Hamilton: "Avrei fatto la stessa cosa di Vettel, ma non cambio opinione"

Il pilota della Mercedes ha ammesso con grande onestà che nella situazione di Vettel anche lui sarebbe andato a chiudere lo spazio all'avversario, ma resta convinto che fosse una manovra da sanzionare. Ma ammette anche che sarebbe stato difficile superare Seb.

Hamilton: "Avrei fatto la stessa cosa di Vettel, ma non cambio opinione"

Quello di Montreal è stato un successo molto importante per Lewis Hamilton. La vittoria numero 78 della carriera è arrivata in un weekend in cui riuscire a mettere le mani sul massimo bottino di tappa non era per nulla scontato. Ma è in queste situazioni che Hamilton si esalta ancora di più, e lo conferma anche il margine su Valtteri Bottas, tornato per la prima volta in questa stagione sui margini del 2018. Alla fine Lewis è riuscito a salire sul gradino più alto di un podio che ha mancato il compagno di squadra, e questo è un valore doppio in chiave Mondiale.

Dopo la gara Hamilton ha fatto il punto sul weekend andando anche oltre, invocando una Formula 1 più umana e combattuta, e scagionando Vettel per quanto fatto. Il tutto, però, con la certezza di aver fatto sua la vittoria che lo ha portato a +29 su Bottas nella classifica di campionato, ovvero più di una gara di margine. Una situazione che aiuta anche ad essere generosi con chi dalla domenica di Montreal ha avuto meno, ad iniziare da Sebastian Vettel e dal ‘fattaccio’ del weekend canadese.

"Ho visto i replay – ha attaccato Lewis - e si vede chiaramente quanto fossimo vicini. Quello che posso dire è che se mi fossi trovato in testa alla corsa ed avessi commesso un errore (come accaduto a Vettel) probabilmente avrei fatto la stessa cosa. Sono istanti in cui tutto accade molto in fretta, e credo che un pilota cerchi solo di mantenere la sua posizione, quando dico che avrei fatto la stessa cosa, intendo dire che avrei stretto la traiettoria".

 

"Seb ha disputato una grande gara, e a parte la piccola escursione fuori pista ha fatto un ottimo lavoro, così come la Ferrari che si è confermata molto forte per tutto il weekend. Siamo stati molto, molto fortunati ad essere in battaglia con loro, perché avrebbero potuto chiudere la trasferta con una doppietta se, ad esempio, fossero partiti con entrambi i loro piloti dalla prima fila. Ma fortunatamente sono stato in grado di fermarli".

Quando è accaduto l’episodio incriminato hai subito comunicato alla squadra che Seb dopo l’escursione era rientrato in pista in modo pericoloso. Dopo aver visto i video sei ancora dello stesso parere?
"Di solito il primo istinto è quello giusto, dopo aver visto il replay ho dato un'occhiata ai miei dati constatando che ho dovuto frenare all'uscita della curva 4. Si era creata una situazione di pericolo, e se non l'avessi fatto, ci saremmo schiantati. Non mi sento di aver cambiato opinione".

Pensi di aver pressato Vettel fino a portarlo all’errore?
"Non mi interessa avere un merito in questo senso, non ho bisogno di questo per essere felice. Credo di aver fatto un ottimo lavoro questo fine settimana, non ho lasciato nulla per strada, a parte non essere riuscito a conquistare la pole position. Non sono perfetto, ma non commettevo errori da parecchio tempo. Credo di aver disputato delle belle gare, con velocità e costanza, e anche nei weekend in cui non abbiamo avuto la monoposto migliore, sono comunque stato in grado lottare per le primissime posizioni. Il mio obiettivo in un weekend di gara è quello di fare il meglio che posso per la squadra, estrarre il massimo da ciò che ho a disposizione. Mio padre diceva che il mio primo go-kart era un letto a baldacchino, perché era un go-kart di quinta mano, ma gli piaceva sempre pensare che fossi in grado di metterci del mio, di tirare fuori qualcosa che magari un altro ragazzo non sarebbe riuscito a fare. Mi sento bene nei fine settimana come questo, dove credo di essere riuscito a dare qualcosa in più, quando lasci la pista sapendo di aver preso tutto il possibile".

Come giudichi l’opinione di chi sostiene che nelle ultime stagioni la differenza tra te e Seb sia stata proprio il numero di errori commessi?
"Non mi piace confrontare il mio rendimento a quello di altri piloti. Sono molto orgoglioso del mio lavoro e in particolare del mio curriculum, così come del non commettere molti errori. Sono riuscito a crescere arrivando a un rendimento che reputo molto buono nell’arco dei weekend di gara, ho avuto un piccolo inconveniente venerdì, ma sono stato in grado di riprendere la pista sabato senza ripercussioni. Ci sono 21 gare in calendario, ogni singolo punto conta. La velocità è un elemento ovviamente importante, ma per far crescere il tuo valore e la tua qualità devi essere in grado di lavorare a tutto tondo, cercando di tirar fuori qualcosa che non tutti riescono a trovare".

Leggi anche:

Ti è piaciuto trovarti con Seb davanti a tutti a lottare per la vittoria?
"Sapete già che amo combattere con la Ferrari. Onestamente all'inizio del primo stint ho visto che erano molto veloci, e ho fatto fatica a tenere il passo. Ma sono comunque riuscito a restare in contatto, arrivando in scia a Seb alla fine del primo stint. Poi con le gomme hard ho subito trovato un ritmo molto buono, e mi son detto ‘okay, andiamo a giocarcela’, e…mi piace quando mi trovo in queste situazioni. Amo battagliare, ci sono momenti in guidi in solitudine, nella terra di nessuno, e devi solo mantenere la posizione. Spero che chi vara le regole trovi un modo per avere più macchine e più piloti in lotta per la vittoria, se avessimo avuto Valtteri, Max e Daniel tutti vicini in lotta per la prima posizione, sarebbe ancora meglio. Ma su questa pista è ancora molto complesso superare, nonostante i lunghi rettilinei e il DRS. Ci sono spazi per migliorare le corse, di sicuro, e speriamo che nel 2021 ci riescano".

Stupito dal rendimento della power unit Ferrari?
"In qualifica abbiamo visto che possono di colpo trovare dai tre ai sei decimi sui rettilinei, ed anche in gara quando serve sono in grado di allungare sul dritto. Hanno chiaramente fatto un ottimo lavoro con il loro motore, c’è stato in passato un momento in cui Mercedes era avanti a tutti su questo fronte, ma oggi sono loro ad essere il riferimento".

La maggior parte delle persone è rimasta delusa dall’esito della gara. Credi che non sia stato un gran giorno per la Formula 1?
"Forse erano dei fan della Ferrari!".

Credi che senza la penalità inflitta a Seb saresti stato in grado di superarlo?
"Non sarebbe stato semplice, forse avrei potuto provare nei giri finali, quando ha alzato il ritmo. In quel frangente ero più veloce, ma anche dopo essere stato informato dei cinque secondi di penalità di Seb, ho provato comunque a spingere fino alla fine. Come ho detto, erano troppo veloci sui rettilinei, come io lo ero nei tratti lenti, ma in generale non credo che sarebbe stato semplice provare e riuscire a piazzare un sorpasso".

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, festeggia con il suo compagno di squadra sul podio
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, festeggia con il suo compagno di squadra sul podio
1/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, esce dalla sua auto al Parc Ferme
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, esce dalla sua auto al Parc Ferme
2/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, da la mano a Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, dopo la gara
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, da la mano a Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, dopo la gara
3/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari, terza posizione, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, sul podio
Charles Leclerc, Ferrari, terza posizione, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, sul podio
4/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia dietro il podio con il trofeo
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia dietro il podio con il trofeo
5/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 festeggia con il suo team al Parc Ferme
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10 festeggia con il suo team al Parc Ferme
6/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia sul podio con il trofeo
7/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Charles Leclerc, Ferrari alla conferenza stampa
Sebastian Vettel, Ferrari, Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 e Charles Leclerc, Ferrari alla conferenza stampa
8/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, sul podio
Sebastian Vettel, Ferrari, seconda posizione, e Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, sul podio
9/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, prima posizione, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme
10/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
11/20

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, passa alla sua pit board
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, passa alla sua pit board
12/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
13/20

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
14/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
15/20

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, Daniel Ricciardo, Renault R.S.19, Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, Nico Hulkenberg, Renault R.S. 19,e il resto delle auto all'inizio della gara
Sebastian Vettel, Ferrari SF90, precede Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, Charles Leclerc, Ferrari SF90, Daniel Ricciardo, Renault R.S.19, Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, Nico Hulkenberg, Renault R.S. 19,e il resto delle auto all'inizio della gara
16/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, prima posizione, prende la bandiera a scacchi
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10, prima posizione, prende la bandiera a scacchi
17/20

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
18/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 lotta con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Sebastian Vettel, Ferrari SF90 lotta con Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
19/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W10
20/20

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Vettel: un altro errore comporta una penalità. Gara persa per "colpa" sua?
Articolo precedente

Vettel: un altro errore comporta una penalità. Gara persa per "colpa" sua?

Prossimo Articolo

Rosberg: "Penalità giustissima a Vettel. E' tornato in pista in maniera non sicura!"

Rosberg: "Penalità giustissima a Vettel. E' tornato in pista in maniera non sicura!"
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021