al Mugello la Ferrari respira

Leclerc ha regalato un quinto posto in qualifica al Mugello che toglie un po' di pressione dalle spalle degli uomini in Rosso. La SF1000 non incanta, ma va meglio su piste ad alto carico. Vettel, però, continua a mancare all'appello.

Leclerc e "Dea bendata": al Mugello la Ferrari respira

Oltre le aspettative. Il quinto posto conquistato da Charles Leclerc al termine delle qualifiche del Mugello è ossigeno per una Ferrari col fiatone, e conferma quanto emerso dalle difficoltà riscontrare tra Spa e Monza.

La SF1000 non è una monoposto nata bene, la power unit non è certo la più potente in pista, ma negli otto giorni ‘terribili’ in cui tutto è sembrato franare attorno e Leclerc e Sebastian Vettel c’è stato anche un problema di adattamento a quella tipologia di piste, piste a basso carico che hanno mandato in profonda crisi la SF1000.

La Ferrari oggi è mediamente una macchina da ottava-decima posizione (se poi arriveranno sviluppi la scala dei valori potrebbe cambiare) ciò che arriva in più, come oggi al Mugello, è grasso che cola, quando arriva qualcosa in meno è motivo di analisi. Leclerc, che a Monza è stato l’espressione della delusione, oggi ha sfoggiato un cauto sorriso, conscio di aver ottenuto un risultato impensabile alla vigilia del weekend.

“Ho messo tutto insieme – ha confermato il monegasco – la quinta posizione è decisamente un piazzamento al di sopra delle nostre aspettative, quindi si, sono molto felice. A Monza e Spa era tutto difficile, la macchina in configurazione a basso carico è difficile da guidare, ed anche complessa da mettere a punto. Qui siamo invece riusciti a trovare il giusto equilibrio, ed il feeling è stato molto buono, ha subito dato fiducia”.

La squadra ha messo in pista una monoposto che ha dato fiducia a Leclerc, e Leclerc ha riconsegnato fiducia alla Ferrari con un piazzamento che di questi tempi è oro. Sulla quinta piazza finale di Charles c’è stato anche un contributo della dea bendata, manifestatasi sotto forma del testacoda di Esteban Ocon, circostanza che ha innescato la bandiera gialla che ha tagliato le gambe a tutti coloro che lo seguivano. Il gap tra Leclerc e il poleman Hamilton è comunque importante (1”126) ma nel mezzo si sono infilati meno avversari del previsto.

A proposito di gap, nella giornata Ferrari c’è quello registrato tra Leclerc e Vettel (0”534) risultato maggiore anche del margine che ha separato Verstappen e Albon (0”445). Ormai la storia tra Seb e il Cavallino è un conto alla rovescia verso Abu Dhabi, ed è difficile credere che le motivazioni siano al massimo. Un calo ci sta, ma vedere Vettel qualificato quattordicesimo (alle spalle di Kimi Raikkonen) è un verdetto che non può essere motivato solo da un matrimonio ai titoli di coda.

Tra la SF1000 e Seb il feeling giusto non c’è mai stato, e forse anche nel caso di Leclerc è difficile immaginare un rapporto idilliaco con la sua monoposto. Ma c’è qualcosa di più, che fa male ai tifosi di Vettel, a quelli della Ferrari ed alla stessa Scuderia, che ha bisogno anche di Seb per puntare a quella terza posizione nella classifica Costruttori che resta li alla portata. La concorrenza può contare su tandem molto omogenei, un valore aggiunto che in questo momento rischia di mancare alla Ferrari.

“Dopo due weekend molto duri come quelli di Spa e Monza volevamo invertire la tendenza e credo che ci siamo riusciti – ha commentato a fine giornata il direttore sportivo del Cavallino Laurent Mekies - Charles ha ottenuto un quinto posto, ritornando almeno il sabato davanti al gruppo di piloti che di solito si danno battaglia in pochi decimi, che rappresenta il massimo cui possiamo attualmente puntare".

"Domani ci aspetta una gara molto difficile su una pista impegnativa tanto per le vetture che per i piloti ma affascinante e spettacolare. Ci saranno almeno dieci monoposto in lotta per le posizioni immediatamente dopo il podio e dovremo essere perfetti sotto ogni punto di vista: strategia, affidabilità, operazioni in pitlane. L’obiettivo rimane quello di sempre: raccogliere quanti più punti possibile, con la motivazione supplementare di voler onorare al meglio i mille Gran Premi della Scuderia nel Campionato del Mondo di Formula 1”.

condivisioni
commenti
Hamilton ha costruito la pole del Mugello come un... puzzle!
Articolo precedente

Hamilton ha costruito la pole del Mugello come un... puzzle!

Prossimo Articolo

Red Bull: il nuovo fondo fa funzionare la RB16

Red Bull: il nuovo fondo fa funzionare la RB16
Carica commenti
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021
Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti" Prime

Minardi: "Questa volta il voto 4 va alla FIA non ai piloti"

Il Gran Premio del Qatar ha ulteriormente inasprito il tono delle polemiche sportive legate alla stagione 2021 di Formula 1. Stavolta l'insufficienza pesante viene data alla FIA per come sta gestendo la situazione

Formula 1
22 nov 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis, una vittoria di gestione"

In questa nuova puntata podcast di Piloti Top Secret, Matteo Bobbi e Beatrice Frangione commentano i fatti salienti e determinanti del GP del Qatar. Una lotta continua, che ha visto prevalere Lewis Hamilton, conquistatore della 102esima vittoria in carriera. Ecco svelato il segreto della sua vittoria...

Formula 1
22 nov 2021