Binotto: "Inutile cercare colpevoli, dobbiamo lavorare uniti"

Il team principal della Ferrari spiega che la cosa più importante non è dare le colpe dell'incidente del Red Bull Ring, ma rendere più veloce una SF1000 deludente.

Binotto: "Inutile cercare colpevoli, dobbiamo lavorare uniti"

Mattia Binotto mastica amaro, ma non potrebbe essere diversamente. La gara delle due Ferrari è durata appena tre curve al Gran Premio di Stiria, perché poi Charles Leclerc e Sebastian Vettel sono entrati in contatto, danneggiando in maniera irreversibile entrambe le vetture.

La responsabilità del pilota monegasto è abbastanza evidente, ma secondo il team principal del Cavallino in questo momento la cosa più importante non è dare delle colpe, ma cercare di capire cosa serve per rendere più competitiva la SF1000 ed evitare di partire indietro come oggi (decimo Seb e 14esimo Charles, ndr).

"La responsabilità e l'errore di Charles penso che, guardando le immagini, siano abbastanza ovvie, ma senza intenzione. E' difficile per noi concludere così un weekend che era già iniziato in salita. Più che guardare alle responsabilità o cercare colpevoli, si tratta di lavorare in maniera unita a Maranello per migliorare la vettura il prima possibile e non partire da metà griglia" ha detto Binotto a Sky Sport F1 HD.

 

Il team principal poi ha spiegato che i due piloti sono già parlati e chiariti: "Ho parlato con entrambi e tra di loro non c'è problema. Charles ha riconosciuto l'errore e Sebastian è dispiaciuto. Ma siamo dispiaciuti tutti noi per quanto capitato, perché dopo tanti sforzi questo non è il modo giusto di finire una gara".

I rammarichi sono tanti quindi in questo weekend, ma probabilmente il più grande è quello di non aver potuto confrontare in gara il pacchetto evoluto della SF1000 che era stato portato per questa seconda gara consecutiva sul Red Bull Ring.

"In questa fase della stagione in cui non siamo competitivi, sarebbe importante fare punti. Il grande rammarico è non aver completato la gara con entrambe le nostre vetture, massimizzando quello che era il nostro potenziale per questo weekend".

Leggi anche:

"Il rammarico è non aver visto la macchina in condizioni d'asciutto e non aver potuto confrontarla in condizioni di gara con quella dell'anno scorso. Ma il più grande è quello di aver visto due Ferrari ferme dopo appena un giro, perché non è la conclusione giusta di un weekend".

Infine, quando gli è stato domandato cosa bisogna fare a Maranello per uscire da questa situazione difficile, ha detto: "Non è una situazione banale. La prima cosa da fare è capire l'origine del problema, perché si può progredire solamente in questo modo".

"Può non essere per forza di una parte sola della vettura, ma potrebbe essere anche un problema di metodologia o di concetto alla base. In questa situazione è giusto essere aperti, osservare ed analizzare tutto per poi essere sicuri di prendere la direzione giusta".

L'incidente alla partenza tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
L'incidente alla partenza tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
1/9

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

L'incidente alla partenza tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
L'incidente alla partenza tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000 e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
2/9

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

L'incidente tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
L'incidente tra Charles Leclerc, Ferrari SF1000, e Sebastian Vettel, Ferrari SF1000
3/9

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

I danni sulla macchina di Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
I danni sulla macchina di Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
4/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
5/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
I danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000
6/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
7/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
i danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
8/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

I danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
I danni sulla macchina di Charles Leclerc, Ferrari SF1000, dopo l'incidente alla partenza
9/9

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
F1: un grande Hamilton da Stiria e... ammira
Articolo precedente

F1: un grande Hamilton da Stiria e... ammira

Prossimo Articolo

Hamilton: "Bello tornare a vincere dopo un weekend complicato"

Hamilton: "Bello tornare a vincere dopo un weekend complicato"
Carica commenti
Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura” Prime

Video | Ceccarelli: “I piloti a Jeddah non avevano alcuna paura”

Insieme a Franco Nugnes ed al dottor Riccardo Ceccarelli andiamo ad analizzare quanto successo in occasione dell'ultimo GP di Formula 1 a Jeddah, dove i piloti si sono dimostrati più forti della paura

Formula 1
8 dic 2021
Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi Prime

Video F1 | Lewis e Max mostrano i limiti di Masi

Michael Masi è ancora una volta protagonista di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il Direttore Gara della F1 ha mostrato tutti i propri evidenti limiti nela conduzione di un infuocato GP dell'Arabia Saudita, con Hamilton e Verstappen che certamente non gli hanno reso la vita facile, ma che hanno cotribuito a mettere in mostra tutte le problematiche di un arbitro che pare sempre più inadeguato al ruolo che ricopre

Formula 1
7 dic 2021
Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato" Prime

Pagelle F1 | Minardi: "Bocciato Masi che ormai è delegittimato"

Nella domenica saudita a far discutere, ancora una volta, è Michael Masi. Un atteggiamento discutibile e che mette in evidenza la difficoltà nel gestire il dentro e il fuori la pista di un mondiale che si deciderà ad Abu Dhabi. Ecco l'analisi di Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi, in questo nuovo video di Motorsport.com.

Formula 1
6 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Hamilton bravo ad evitare le malizie di Max"

Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno offerto uno spettacolo al limite della sportività. L'inglese, tuttavia, è stato più accorto e scaltro dell'olandese, che in un'altra epoca della F1 avrebbe rischiato grosso una volta raggiunto il parco chiuso

Formula 1
6 dic 2021
Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione Prime

Come reagiscono i team di Formula 1 a situazioni di pressione

OPINIONE: La pressione è tutta su Red Bull e Mercedes mentre la stagione 2021 di Formula 1 si prepara alla sua doppietta finale. Il consulente tecnico di Motorsport.com ed ex ingegnere McLaren F1 Tim Wright spiega come le rispettive squadre affronteranno quello che sarà un fattore cruciale nell'esito del campionato piloti e costruttori.

Formula 1
5 dic 2021
F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori Prime

F1 | I benefici potenziali di perdere il titolo Costruttori

Vincere il titolo Costruttori comporta un vantaggio da un punto di vista economico, ma con le nuove regole introdotte dalla F1 i team meglio piazzati devono scontare limitazioni in galleria del vento e al CFD.

Formula 1
5 dic 2021
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Formula 1
4 dic 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Formula 1
4 dic 2021