La Mongolia chiede alla FIA un'azione contro Verstappen

Lundeg Purevsure, ambasciatore mongolo dell'ONU ha scritto alla Red Bull per i commenti "razzisti e dispregiativi" di Max Verstappen durante il GP del Portogallo di Formula 1.

La Mongolia chiede alla FIA un'azione contro Verstappen

Dopo un contatto con Lance Stroll, avvenuto durante la seconda sessione di prove libere disputata sul circuito di Portimao, Verstappen ha espresso alla radio il suo disappunto per l'incidente.

Prlando con il suo ingegnere, Verstappen ha detto: "Ma questo str... è cieco? Che c... di problemi ha? Cristo santo, che ritardato! Ho dei danni, che mongolo!".

Nella giornata di venerdì, durante la conferenza che ha aperto il weekend di Imola, Verstappen ha ammesso che le sue parole quelle giuste e che non aveva intenzione di offendere nessuno, ma questo non è bastato, perché il gruppo Mongol Identity ha diffuso una lettera aperta, chiedendo delle scuse vere e proprie al pilota olandese.

Il governo mongolo ha anche inviato una lettera a Dietrich Mateschitz, CEO della Red Bull, ed una a Tobias Moers, CEO della Aston Martin, title sponsor del team, per esprimente il suo disappunto per le parole di Verstappen.

Leggi anche:

In quella lettera, Purevsuren - che è anche l'ambasciatore della Mongolia alle Nazioni Unite - ha dichiarato di essere fiducioso che la FIA intraprenderà ulteriori azioni contro Verstappen.

"Mi rammarico per l'uso di un linguaggio razzista ed immorale da parte del pilota della Red Bull, Max Verstappen, durante le prove libere del Gran Premio del Portogallo del Campionato del Mondo di Formula 1, lo scorso 23 ottobre 2020", si legge nella lettera di Purevsuren.

"Lo sport è considerato un simbolo di unità in tutto il mondo e credo che non ci debba essere alcuna forma di discriminazione razziale in esso".

"Sostengo l'iniziativa 'We race as One' che la Formula 1 ha avviato contro il razzismo. Ma con quello che è successo in questo caso, dubito che questa iniziativa corrisponda alla realtà".

"Sono fiducioso che, al fine di prevenire il ripetersi di tali comportamenti non etici nello sport, la Federazione Internazionale dell'Automobile (FIA) prenderà provvedimenti contro Max Verstappen per il suo comportamento inaccettabile e per il suo ripetuto linguaggio razzista e dispregiativo contro qualsiasi gruppo etnico".

Il team principal Christian Horner ha detto alla BBC di non approvare la scelta linguistica di Verstappen e di averne parlato a Max internamente al team.

"Max non intendeva offendere" ha detto Horner. "Quelle cose sono state dette nella foga del momento, quando le emozioni erano a caldo".

condivisioni
commenti

Video correlati

Wolff: "La F1 anti-COVID finora è stata esemplare"

Articolo precedente

Wolff: "La F1 anti-COVID finora è stata esemplare"

Prossimo Articolo

Strategie Imola: una sola sosta per la pit lane molto lunga

Strategie Imola: una sola sosta per la pit lane molto lunga
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021