Ferrari: ecco perché la coperta di Imola è molto corta

Charles Leclerc è settimo in griglia con la SF1000, ma solo a poco più di un decimo dall'AlphaTauri di Pierre Gasly, quarta. La Scuderia può ambire a confermare il risultato del monegasco in Portogallo, oppure si dovrà rassegnare a vedere davanti anche Ricciardo e Albon? La Rossa fatica a mandare in temperatura le gomme per mancanza di carico aerodinamico, ma se aumenta l'incidenza delle ali è troppo lenta in rettilineo e non può fare i sorpassi.

Ferrari: ecco perché la coperta di Imola è molto corta

È il gatto che si morde la coda. La Ferrari ha provato a presentarsi a Imola con una configurazione aerodinamica piuttosto scarica nel tentativo di compensare con una minore resistenza all’avanzamento la mancanza di cavalli della power unit del Cavallino, ma ha accusato una carenza di carico aerodinamico.

Basta guardare le immagini di Giorgio Piola per vedere che sulla SF1000 di Charles Leclerc si è cercato di limitare i danni nel T1 dell’Enzo e Dino Ferrari, nella consapevolezza che le cose sarebbero andate meglio negli altri tratti della pista emiliana.

Ferrari SF1000: ecco l'ala posteriore sollevata per Imola

Ferrari SF1000: ecco l'ala posteriore sollevata per Imola

Photo by: Giorgio Piola

Il profilo principale dell’ala posteriore rispetto a Portimao è stato sensibilmente sollevato, avendo una corda minore (le frecce sulla paratia laterale mostrano quanto fosse ancorato più in basso in Algarve), mentre all’anteriore, sotto, è stato mantenuto l’ultimo flap tagliato che si era già osservato in Portogallo.

L'ala anteriore scarica della Ferrari SF1000 al GP dell'Emilia-Romagna

L'ala anteriore scarica della Ferrari SF1000 al GP dell'Emilia-Romagna

Photo by: Giorgio Piola

Nell’unico turno di prove libere Leclerc si è lamentato dell’endemico sottosterzo e si è provveduto a caricare la sua Rossa, tant’è che Charles in qualifica ha raggiunto una velocità massima di 293,6 km/h che valeva il 13esimo posto alla Speed Trap, mentre Sebastian Vettel è arrivato a 296,1 km/h risultando quinto subito dietro alle due Mercedes e alla due Renault.

Ma volutamente evitiamo il confronto diretto con Mercedes e Red Bull (quella di Max Verstappen) che sono oggettivamente fuori portata per la Rossa del monegasco, e limitiamo quindi l’analisi alle monoposto che precedono Charles nella sfida per l’ipotetico quarto posto che oggi rappresenta il miglior target del Cavallino rampante.

Su un tracciato nel quale si gira a una media di oltre 240 km/h è normale che la power unit abbia il suo peso nella prestazione globale. E basta guardare dove sono gli altri motorizzati Ferrari per farsi una ragione della prestazione di Charle Leclerc: Sebastian Vettel (Ferrari) 14esimo, Romain Grosjean (Haas) 16esimo, Kevin Magnussen (Haas) 17esimo, Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) 18esimo e Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) 20esimo. Più chiaro di così...

Il fatto che lo 065/2 sia la power unit più sgonfia del Circus non è più una novità per nessuno, ma c’è da chiedersi se abbia trovato la cofigurazione migliore a Imola perché Leclerc è arrivato ad appena 114 millesimi dal quarto posto dello strepitoso Pierre Gasly con l’AlphaTauri. E' vero che il transalpino ha potuto beneficiare di un filming day effettuato in riva al Santerno, portando a casa dati preziosi per una buona simulazione del GP dell'Emilia Romagna.

Peccato che fra la AT01 del francese e la SF1000 del monegasco si siano infilati anche Daniel Ricciardo, quinto con la Renault con un margine di 96 millesimi dalla Rossa, e Alexander Albon, sesto con la Red Bull appena 44 millesimi davanti alla SF1000.

Il piazzamento di Charles al settimo posto è deludente perché non sarà facile per il ferrarista avere ragione, eventualmente, di questi avversari su una pista dove il sorpasso è tutt’altro che facile per una carreggiata parecchio stretta.

Ma Imola è una pista sulla quale si deve trovare un setup di compromesso fra il T1 che è velocissimo e il resto più guidato e quasi sicuramente la Ferrari non ha trovato il giusto equilibrio.

Leclerc per la mancanza di carico aerodinamico ha fatto fatica a mandare in temperatura le gomme anteriori e, quindi, ha avuto per le mani una Rossa meno probante di quanto si è visto in Algarve, per quanto le differenze siano state relativamente piccole: rispetto a Gasly, per esempio, il giovane ferrarista ha pagato 161 millesimi nel T1 e 125 millesimi nel T2, recuperandone 100 nel T3.

La Rossa paga il drag (resistenza all’avanzamento) del corpo vettura e la carenza di cavalli: se si cerca di scaricare le ali per cercare le velocità massime le gomme non entrano nella giusta finestra di utilizzo, mentre se si cerca più spinta verticale diventa impossibile avere la prestazione per effettuare dei sorpassi.

E all’Enzo e Dino Ferrari la coperta è sembrata terribilmente corta, tanto che i due piloti in Q2 hanno dovuto rinunciare al tentativo di passare il taglio con le gomme medie come è riuscito a Mercedes e Verstappen. Quanto era riuscito brillantemente in Portogallo non ha funzionato a Imola...

Toccherà al ragazzo cercare di fare una buona partenza perché poi il passo gara mostrato nel turno di libere non era così male.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nel parco chiuso
Charles Leclerc, Ferrari nel parco chiuso
9/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Alla frontale della vettura di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Alla frontale della vettura di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
11/12

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
12/12

Foto di: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Gasly: "Il 4° tempo? Merito anche del filming day"

Articolo precedente

Gasly: "Il 4° tempo? Merito anche del filming day"

Prossimo Articolo

Mekies: "Ferrari, si poteva fare meglio a Imola"

Mekies: "Ferrari, si poteva fare meglio a Imola"
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021