Leclerc: "Sono migliorato nella gestione delle gomme"

Il monegasco ha scoperto la posta del GP di Turchia al simulatore , prima di prendere confidenza con il tracciato che torna in F1 dopo una sosta che dura dal 2011 con la bicicletta. Charles ammette di essere cresciuto in questa anno difficile della Ferrari, stringendo i rapporti con gli uomini della squadra.

Leclerc: "Sono migliorato nella gestione delle gomme"

Nelle difficoltà si cresce. Sembra un luogo comune, ma non capita di rado di trovare conferme nella realtà, come nel caso di Charles Leclerc.

Alla vigilia del Gran Premio di Turchia il monegasco ha analizzato la stagione soffermandosi sulla sua crescita, un miglioramento progressivo cominciato ad inizio campionato e confermato gara dopo gara.

Leclerc, ovviamente, lancia anche l’interrogativo, ovvero non è detto che lo stesso percorso non sarebbe stato completato anche al volante di una vettura vincente, ma la realtà è comunque quella di un pilota che in un momento difficile è diventato ‘uomo squadra’.

Charles lotta per l’ingresso in Q3 con la stessa grinta con cui dodici mesi fa combatteva per la pole. In un anno difficile e complicato, la crescita di Leclerc è una buona notizia per la Ferrari, che ha trovato un punto fermo in un ragazzo che solo diciotto mesi fa era sbarcato a Maranello circondato da fiducia ma anche da qualche dubbio. Ed oggi i punti fermi sono cruciali per la Scuderia, e lo saranno fino a quando non tornerà sul gradino più alto del podio.

Che idea ti sei fatto di questa pista?
“Al momento le mie impressioni si basano su qualche giro in bicicletta e sul simulatore! Da quello che ho visto mi sembra molto bella, e non vedo l’ora di essere in pista domani, sono curioso di provare i saliscendi e credo che sarà interessante scoprire questo tracciato giro dopo giro”.

Nelle ultime cinque gare ti sei sempre confermato in zona punti, ed anche il ritmo della monoposto sembra essere migliorato. Dove collochi oggi la tua monoposto in termini di gerarchie? Al momento siete a 31 punti dalla Racing Point, che è terza, credi che riuscirete ad agganciarli?
“È una domanda difficile a cui è difficile rispondere con precisione. Quando massimizziamo tutto sembriamo essere abbastanza competitivi, ma se mi chiedi in quale posizione ci troviamo, onestamente non ho la risposta, e in merito all’obiettivo citato nella domanda credo che non sia semplice da raggiungere se tutti i nostri avversari lavorano perfettamente".

"Credo anche che possano arrivare delle opportunità e se saremo pronti a coglierle potrebbero fare la differenza. Da parte nostra al momento siamo concentrati sul cercare di sfruttare al meglio il potenziale che abbiamo, è questo il nostro obiettivo, se poi riusciremo a raggiungere chi ci precede lo prenderò come un ‘bonus’, perché al momento non è un target facile”.

Quest’anno non siete stati in grado di lottare per la vittoria, ma al di là di questo aspetto, come valuti i tuoi progressi come pilota includendo anche il rapporto di lavoro con la squadra?
“Sono contento e soddisfatto dei progressi che ho confermato dall’inizio della stagione, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle gomme in gara, che era stato uno dei miei punti deboli lo scorso anno. Ho lavorato molto su questo fronte e ora i risultati stanno confermando che la strada presa è corretta. Sul fronte dei rapporti con la squadra credo che nei momenti più difficili ci si ritrovi tutti più vicini, soprattutto con le persone che lavorano direttamente con te, ed è ciò che sta accadendo. Stiamo cercando di aiutare la squadra a tornare dove merita e dove tutti noi vogliamo essere, e spero che questa rincorsa possa essere il più breve possibile”.

Spesso quando i piloti si guardano alle spalle, per giudicare il loro passato, parlano delle stagioni più difficili come dei passaggi chiave in termini di crescita ed apprendimento. È davvero così o è solo un modo per mettere da parte la frustrazione per non aver ottenuto i risultati sperati?
“Sappiamo che la nostra monoposto è più debole del previsto, e non posso sapere come sarebbe stata la mia crescita se avessi avuto a disposizione una macchina più competitiva. Quello che so è che sono un pilota migliore, nelle difficoltà a volte ho trovato una grande determinazione, concentrandomi su me stesso, cercando di migliorare, anche sapendo che non c’era un podio per cui lottare, o una vittoria da raggiungere".

"Stiamo lottando per posizioni più basse, ma alla fine per me è comunque un passaggio importante, anche in termini di… pazienza, perché in passato non ero molto forte su questo fronte. Mi sento migliorato, sicuramente sono un pilota più forte rispetto all'inizio della stagione. È una crescita legata alla situazione in cui ci troviamo in questo momento? Non ne sono sicuro, ed è impossibile saperlo”.

condivisioni
commenti
Red Bull: nuovo slot e diverso... polmone nella bandella
Articolo precedente

Red Bull: nuovo slot e diverso... polmone nella bandella

Prossimo Articolo

F1: il GP del Brasile rimarrà a Interlagos almeno sino al 2025

F1: il GP del Brasile rimarrà a Interlagos almeno sino al 2025
Carica commenti
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021