Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Qualifiche
Formula 1 GP di Spagna

F1 | Norris in pole a Barcellona davanti a Verstappen e alle Mercedes

Lando centra la seconda pole position della carriera dopo quella di Austin nel 2023. La McLaren parte al palo cdel GP di Spagna con un vantaggio di 20 millesimi sulla Red Bull di Verstappen. Seguono le Mercedes di Hamilton e Russell staccate di oltre tre decimi. Leclerc e Sainz sono solo in terza fila con le Ferrari.

Lando Norris, McLaren MCL38

Lando Norris è il pilota dell'imponderabile: l'inglese è capace di "inventare" un giro da pole position con un tempo di 1'11"383 che abbatte di nove decimi il record della pista senza chicane. E' vero Lando ha trovato una buona scia da un'Alpine, ma Norris è stato capace di costruire una tornata perfetta che ha saputo estrarre il massimo del potenziale della MCL38, la monoposto che a oggi sembra diventata il punto di riferimento del Circus.

Norris regala una grande soddisfazione ad Andrea Stella: il britannico festeggia la seconda partenza dal palo dopo quella , molto più casuale, di Austin 2023. La McLaren ha mostrato una grande solidità anche come squadra: l'incendio che ha colpito l'hospitality del team di Woking non ha minimamente condizionato l'attività in pista. E non era un dato scontato. Anzi.

Max Verstappen quando ha siglato l'1'11"403 dentro di sé deve aver pensato di aver messo in cassaforte la 40esima pole con una Red Bull più sofferente del previsto. L'olandese, invece, ha dovuto subire il sorpasso di 20 millesimi di secondo (Lando ha migliorato di mezzo secondo la prestazione della Q2!). La McLaren ha confermato di essere molto bilanciata nella parte centrale dove ha fatto la differenza.

Il tre volte campione del mondo si è leggermente trattenuto nel T1 per spremere le soft nei due tratti successivi: la tattica sicuramente ha pagato e la RB20 sembra aver trovato un buon bilanciamento dopo un duro lavoro di sviluppo svolto nella notte. Se si dovesse giudicare la Red Bull sul piazzamento di Sergio Perez, ottavo, bisognerebbe cambiare opinione sulla macchina lasciata da Adrain Newey. Il messicano, in realtà dovrà schierarsi 11esimo per le tre posizioni di penalità che si porta dietro dal Canada.

La gara sembra una partita a due McLaren-Red Bull, perché la coppia Mercedes che occupa la seconda fila è distante tre decimi. Un'eternità su una pista come quella di Barcellona. Lewis Hamilton è riuscito ad agguantare la terza posizione per due millesimi di secondo su George Russell, segno che i due piloti della Stella ha tratto tutto quello che c'era dalla W15 in crescita indiscutibile, dopo un iniziio di stagione difficile.

La Ferrari occupa la terza fila con Charles Leclerc, quinto, e Carlos Sainz, sesto. Il monegasco ha commesso un errore alla curva 5 dove ha lasciato un decimo, mentre gli bastavano 30 millesimi per essere in seconda fila. Fred Vasseur non ha esitato a mettere in evidenza lo sbaglio del suo pilota, quasi a voler sottolineare che le evoluzioni della SF-24 sono in grado di rivaleggiare con la Mercedes, ma a pesare non è tanto essere finiti dietro alle frecce nero-argento, quanto pagare tre decimi da McLaren e Red Bull.

Carlos Sainz ha finito a 28 millesimi dal compagno di squadra: lo spagnolo pare abbia pagato una preparazione del giro lanciato non perfetto, ma la Ferrari a dispetto degli avversari al vertice non ha trovato alcuna scia. Può essere una scusa, ma servono a spiegare la lettura dei distacchi.

Vedere Pierre Gasly dietro alla Ferrari fa impressione: le due Alpine si sono arrampicate in Q3 con merito, segno che il lavoro fatto da Bruno Famin comincia a dare qualche indicazione positiva. Se Gasly è settimo, Esteban Ocon è nono, per cui non si è trattato di un caso.

Di Perez abbiamo detto, mentre all'appello manca Oscar Piastri con  la seconda McLaren. L'australiano si è visto cancellare il tempo nel primo run della Q3 per un track limit alla curva 10, mentre è finito largo nella ghiaia nell'ultimo tentativo per cui è rimasto senza una prestazione. Il ragazzo evidentemente comincia a sentire la pressione con una macchina che può lottare per la vittoria.

Resta fuori dalla Q3 Fernando Alonso con l'Aston Martin: lo spagnolo non è entrato nella Top 10 per 14 millesimi di secondo. Non è certo andata meglio a Lance Stroll: il canadese, che si era preso una reprimenda per la reazione su Hamilton in FP3, ha chiuso 14esimo perché Lance ha dovuto usare tre treni di soft nuove in Q1. La "verdona" non cresce a resta lontan a dai top team.

In 12esima piazza c'è Valtteri Bottas con la Sauber: il finlandese si è confermato davanti alla Haas di Nico Hulkenberg, dando la sensazione di un risveglio in Spagna dopo troppe gare abuliche e inconcludenti. La squadra svizzera ha portato un aggiornamento sulla C44 e ha funzionato anche con Guanyu Zhou che si meritato il passaggio alla Q2.

Non esce dalla Q1 Kevin Magnussen per 56 millesimi di secondo. Il danese con la Haas risulta essere il primo escluso davanti alle due Racing Bulls che hanno deluso le aspettative dal momento che la squadra di Faenza ha portato una versione della VCARB-01 molto rivista che, evidentemete, ha bisogno di maggiore tempo per trovare una buona messa a punto.

Yuki Tsunoda, molto sorpreso per l'esclusione, si è accontentato di stare davanti a Daniel Ricciardo per un decimino. Chiuderanno la griglia le due Williams con Alexander Albon scivolato in 19esima posizione giusto davanti al compagno di squadra, Logan Sargeant. L'americano ha preso quattro decimi dal penultimo a parità di materiale. Una mazzata per il morale anche per chi ha fatto l'abitudine a essere in coda al gruppo...

   
1
 - 
3
   
   
1
 - 
2
   
Cla Pilota # Telaio Motore Tempo km/h
1 United Kingdom L. Norris McLaren 4 McLaren Mercedes

1'11.383

234.862
2 Netherlands M. Verstappen Red Bull Racing 1 Red Bull Red Bull

+0.020

1'11.403

234.796
3 United Kingdom L. Hamilton Mercedes 44 Mercedes Mercedes

+0.318

1'11.701

233.821
4 United Kingdom G. Russell Mercedes 63 Mercedes Mercedes

+0.320

1'11.703

233.814
5 Monaco C. Leclerc Ferrari 16 Ferrari Ferrari

+0.348

1'11.731

233.723
6 Spain C. Sainz Jr. Ferrari 55 Ferrari Ferrari

+0.353

1'11.736

233.706
7 France P. Gasly Alpine 10 Alpine Renault

+0.474

1'11.857

233.313
8 France E. Ocon Alpine 31 Alpine Renault

+0.742

1'12.125

232.446
9 Australia O. Piastri McLaren 81 McLaren Mercedes

 

 
10 Spain F. Alonso Aston Martin Racing 14 Aston Martin Mercedes

+0.745

1'12.128

232.436
11 Mexico S. Perez Red Bull Racing 11 Red Bull Red Bull

+0.678

1'12.061

232.652
12 Finland V. Bottas Sauber 77 Sauber Ferrari

+0.844

1'12.227

232.118
13 Germany N. Hulkenberg Haas F1 Team 27 Haas Ferrari

+0.927

1'12.310

231.851
14 Canada L. Stroll Aston Martin Racing 18 Aston Martin Mercedes

+0.989

1'12.372

231.653
15 China G. Zhou Sauber 24 Sauber Ferrari

+1.355

1'12.738

230.487
16 Denmark K. Magnussen Haas F1 Team 20 Haas Ferrari

+1.554

1'12.937

229.858
17 Japan Y. Tsunoda AlphaTauri 22 RB Red Bull

+1.602

1'12.985

229.707
18 Australia D. Ricciardo AlphaTauri 3 RB Red Bull

+1.692

1'13.075

229.424
19 Thailand A. Albon Williams 23 Williams Mercedes

+1.770

1'13.153

229.179
20 United States L. Sargeant Williams 2 Williams Mercedes

+2.126

1'13.509

228.070

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente LIVE Formula 1 | Gran Premio di Spagna, Qualifiche
Prossimo Articolo F1 | Norris: "Pole nata da un giro perfetto. Ora voglio vincere"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia