Formula 1
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
47 giorni
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
Prossimo evento tra
54 giorni
02 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
68 giorni
G
GP della Cina
16 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
82 giorni
30 apr
-
03 mag
Prossimo evento tra
96 giorni
07 mag
-
10 mag
Prossimo evento tra
103 giorni
21 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
117 giorni
G
GP d'Azerbaijan
04 giu
-
07 giu
Prossimo evento tra
131 giorni
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
Prossimo evento tra
138 giorni
G
GP di Francia
25 giu
-
28 giu
Prossimo evento tra
152 giorni
02 lug
-
05 lug
Prossimo evento tra
159 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
173 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
Prossimo evento tra
187 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
Prossimo evento tra
215 giorni
03 set
-
06 set
Prossimo evento tra
222 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
Prossimo evento tra
236 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
243 giorni
G
GP del Giappone
08 ott
-
11 ott
Prossimo evento tra
257 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
271 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
278 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
292 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
306 giorni

Ferrari: c'è un'inversione di tendenza sugli sviluppi

condivisioni
commenti
Ferrari: c'è un'inversione di tendenza sugli sviluppi
Di:
24 set 2019, 09:29

Negli ultimi anni le Rosse erano solite essere competitive nella prima parte del campionato, per poi perdersi dall'estate in poi con sviluppi incapaci di reggere il passo di Mercedes (e Red Bull). La SF90, invece, è partita zoppicando, ma sta venendo fuori alla distanza...

C’è un’inversione di tendenza: negli ultimi anni abbiamo assistito a una Ferrari che partiva forte e poi, puntualmente, si perdeva nel corso della stagione, portando degli sviluppi in pista che non reggevano il passo con la Mercedes (e anche con la Red Bull).

Ora stiamo assistendo a un ribaltamento dello scenario, con la Rossa che dal ritorno delle vacanze estive ha infilato una tripletta clamorosa. Se le vittorie di Spa e Monza erano attese come le salvatrici di un campionato difficile, nel quale la SF90 ha patito più del previsto per una scelta di progetto orientata in modo estremo verso l’efficienza aerodinamica, a scapito del carico aerodinamico.

La semplificazione delle regole aerodinamiche ha portato alla definizione di concetti completamente diversi.

La Ferrari ha pagato a caro prezzo la teoria dell’outwash, vale a dire l’orientamento dei flussi generati dall’ala anteriore all’esterno della ruota e per riuscirci ha montato profili molto scarichi che non hanno facilitato l’innesco della temperatura delle gomme anteriori,

mentre la Mercedes ha preferito l’inwash, facendo lavorare in modo particolare i vortici all’interno con flap più carichi, in grado di dare più spinta verticale al treno anteriore.

Alla resa dei conti non c’è stata la prevalenza di un’idea sull’altra, quanto la convergenza fra le due soluzioni in un mix curioso che ha portato gli uni e gli altri a copiare concetti della concorrenza. La SF90, più che una macchina sbagliata, è parsa un’incompiuta, almeno fino al debutto a Singapore del pacchetto aerodinamico da alto carico.

La Rossa, aggiustato l’abito, ha trovato quella prestazione che si era vista a tratti nella prima parte della stagione. Va riconosciuto a Mattia Binotto di aver insistito nel volere sviluppare una macchina che altri avrebbero abbandonato a metà estate.

Il team principal, quando prendeva una batosta dopo l’altra, sembrava matto quando prometteva una Ferrari più competitiva più avanti nel Campionato. Era il momento in cui la Mercedes ha infilato otto doppiette in fila e alla squadra di Maranello non ne andava bene una.

Ora lo scenario pare cambiato, perché a un’indiscutibile supremazia di motore, i tecnici Mercedes sembrano arrivati a un’involuzione della power unit Phase 3, è arrivata una risposta forte anche in materia di telaio e aerodinamica, tanto che le gomme Pirelli sembrano funzionare anche sulla SF90.

Non aspettiamoci il poker a Sochi, perché quel terzo tratto della pista russa non si addice alla Rossa, ma è indubbio che l’inversione di tendenza è sotto gli occhi di tutti: la Ferrari non ha chiuso il suo ciclo di successi a Marina Bay, ma Charles Leclerc e Sebastian Vettel avranno altre occasioni per salire sul podio da qui ad Abu Dhabi, mettendo le basi a un 2020 che si profila meno complicato di quanto sembrasse…

Scorrimento
Lista

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme
1/11

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Ferrari SF90, dettaglio della sospensione anteriore

Ferrari SF90, dettaglio della sospensione anteriore
2/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, confronto dell'ala anteriore

Ferrari SF90, confronto dell'ala anteriore
3/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala posteriore

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala posteriore
4/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio del musetto

Ferrari SF90, dettaglio del musetto
5/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio del freno

Ferrari SF90, dettaglio del freno
6/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio del cockpit

Ferrari SF90, dettaglio del cockpit
7/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore

Ferrari SF90, dettaglio dell'ala anteriore
8/11

Foto di: Giorgio Piola

Ferrari SF90, vista di lato

Ferrari SF90, vista di lato
9/11

Foto di: Giorgio Piola

Charles Leclerc, Ferrari SF90, lascia il garage

Charles Leclerc, Ferrari SF90, lascia il garage
10/11

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Meccanici della Ferrari con l'auto di Sebastian Vettel, Ferrari SF90
11/11

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali

Articolo precedente

Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali

Prossimo Articolo

Wolff: "Non sono stati gli aggiornamenti a fare forti le Ferrari"

Wolff: "Non sono stati gli aggiornamenti a fare forti le Ferrari"
Carica commenti