Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia

F1 | Budget cap: l'inserimento del congedo di maternità fa discutere

La proposta di includere il congedo di maternità nel budget cap della Formula 1 è emersa come uno degli elementi più controversi della nuova proposta di portare il limite a 220 milioni di dollari per il 2026.

Meccanici in griglia con Lando Norris, McLaren MCL38

Nell'ambito degli sforzi in corso per definire un nuovo Patto della Concordia, con i documenti che sono stati recentemente distribuiti alle squadre, sono iniziati i colloqui su come il budget cap si inserirà nel quadro generale.

L'attuale sistema, che prevede un limite di 135 milioni di dollari fino al 2026, sembra funzionare al meglio nonostante le polemiche sulla violazione delle spese della Red Bull.

Tuttavia, ci sono stati problemi relativi alla sua portata, con la Williams che ha guidato con successo una spinta per aumentare i limiti di spesa per le squadre di minor successo.

Nell'ambito delle discussioni sul nuovo Patto della Concordia per il 2026, sembra che ci sarà un approccio rivisto in cui, in cambio dell'aumento del limite a 220 milioni di dollari, verrà incluso un numero maggiore di spese nel budget cap e verrà ridotto l'elenco delle esenzioni.

Così, ad esempio, alcuni dei limiti alle spese di capitale esternei saranno rimossi e confluiranno nel tetto di spesa complessivo più grande, per dare alle squadre una maggiore opportunità di investire lì, se lo desiderano.

Tuttavia, Motorsport.com ha appreso che una delle principali seccature emerse dalla prima proposta del budget cap 2026 è lo spostamento di alcune precedenti esenzioni relative al personale nel suo ambito.

Aston Martin team photo

Aston Martin team photo

Photo by: Zak Mauger / Motorsport Images

In particolare, l'inclusione del congedo di maternità ha suscitato un certo allarme per la preoccupazione che, essendo i team così concentrati sull'esigenza di non sprecare denaro che potrebbe essere destinato alle prestazioni delle vetture, possa scoraggiare i concorrenti dal voler assumere donne.

Questo perché, se il personale prendesse un congedo di maternità retribuito, i team dovrebbero assumere dei sostituti nel frattempo, con conseguenti costi aggiuntivi.

le preoccupazioni per l'inclusione delle esenzioni di cui sopra nel budget sono tali che quasi certamente verranno spostate al di fuori del suo campo di applicazione, mentre i gruppi di lavoro spingono per apportare modifiche alla proposta originale.

Secondo una fonte che aveva familiarità con la questione, il risultato finale sarebbe una riduzione del budget a circa 215 milioni di dollari, lasciando fuori voci come il congedo di maternità e le feste.

Pur non entrando nei dettagli, il team principal della Mercedes, Toto Wolff, ha dichiarato ad Imola lo scorso fine settimana che c'erano punti evidenti che andavano modificati rispetto alle proposte presentate.

Toto Wolff, Team Principal and CEO, Mercedes-AMG F1 Team, on the pit wall

Toto Wolff, Team Principal and CEO, Mercedes-AMG F1 Team, on the pit wall

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

"Penso che abbiamo ottenuto i termini di base su come la Formula 1 vede il prossimo quinquennio", ha detto. "Ci sono alcune buone notizie, ci sono alcune cose che discuteremo - pro e contro. E, naturalmente, ci saranno delle trattative".

"Ma vogliamo raggiungere lo stesso obiettivo: far crescere questo sport. Questo significa che il risultato finale cresce e se il risultato finale cresce, i team ne beneficiano ed anche lo sport".

Christian Horner, boss della Red Bull, ha aggiunto: "È la solita discussione: i team vogliono di più e il promotore vuole di più. Ma quello che abbiamo funziona relativamente bene e credo che le basi siano tutte relativamente solide".

"Penso che, man mano che la Formula 1 continuerà a svilupparsi, ad evolversi e a crescere, ci saranno aree in cui potremo perfezionare l'accordo. Ma credo che la base fondamentale sarà la messa a punto piuttosto che la rivoluzione".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente F1 | Famin: "Sanchez già attivo, sta rivedendo le priorità del team"
Prossimo Articolo F1 | Red Bull: meno sottosterzo chiudendo la convergenza anteriore

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia