Bottas: "Mi sono preso dei rischi ed è andata bene"

Il finlandese ha beffato Hamilton nei secondi conclusivi ed ha conquistato la pole numero 15 in carriera. Valtteri è riuscito a migliorare nel settore finale prendendosi anche qualche rischio calcolato.

Bottas: "Mi sono preso dei rischi ed è andata bene"

La Mercedes ha fatto 13. Anche ad Imola le W11 sono state le monoposto protagoniste in qualifica monopolizzando l’intera prima fila ma, a sorpresa, ad imporsi in cima alla classifica dei tempi non è stato Lewis Hamilton, bensì Valtteri Bottas.

Il finlandese, grazie ad un ultimo tentativo praticamente perfetto, è riuscito a conquistare la pole numero 15 in carriera beffando il sei volte campione del mondo per appena 97 millesimi di secondo.

1’13’’609. E’ questo il riferimento ottenuto dal finlandese che ha garantito a Bottas il diritto di partire dalla prima casella domani in gara.

Riuscire ad imporsi su Hamilton sul giro secco non è impresa da tutti e Valtteri ne è consapevole.

“Bisogna sempre lottare per conquistare la pole. La pista mi piace moltissimo, specie quando sei costretto a spingere al limite. Sapevo che nell’ultimo tentativo avrei dovuto migliorare i miei tempi e sono riuscito a trovare quei decimi necessari. E’ una bellissima sensazione”.

Fino allo sventolare della bandiera a scacchi che ha sancito la fine del turno sembrava impossibile che Bottas potesse sopravanzare Hamilton nella classifica dei tempi. Il finlandese, infatti, era apparso in difficoltà nell’interpretazione del settore conclusivo del tracciato di Imola, ma Valtteri, dopo aver trovato la giusta concentrazione, è riuscito ad esprimersi al meglio nell’ultimo tentativo a disposizione.

“Ho lavorato molto bene nel primo settore, e sono riuscito ad interpretarlo alla perfezione, mentre faticavo di più in quello finale anche a causa di una fastidiosa instabilità. Nell’ultimo giro sapevo che dovevo dare tutto, ho preso i giusti rischi ed è andata bene”.

Il layout del circuito Enzo e Dino Ferrari non lascia presagire una gara piena di sorpassi. L’unica zona dove si potrà tentare un attacco sarà il lungo rettilineo di partenza, grazie anche al DRS, ma Bottas si è detto consapevole che proprio in questo tratto, almeno al via, dovrà guardarsi le spalle da Hamilton e Verstappen.  

“Sarà una bella lotta. Per arrivare alla prima curva si deve percorrere parecchia strada e sono certo che Lewis e Max proveranno ad insidiarmi. Tuttavia la prima posizione è la migliore dalla quale partire e credo di avere un buon passo per essere in lizza per la vittoria”.

 

condivisioni
commenti
Vettel: "Avevo un buon feeling, ma i tempi non sono arrivati"

Articolo precedente

Vettel: "Avevo un buon feeling, ma i tempi non sono arrivati"

Prossimo Articolo

Hamilton: "Bravo Bottas. Io ho fatto un giro da schifo"

Hamilton: "Bravo Bottas. Io ho fatto un giro da schifo"
Carica commenti
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021