Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP d'Austria

F1 | RB cerca risposte ai problemi: in FP1 con 2 pacchetti diversi

La RB affronterà la prima sessione di prove libere con un programma di confronto tra due differenti configurazioni sulle vetture di Tsunoda e Ricciardo, in modo da avere indicazioni più precise sul perché le novità portate a Barcellona abbiano funzionato a livello di dati, ma senza restituire le performance sperate in pista.

RB F1 Team VCARB 01 dettaglio tecnico

Da alcune squadre ci si aspettava di più a Barcellona, tra cui la Racing Bulls. La squadra faentina, infatti, proveniva da una striscia positiva di quattro gare consecutive a punti, in cui aveva convinto anche sul piano del passo ponendosi spesso come il riferimento della midfield.

Tuttavia, a Barcellona la Racing Bulls è incappata in uno dei weekend più difficili della stagione, con un quindicesimo e un diciannovesimo posto che non hanno lasciato il sorriso, dato anche il distacco dalla top ten. Una battuta d’arresto davvero inaspettata, anche perché il team arrivava in terra catalana con altro pacchetto di novità tecniche per incrementare ulteriormente le prestazioni della vettura.

Tuttavia, qualcosa non ha funzionato già dal venerdì, giorno in cui è stato testato in pista l’elaborato pacchetto che comprendeva una nuova ala posteriore, fiancate riviste e un fondo modificato. La nuova ala posteriore avrebbe dovuto rappresentare una soluzione intermedia per le piste di alto-medio carico, ma è stata accantonata dopo le prime prove libere a causa di un problema al sistema di attivazione del DRS che il team non ha potuto risolvere nel poco tempo a disposizione in pista prima del Parc Fermé.

Ala posteriore RB F1 Team VCARB 01

Ala posteriore RB F1 Team VCARB 01

Foto di: Giorgio Piola

Parlando del piano per il Gran Premio d’Austria, Ricciardo ha spiegato che la squadra utilizzerà le libere per esplorare nuovamente l’efficacia delle parti introdotte a Barcellona, in una sorta di confronto tra le ultime novità e qualche elemento con più gare alle spalle di cui si hanno ormai riferimenti conosciuti. In breve, Ricciardo dovrebbe utilizzare una manciata di parti dal round spagnolo, mentre Tsunoda ne utilizzerà altre a titolo di confronto, mescolate con una serie di nuovi pezzi in programma per il round austriaco, i quali riguardano principalmente delle modifiche ai brake duct posteriori per migliorare la gestione del flusso d’aria.

"Ci sono ancora alcuni punti interrogativi. Ma siamo convinti che l'aggiornamento sia stato un flop? No, non lo siamo", ha detto il pilota australiano.

"Io e Yuki partiremo con configurazioni diverse. È una combinazione di tutto e perché stiamo ancora cercando di capire il nuovo pacchetto. Partiremo con specifiche diverse venerdì mattina e speriamo di imparare qualcosa dalle prove, per poi arrivare a un punto di incontro per le qualifiche della sprint".

"Ma sì, non stiamo ancora buttando nulla nel cestino. Non ci sono ancora conclusioni definitive. È un po' più difficile in un weekend di sprint, ma dobbiamo continuare a lavorare", ha aggiunto Ricciardo, che giustamente ha sottolineato quanto sia fondamentale fare questo tipo di lavoro di confronto, ma anche quanto sia complesso farlo nei weekend sprint, dove vi è una sola sessione di prove libere a disposizione prima delle qualifiche.

Daniel Ricciardo, RB F1 Team VCARB 01

Daniel Ricciardo, RB F1 Team VCARB 01

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

"È un po' un mix. C'è sicuramente qualche pezzo vecchio, ma ci sono anche alcuni pezzi nuovi, credo, di cui entrambi avremo qualche novità".

Tsunoda ha rivelato che i dati del Gran Premio di Spagna hanno mostrato al team ciò che si aspettava di vedere dalle nuove parti in termini di puri e meri dati aerodinamici, ma in definitiva non sono stati in grado di spiegare la mancanza di prestazioni. Per tutto il weekend, infatti, il team ha sofferto la mancanza di prestazioni nelle curve veloci, ma anche una strana carenza di carico al posteriore che portava il retrotreno a scivolare in continuazione.

"Spero di avere una spiegazione chiara entro questa settimana sul perché non siamo andati bene in Spagna e sul perché le prestazioni sono diverse dai dati, ma ovviamente il team sta studiando a fondo il problema", ha detto il pilota giapponese.

"Vediamo ancora quello che volevamo vedere nei dati dopo la gara, ma in qualche modo non sta funzionando bene. Abbiamo visto un paio di cose che potrebbero causare il problema, ma non c'è ancora una risposta chiara, quindi è un po' un mistero per noi e ovviamente un paio di cose che avremmo potuto fare meglio a livello di set-up o altro. Ma non si spiega comunque perché abbiamo perso così tanto rispetto alle gare precedenti", ha aggiunto Tsunoda.

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Cardile va in Aston Martin, Vasseur ridisegna la Ferrari
Prossimo Articolo F1 | Red Bull Ring, Libere 1: Verstappen davanti a Piastri e Leclerc

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia