Ferrari: ecco perché la coperta di Imola è molto corta

Charles Leclerc è settimo in griglia con la SF1000, ma solo a poco più di un decimo dall'AlphaTauri di Pierre Gasly, quarta. La Scuderia può ambire a confermare il risultato del monegasco in Portogallo, oppure si dovrà rassegnare a vedere davanti anche Ricciardo e Albon? La Rossa fatica a mandare in temperatura le gomme per mancanza di carico aerodinamico, ma se aumenta l'incidenza delle ali è troppo lenta in rettilineo e non può fare i sorpassi.

Ferrari: ecco perché la coperta di Imola è molto corta

È il gatto che si morde la coda. La Ferrari ha provato a presentarsi a Imola con una configurazione aerodinamica piuttosto scarica nel tentativo di compensare con una minore resistenza all’avanzamento la mancanza di cavalli della power unit del Cavallino, ma ha accusato una carenza di carico aerodinamico.

Basta guardare le immagini di Giorgio Piola per vedere che sulla SF1000 di Charles Leclerc si è cercato di limitare i danni nel T1 dell’Enzo e Dino Ferrari, nella consapevolezza che le cose sarebbero andate meglio negli altri tratti della pista emiliana.

Ferrari SF1000: ecco l'ala posteriore sollevata per Imola

Ferrari SF1000: ecco l'ala posteriore sollevata per Imola

Photo by: Giorgio Piola

Il profilo principale dell’ala posteriore rispetto a Portimao è stato sensibilmente sollevato, avendo una corda minore (le frecce sulla paratia laterale mostrano quanto fosse ancorato più in basso in Algarve), mentre all’anteriore, sotto, è stato mantenuto l’ultimo flap tagliato che si era già osservato in Portogallo.

L'ala anteriore scarica della Ferrari SF1000 al GP dell'Emilia-Romagna

L'ala anteriore scarica della Ferrari SF1000 al GP dell'Emilia-Romagna

Photo by: Giorgio Piola

Nell’unico turno di prove libere Leclerc si è lamentato dell’endemico sottosterzo e si è provveduto a caricare la sua Rossa, tant’è che Charles in qualifica ha raggiunto una velocità massima di 293,6 km/h che valeva il 13esimo posto alla Speed Trap, mentre Sebastian Vettel è arrivato a 296,1 km/h risultando quinto subito dietro alle due Mercedes e alla due Renault.

Ma volutamente evitiamo il confronto diretto con Mercedes e Red Bull (quella di Max Verstappen) che sono oggettivamente fuori portata per la Rossa del monegasco, e limitiamo quindi l’analisi alle monoposto che precedono Charles nella sfida per l’ipotetico quarto posto che oggi rappresenta il miglior target del Cavallino rampante.

Su un tracciato nel quale si gira a una media di oltre 240 km/h è normale che la power unit abbia il suo peso nella prestazione globale. E basta guardare dove sono gli altri motorizzati Ferrari per farsi una ragione della prestazione di Charle Leclerc: Sebastian Vettel (Ferrari) 14esimo, Romain Grosjean (Haas) 16esimo, Kevin Magnussen (Haas) 17esimo, Kimi Raikkonen (Alfa Romeo) 18esimo e Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) 20esimo. Più chiaro di così...

Il fatto che lo 065/2 sia la power unit più sgonfia del Circus non è più una novità per nessuno, ma c’è da chiedersi se abbia trovato la cofigurazione migliore a Imola perché Leclerc è arrivato ad appena 114 millesimi dal quarto posto dello strepitoso Pierre Gasly con l’AlphaTauri. E' vero che il transalpino ha potuto beneficiare di un filming day effettuato in riva al Santerno, portando a casa dati preziosi per una buona simulazione del GP dell'Emilia Romagna.

Peccato che fra la AT01 del francese e la SF1000 del monegasco si siano infilati anche Daniel Ricciardo, quinto con la Renault con un margine di 96 millesimi dalla Rossa, e Alexander Albon, sesto con la Red Bull appena 44 millesimi davanti alla SF1000.

Il piazzamento di Charles al settimo posto è deludente perché non sarà facile per il ferrarista avere ragione, eventualmente, di questi avversari su una pista dove il sorpasso è tutt’altro che facile per una carreggiata parecchio stretta.

Ma Imola è una pista sulla quale si deve trovare un setup di compromesso fra il T1 che è velocissimo e il resto più guidato e quasi sicuramente la Ferrari non ha trovato il giusto equilibrio.

Leclerc per la mancanza di carico aerodinamico ha fatto fatica a mandare in temperatura le gomme anteriori e, quindi, ha avuto per le mani una Rossa meno probante di quanto si è visto in Algarve, per quanto le differenze siano state relativamente piccole: rispetto a Gasly, per esempio, il giovane ferrarista ha pagato 161 millesimi nel T1 e 125 millesimi nel T2, recuperandone 100 nel T3.

La Rossa paga il drag (resistenza all’avanzamento) del corpo vettura e la carenza di cavalli: se si cerca di scaricare le ali per cercare le velocità massime le gomme non entrano nella giusta finestra di utilizzo, mentre se si cerca più spinta verticale diventa impossibile avere la prestazione per effettuare dei sorpassi.

E all’Enzo e Dino Ferrari la coperta è sembrata terribilmente corta, tanto che i due piloti in Q2 hanno dovuto rinunciare al tentativo di passare il taglio con le gomme medie come è riuscito a Mercedes e Verstappen. Quanto era riuscito brillantemente in Portogallo non ha funzionato a Imola...

Toccherà al ragazzo cercare di fare una buona partenza perché poi il passo gara mostrato nel turno di libere non era così male.

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000, Charles Leclerc, Ferrari SF1000
1/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
2/12

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
3/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari SF1000
Charles Leclerc, Ferrari SF1000
4/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
5/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
6/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
7/12

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
8/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Charles Leclerc, Ferrari nel parco chiuso
Charles Leclerc, Ferrari nel parco chiuso
9/12

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Alla frontale della vettura di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
Alla frontale della vettura di Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
10/12

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
11/12

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
Ferrari SF1000, dettaglio tecnico
12/12

Foto di: Giorgio Piola

condivisioni
commenti
Gasly: "Il 4° tempo? Merito anche del filming day"
Articolo precedente

Gasly: "Il 4° tempo? Merito anche del filming day"

Prossimo Articolo

Mekies: "Ferrari, si poteva fare meglio a Imola"

Mekies: "Ferrari, si poteva fare meglio a Imola"
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021